POR Calabria FESR-FSE 2014/2020: bando per l’internazionalizzazione della Calabria

Finanziamenti agevolati e contributi in conto capitale, a valere sul Fondo Regionale di Ingegneria Finanziaria (FRIF) e sul Fondo per l’Occupazione (FOI), a sostegno dello sviluppo produttivo e dell’espansione in mercati esteri delle imprese calabresi.
 

Sintesi bando internazionalizzazione Calabria – Fondo Regionale di Ingegneria Finanziaria (FRIF)

Area geografica: Calabria

Settore: imprese

Dotazione finanziaria: € 28.338.544,21

Obiettivo: espansione delle imprese all’estero e creazione di occupazione

Beneficiari: imprese

Spese ammissibili: investimenti produttivi, servizi per l’internazionalizzazione

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale e finanziamento agevolato

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

Con il presente bando, la Regione Calabria mira a sostenere le imprese nella realizzazione di programmi di investimenti produttivi, nell’acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, nonché nella creazione di nuova occupazione, mediante l’attuazione del “Fondo regionale di ingegneria finanziaria” (FRIF) e del “Fondo per l’Occupazione e l’Inclusione” (FOI), aventi carattere rotativo ed entrambi rientranti tra gli Strumenti di Ingegneria finanziaria del Por Calabria FESR-FSE 2014/2020 Azione 3.6.1.

A chi si rivolge il bando internazionalizzazione della Calabria?

Possono partecipare al bando le Microimprese e le PMI, costituite da almeno 3 anni ed aventi unità operativa in Calabria, che siano in possesso, alla data di presentazione della domanda, di parametri economico-aziendali specificamente prefissati e che esercitino la propria attività in uno dei settori ATECO 2007 indicati nell’Allegato A al bando.

Leggi anche:  PSR Basilicata sottomisura 9.1: sostegno alla costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale

Per i soli interventi finanziari a valere sul “Fondo regionale di ingegneria finanziaria” (FRIF), le imprese beneficiarie devono esercitare un’attività ricadente in una delle aree di innovazione della Smart Specialisation Strategy (S3), indicate nell’Allegato B al bando e nello specifico: Agroalimentare; Edilizia sostenibile; Turismo e Cultura; Logistica; ICT e Terziario innovativo; Smart Manufacturing; Ambiente e Rischi Naturali; Scienze della Vita.

Quali sono le spese ammissibili al bando internazionalizzazione della Calabria?

Sono ammissibili ad agevolazione le spese relative alla realizzazione di programmi di Sviluppo aziendale ed alla creazione di Nuova Occupazione.

Più in dettaglio, relativamente ai programmi di Sviluppo Aziendale, sono ammesse le spese sostenute in investimenti produttivi (progettazioni ingegneristiche, direzione lavori e studi di fattibilità, acquisto di suolo aziendale, acquisto o realizzazione di immobili, opere murarie ed assimilate, macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica, programmi informatici e licenze) e per l’acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione (partecipazione a fiere e saloni internazionali e realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali, realizzazione di sale espositive ed uffici temporanei all’estero, promozione di incontri bilaterali e partnership fra operatori italiani ed esteri, attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri, rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione, certificazione per l’export).

Relativamente ai programmi finalizzati alla creazione di Nuova Occupazione, sono ammesse le spese sostenute per l’assunzione, a tempo indeterminato, di nuove unità di personale rientranti nella categoria di soggettisvantaggiati”, “molto svantaggiati” e/o “disabili”.

L’intervento finanziario concernente la creazione di Nuova Occupazione è rivolto in favore delle sole imprese che risulteranno beneficiarie anche dell’intervento finanziario finalizzato alla realizzazione di un programma di investimento produttivo.

Leggi anche:  Sì ai regimi di qualità per le aziende agricole: pubblicata sottomisura 3.1 del PSR Sardegna

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Entrambi gli interventi finanziari appena delineati sono concessi in regime de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1407/2013.

Relativamente alla realizzazione di programmi di programmi di Sviluppo aziendale, l’agevolazione è concedibile nella misura massima dell’80% dell’ammontare complessivo delle spese ritenute ammissibili, ripartito secondo le seguenti percentuali:

  • 75% a titolo di finanziamento a tasso agevolato;
  • 25 % a titolo di contributo in conto capitale, relativamente alle sole imprese il cui piano di impresa proposto rientra in uno dei settori di cui alla Smart Specialisation Strategy Calabria S3.

In ogni caso, l’ammontare del finanziamento concedibile per investimenti produttivi non potrà essere inferiore a 80 mila euro né superiore a 400 mila (200 mila per le imprese che non operano in regime di contabilità ordinaria), elevabile a 600 mila euro per le imprese strutturate che soddisfano ulteriori, specifici, parametri economico-aziendali prefissati; l’ammontare del finanziamento concedibile per l’acquisizione di Servizi per l’Internazionalizzazione non potrà invece essere inferiore a 20 mila euro né superiore a 50 mila.

Per quanto concerne invece la creazione di Nuova Occupazione, è prevista l’erogazione di un Finanziamento a tasso zero, nelle seguenti misure:

  • 60% del costo salariale aziendale per singola unità, e per un periodo massimo di 12 mesi, relativamente all’assunzione di soggetti “svantaggiati”;
  • 70% del costo salariale aziendale per singola unità, e per un periodo massimo di 12 mesi, relativamente all’assunzione di soggetti “molto svantaggiati”;
  • 80% del costo salariale aziendale per singola unità, e per un periodo massimo di 12 mesi, relativamente all’assunzione di soggetti “disabili”.

Il Finanziamento concedibile non può, in ogni caso, essere inferiore a 20 mila euro né superiore a 100 mila.

Leggi anche:  Dal PSR Abruzzo Intervento 3.1.1 arrivano i contributi per l'adesione ai regimi di qualità agroalimentari

Come fare per partecipare al bando internazionalizzazione della Calabria?

Le domande dovranno essere compilate e inviate online dal 3 settembre 2018. La data di chiusura dello sportello sarà stabilita in relazione alla disponibilità delle risorse finanziarie.

Scarica il bando sull’internazionalizzazione del Por Calabria FESR-FSE 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy