Regione Calabria, uscito un nuovo bando a sostegno della internazionalizzazione delle PMI

Scopo dell’intervento messo a punto dalla Regione è sostenere le PMI calabresi che intendono diffondere le loro produzioni sul versante internazionale, così da incrementare e potenziare le quote di esportazione regionale nei mercati esteri.

Sintesi bando POR FESR-FSE Calabria Azione 3.4.2

Area geografica: Calabria

Settore: industria

Dotazione finanziaria: € 1.840.734,18

Obiettivo: agevolare l’apertura del sistema produttivo calabrese nei mercati internazionali

Beneficiari: imprese, lavoratori autonomi, consorzi, società consortili di imprese, reti di imprese

Spese ammissibili: partecipazione a fiere, creazione di sale espositive all’estero, realizzazione di azioni promozionali, incontri bilaterali, campagne di comunicazione sul mercato target

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

L’azione 3.4.2 Incentivi all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione in favore delle piccole e medie imprese è un intervento a supporto della internazionalizzazione delle imprese regionali e della diffusione del Made in Italy nel mondo. Per trainare l’export calabrese e spingerlo a livelli di maggiore competitività su scala internazionale, la Regione stanzia quasi 2 milioni di euro in favore di imprenditori e lavoratori autonomi che vogliono affacciarsi su nuove realtà di mercato, promuovendo all’estero la qualità delle produzioni e dei servizi italiani.

Chi sono i beneficiari del bando sull’internazionalizzazione delle imprese della Calabria?

Possono presentare domanda di agevolazione sia le piccole e medie imprese che i lavoratori autonomi, a condizione che alla data di pubblicazione del bando sul BURC, abbiano iniziato l’attività ed abbiano approvato e presentato almeno un bilancio o una dichiarazione dei redditi.

Leggi anche:  PSR Basilicata Sottomisura 5.2: sostegno agli agricoltori per il ripristino dei beni aziendali danneggiati da eventi calamitosi

Sono altresì ammessi a presentare domanda di agevolazione:

  • i consorzi o le società consortili di imprese;
  • le piccole e medie imprese che intendano realizzare un progetto di rete.

L’aiuto viene concesso soltanto se l’iniziativa ricade nelle aree di innovazione della Smart Specialization Strategy (S3) della Regione Calabria, che sono le seguenti:

  1. Agroalimentare;
  2. Edilizia sostenibile;
  3. Turismo e cultura;
  4. Logistica;
  5. ICT e terziario innovativo;
  6. Smart Manufacturing;
  7. Ambiente e Rischi Naturali;
  8. Scienze della Vita.

Per verificare l’appartenenza ad una delle suddette aree, il richiedente dovrà svolgere attività economica afferente ai codici “ATECO 2007” ammissibili individuati per ciascuna area dall’Allegato A del bando.

Quali sono le spese ammissibili per il bando sull’internazionalizzazione delle imprese della Calabria?

Sono finanziabili le spese sostenute dal beneficiario per la partecipazione ad almeno una delle seguenti attività:

  • fiere e saloni internazionali;
  • realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
  • promozione di collaborazioni tra operatori italiani ed esteri;
  • attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
  • potenziamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
  • certificazione per l’export.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il programma deve prevedere spese per un valore minimo complessivo di 10 mila euro. L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili. L’importo massimo concedibile ammonta a:

  • 200 mila euro per i progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o associazioni tra lavoratori autonomi;
  • 50 mila euro per progetti proposti da singole piccole e medie imprese o singoli lavoratori autonomi.

L’erogazione del contributo avverrà secondo le seguenti modalità:

  • anticipazione sino al 40% del contributo;
  • erogazioni successive sino ad un massimo del 90% del contributo, al lordo dell’anticipo eventualmente ricevuto;
  • erogazione finale del residuo 10%.
Leggi anche:  Agricoltura, la Regione Toscana lancia nuovi contributi per interventi irrigui

Come partecipare al bando sull’internazionalizzazione delle imprese della Calabria?

Le domande di agevolazioni possono essere presentate esclusivamente attraverso una procedura online a partire dal 9 luglio 2018

Scarica il bando dell’azione 3.4.2 del POR FESR-FSE Calabria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy