POR FESR Emilia Romagna Azione 1.1.3, contributi a fondo perduto per le PMI costituite in rete

La Regione Emilia Romagna intende svecchiare i processi produttivi più obsoleti, riconoscendo contributi a fondo perduto alle aggregazioni di piccole e medie imprese che avviano percorsi innovativi.
 
 

Sintesi bando POR FESR Emilia Romagna Azione 1.1.3

Area geografica: Emilia Romagna

Settore: industria

Dotazione finanziaria: 12.452.829 euro

Obiettivo: stimolare l’innovazione tecnologica delle piccole e medie imprese

Beneficiari: imprese costituite in rete

Spese ammissibili: personale, consulenza, materiali

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 3 agosto 2018

 Approfondimento Bando

Che l’unione fa la forza è un insegnamento che ci viene tramandato sin da piccoli. Ma che questo principio possa valere anche nel settore imprenditoriale, dominato da logiche competitive, non era poi così scontato. Dimostrare che la sinergia tra più imprese può condurre a risultati migliori, è la scommessa che intende vincere la Regione Emilia Romagna attraverso l’azione 1.1.3 del POR FESR.

Chi sono i beneficiari del bando POR FESR Emilia Romagna Azione 1.1.3?

Possono aderire al bando le PMI che costituiscono contratti di rete collaborativa. Ogni raggruppamento deve essere formato da almeno 3 imprese indipendenti tra loro. Per potere accedere al contributo, ogni impresa facente parte della rete dovrà farsi carico del costo totale in misura pari ad almeno il 10% e non superiore al 50%. Le imprese che intendono presentare domanda, devono inoltre possedere i seguenti requisiti:

  • essere iscritte nel Registro delle imprese territorialmente competente alla data di presentazione della domanda;
  • essere costituite esclusivamente nella forma di società di capitali, società di persone (escluse le società semplici), società consortili nella forma di società di capitali. Particolari requisiti sono previsti per le società cooperative;
  • possedere un codice ATECO (primario o secondario) appartenente agli ambiti produttivi della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente, riportati in appendice 4;
  • essere attive, quindi non versare in stato di liquidazione e non essere state sottoposte a procedure di fallimento o concordato nei 5 anni precedenti la data di presentazione della domanda;
  • non essere qualificate come imprese in difficoltà;
  • non avere subìto nei 3 anni precedenti procedimenti amministrativi connessi alla revoca di atti per indebita percezione di risorse pubbliche, per mancanza di requisiti essenziali o per irregolarità della documentazione prodotta, per cause imputabili all’azienda e non sanabili;
  • non aver già beneficiato di altri finanziamenti pubblici finalizzati a realizzare, anche in parte, le stesse spese previste nel progetto.

Quali sono le spese ammissibili per il bando POR FESR Emilia Romagna Azione 1.1.3?

Per la realizzazione dei progetti finanziati, sono ammissibili le seguenti spese:

  • nuovo personale laureato;
  • personale interno impegnato nel progetto;
  • personale ausiliario;
  • consulenza per le attività di management di rete;
  • consulenza scientifica o specialistica, o per brevetti (o altri IPR);
  • costi dei materiali, delle forniture e di prodotti similari necessari alle prove e/o sperimentazioni, comunque per un valore non eccedente il 20% delle voci elencate nei precedenti punti.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’aiuto regionale è concesso sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 50% dei costi ammissibili. Il contributo alle aziende partecipanti alla rete sarà determinato proporzionalmente ai costi di partecipazione al progetto del singolo componente rispetto al totale dei costi ammessi. I progetti devono avere un costo minimo di 150 mila euro e massimo di 300 mila euro; il valore minimo è ridotto del 50% per le reti di imprese operanti nell’ambito delle industrie culturali e creative.

Come partecipare al bando POR FESR Emilia Romagna Azione 1.1.3?

Le domande di partecipazione al bando possono essere presentate tramite l’applicativo informatico Sfinge 2020 dal 9 luglio 2018 al 3 agosto 2018.

Scarica il bando dell’azione 1.1.3 del POR FESR Emilia Romagna 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy