Stimolare la creatività e l’innovazione: al via al bando per l’artigianato della regione Lazio

Non un settore da accantonare, ma un’attività, quella artigianale, che va supportata in maniera complessiva, perché in costante crescita. Due sono le categorie che il nuovo bando del Lazio vuole sostenere: le imprese artigianali e i centri che erogano servizi per le aziende del settore.

In questo periodo particolarmente delicato, dove trovare un’occupazione diventa sempre più difficile, si assiste a un boom del settore artigianale. Le ragioni sono molteplici, ma alla base vi è un unico pensiero: quando il lavoro manca, bisogna inventarlo. Per questo motivo, soprattutto negli ultimi anni, i prodotti realizzati a mano riscontrano un notevole successo, anche perché sono l’identificazione di un determinato territorio o località. Potenziare le imprese artigianali, cercando di spingere la loro attività verso processi innovativi, dinamici e competitivi, è uno degli obiettivi del nuovo bando diffuso dalla regione Lazio. L’avviso, denominato “Innovazione e creatività Imprese Artigiane e Csa”, è una chiara risposta alle esigenze delle imprese che necessitano di maggiori fondi per costruire un’identità di mercato più forte e trovare nuovi canali commerciali.

Chi può partecipare al bando artigianato promosso dalla Regione Lazio?

Non solo aiuti concreti alle imprese, ma anche un supporto per i Centri Servizi per l’Artigianato. Sono queste le linee definite dal bando che mira a potenziare il settore, offrendo contributi su due fronti.

Chi sono, dunque, i destinatari del bando? Per quanto riguarda la linea di intervento A, “Innovazione e Creatività”, i beneficiari sono:

  • le imprese artigiane iscritte all’albo 1 delle imprese artigiane;
  • le aggregazioni stabili, cioè consorzi e società consortili, di almeno 5 imprese, iscritte all’albo 2 delle imprese artigiane.
Leggi anche:  Bando Internazionalizzazione Toscana per le Micro, Piccole e Medie Imprese

Con riferimento alla linea di intervento B, “Centri Servizi per l’Artigianato”, i destinatari sono appunto i centri che godono di personalità giuridica accreditate presso la regione Lazio, costituiti tramite aggregazioni temporanee; devono essere almeno 2 C.S.A accreditati con una copertura di almeno 2 provincie del Lazio.

I requisiti generali che i richiedenti devono possedere sono: non trovarsi in stato di fallimento, essere iscritti al registro delle imprese (fatta eccezione, qualora sia previsto, per i C.S.A), non essere soggetti a condanne penali, non essere stati accusati di falsa testimonianza e aver restituito eventuali agevolazioni pubbliche ricevute in precedenza.

Di cosa tratta il bando artigianato della Regione Lazio?

I fondi messi a disposizione dal bando sono di 3 milioni di euro. Parliamo di contributi regionali a fondo perduto, pari all’80% delle spese totali del progetto e al 100% per quei programmi che prevedono anche l’assunzione di under 35.

La dotazione finanziaria è suddivisa in base alla tipologia di intervento: più di 2 milioni e mezzo da destinare alla linea A; 400 mila euro per quella B. Per la prima categoria, inoltre, vi è la possibilità di avere anche un fondo-riserva. In particolare, è prevista una riserva di 600 mila euro per i progetti presentati all’interno del settore dell’artigianale artistico e tradizionale; 400 mila euro per le attività artigiane svolte in Comuni con meno di 5 mila abitanti.

Analizziamo adesso l’importo, minimo e massimo, che ogni progetto può ricevere. A tal proposito, dobbiamo distinguere le imprese singole da quelle aggregate. Nel primo caso, la somma minima erogabile è di 5 mila euro, quella massima di 25 mila euro. Le forme aggregate, invece, potranno ricevere un aiuto economico che va da un minimo di 30 mila a un massimo di 70 mila euro. I Centri hanno la possibilità di ottenere un supporto pari all’80% delle spese effettuate fino a un massimo di 200 mila euro.

Leggi anche:  Azione 3.3.1 POR FESR Umbria: la Regione finanzia progetti di internazionalizzazione delle imprese

In relazione alla prima linea d’intervento, le spese ammissibili riguardano:

  • acquisto di materiali, macchinari e attrezzature;
  • lavori edili e acquisto di impianti generici;
  • acquisto di software, piattaforma e-commerce, stampanti 3D e tutto ciò che riguardi l’innovazione e lo sviluppo della creatività;
  • servizi di consulenza commerciale e tecnica per lo sviluppo imprenditoriale.

Per la seconda categoria, invece, i beneficiari possono ottenere degli aiuti economici per le seguenti voci:

  • spese per il personale dipendente;
  • servizi alle imprese;
  • spese generali forfettarie.

Ogni richiedente deve, dunque, presentare un progetto che riguardi l’innovazione tecnologica, organizzativa, commerciale e l’introduzione di processi creativi, per quanto riguarda la prima categoria. I progetti della linea B, invece, devono essere finalizzati a supportare le imprese artigianali, cioè favorire i processi di ammodernamento delle aziende, assisterle nel caso in cui ci siano delle agevolazioni che tali imprese possono ottenere e favorire processi di aggregazioni tra varie imprese.

Come presentare la domanda e partecipare al bando artigianato introdotto dalla Regione Lazio?

Le richieste devono essere inoltrate per via telematica, accedendo al portale GeCoWEB, Dopo la compilazione del formulario, i richiedenti devono inviare domanda e allegati tramite PEC rispettando i tempi stabili. In particolare, per la linea A, la domanda può già essere presentata e le richieste si possono inviare fino al 15 maggio 2018; per la seconda categoria, quella B, i soggetti possono inviare le richieste dal 27 febbraio al 17 maggio 2018.

Innovazione, creatività e homemade sono le tre parole d’ordine del nuovo bando introdotto dal Lazio. In quest’ottica, l’artigianato viene visto come un settore su cui investire, da stimolare e rinnovare. Se anche tu hai un’impresa, o un centro che funge da supporto alle aziende artigianali, non perdere questa occasione. Consigliamo di consultare un esperto e preparare la domanda di adesione.

Leggi anche:  Contributi apicoltura Abruzzo annualità 2018/2019

Approfondisci il bando per l’artigianato della Regione Lazio.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy