Nuove risorse per la riduzione della pressione fiscale per le start-up innovative della Regione Lazio

Tasse e imposte sono i principali nemici delle imprese. Per sostenere l’imprenditoria giovanile e favorire l’innovazione e la crescita economica, la Regione aiuta lo start-up mettendo a disposizione delle risorse da capitalizzare per il pagamento degli oneri di natura fiscale.
 

Sintesi del “Fondo della riduzione della pressione fiscale per le start-up innovative

Area geografica: Lazio

Settore: imprenditoria giovanile

Dotazione finanziaria: 1 milione e mezzo di euro

Obiettivo: sostenere lo sviluppo delle start-up innovative

Beneficiari: start-up innovative

Spese ammissibili: oneri di natura fiscale sostenuti dalle imprese

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: 31 giugno 2018

Approfondimento Bando

Andare all’estero perché soffocati dalla pressione fiscale. Questo il filo rosso che lega tante imprese italiane che decidono di emigrare e spostare la propria sede oltre i nostri confini dove il sistema fiscale è più “amico”. Per rispondere a questa esigenza e creare un ponte tra sviluppo territoriale e imprenditoria giovanile, la Regione Lazio lancia un nuovo avviso pubblico, mettendo a disposizione delle risorse economiche del “Fondo per la riduzione della pressione fiscale a carico delle imprese start-up innovative”.

Si tratta di una strategia che chiama a raccolta i giovani startupper del territorio per sostenere lo sviluppo economico, favorire la loro imprenditoria e garantire una crescita innovativa e sostenibile della Regione.

Leggi anche:  PSR Basilicata Sottomisura 5.2: sostegno agli agricoltori per il ripristino dei beni aziendali danneggiati da eventi calamitosi

Chi può accedere al Fondo per la riduzione della pressione fiscale delle start-up innovative?

Possono partecipare all’avviso le startup innovative che siano registrate nella sezione speciale del registro delle imprese che:

  • svolgano la propria attività nel territorio della Regione Lazio e abbiano pagato per i due anni precedenti alla data di presentazione della domanda di sostegno l’Imposta regionale sulle attività produttive (IRAP);
  • non siano in stato di fallimento o liquidazione;
  • siano in regola con tutta la normativa che disciplina le attività urbanistiche, edilizie, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente;
  • non abbiano ricevuto decreti penali nei tre anni precedenti la data di presentazione della domanda;
  • abbiano restituito agevolazioni pubbliche in seguito a un ordine di recupero;
  • siano in regola con la normativa antimafia;
  • siano a norma con il pagamento di imposte e tasse.

Quali sono le spese ammissibili relative al Fondo per la riduzione della pressione fiscale delle start-up innovative?

Le risorse totali messe a disposizione dall’avviso sono pari a € 1.500.000 euro, di cui 500 mila euro sono destinate all’anno 2018 e il resto per l’anno successivo.

I contributi economici del Fondo sono utilizzati per pagare gli oneri di natura fiscale sostenuti dalle imprese nei primi 2 anni della loro attività. In particolare, il contributo verrà concesso una sola volta; l’importo è determinato in base all’entità dell’IRAP pagata dalle giovani imprese nei due anni precedenti la data di presentazione della domanda.

Le start-up potranno tuttavia richiedere l’aiuto economico anche per un solo esercizio.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Trattandosi di contributo concesso nel rispetto delle normative previste dal regime “de minimis”, l’avviso pubblico rimanda ai Regolamenti europei per definire l’intensità massima di aiuto concessa.

Leggi anche:  Bonus mobili 2018: come beneficiarne?

In particolare, la disciplina europea definisce che le imprese non potranno ricevere massimo 200 mila euro nell’arco temporale dei loro 3 esercizi.

Come presentare la domanda per accedere al Fondo per la riduzione della pressione fiscale delle start-up innovative?

La Regione Lazio mette a disposizione l’avviso pubblico fino a esaurimento delle risorse ma non oltre il 31 ottobre 2019. Le domande dovranno essere inoltrate per mezzo PEC, posta elettronica certificata al seguente indirizzo ricercainnovazionegreeneconomy@regione.lazio.legalmail.it.

Scarica l’avviso pubblico per il Fondo riduzione della pressione fiscale delle start-up innovative.