PSR Campania 4.2.1: aiuti all’integrazione delle imprese nelle filiere agro-alimentari

Contributi fino al 50% delle spese ammissibili per le imprese agricole operanti nel settore della lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti.

Sintesi bando PSR Campania – Azione 4.2.1

Area geografica: Campania

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 34,3 milioni di euro

Obiettivo: migliorare la competitività globale delle aziende agro-industriali

Beneficiari: imprese agro-industriali

Spese ammissibili: opere edili, acquisto macchinari, attrezzature, software, brevetti, licenze

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 5 novembre 2018

Approfondimento Bando

Con il presente bando, la Regione Campania intende migliorare, nel rispetto delle logiche di sostenibilità ambientale, la competitività delle aziende agro-industriali integrandole nella filiera agro-alimentare, mediante il cofinanziamento di progetti di investimento volti alla lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli che afferiscono a filiere produttive strategiche per la Campania: ortofrutticola, florovivaistica, vitivinicola, olivicolo-olearia, cerealicola, carne, lattiero-casearia, piante medicinali e officinali.

A chi si rivolge il bando PSR Campania 4.2.1?

Possono presentare domanda di contributo le imprese agro-industriali operanti nel settore della lavorazione, trasformazione, commercializzazione dei prodotti agricoli.

Possono beneficiare delle agevolazioni anche le aziende che esercitano la sola attività agricola, che a seguito del progetto di investimento effettuino la lavorazione e/o trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti agricoli come attività prevalente.

Quali sono le spese ammissibili al bando PSR Campania 4.2.1?

Sono ammesse a contributo le seguenti spese:

  • costruzione o miglioramento di beni immobili, compresi gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica di natura edile;
  •  acquisto di nuovi impianti, macchinari e attrezzature, compresi gli impianti finalizzati al risparmio idrico;
  • programmi informatici, brevetti e licenze, strettamente connessi agli investimenti di cui sopra;
  • spese generali.
Leggi anche:  PSR Veneto Misura 8: innovazione e tecnologia nelle aree forestali con l'intervento 8.6.1

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale sulla spesa ammissibile. L’intensità dell’aiuto è fissata nella misura del:

  • 50% della spesa ammissibile di progetto per le PMI;
  • 25% della spesa ammissibile di progetto per le imprese intermedie;
  • 10% della spesa ammissibile di progetto per le grandi imprese.

Sono fatti salvi i casi in cui il prodotto trasformato non sia un prodotto elencato nell’allegato I di cui al Regolamento UE 1305/2013, nel qual caso le aliquote di sostegno sono del 45% per micro e piccole imprese e del 35% per medie imprese.

L’importo massimo di spesa ammissibile, per ciascuna impresa, è fissato in:

  • 4 milioni di euro per le società di capitali;
  • 2 milioni per le società di persone, imprese individuali e imprese di nuova costituzione.

Come fare per partecipare al bando PSR Campania 4.2.1?

Le domande di contributo dovranno essere presentate online sul portale SIAN entro il 5 novembre 2018.

 Scarica il bando dell’intervento 4.2.1 del PSR Campania 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy