Movie Up Lazio 2020: sovvenzioni pubbliche per il settore audiovisivo

Tre bandi pubblici per incentivare il consolidamento e l’acquisizione delle competenze degli operatori audiovisivi del Lazio, migliorandone la propensione all’innovazione e all’internazionalizzazione.

Tra le misure finanziate attraverso il P.O.R. Regione Lazio F.S.E. 2014-2020Asse 3 Istruzione e Formazione Obiettivo Specifico 10.4, rientra anche l’iniziativa Sovvenzione Globale MOViE UP 2020, strumento attraverso il quale la Regione intende supportare il settore audiovisivo, sostenendo percorsi formativi, esperienze ed un insieme integrato di azioni e servizi finalizzati all’accrescimento, al consolidamento e all’acquisizione delle competenze degli operatori audiovisivi, in modo da migliorarne la propensione all’innovazione e all’internazionalizzazione.

Per realizzare questi obiettivi, Ass.For.SEO, Organismo Intermedio della Sovvenzione Globale MOViE UP 2020, ha pubblicato tre bandi finanziati dall’Assessorato regionale Lavoro e nuovi diritti, Formazione, Scuola e diritto allo studio universitario, Politiche per la ricostruzione, attingendo dalle risorse previste dal “P.O.R. Regione Lazio F.S.E. 2014-2020 – Asse 3 Istruzione e Formazione Obiettivo Specifico 10.4”.

Movie Up Lazio 2020: le linee di intervento

La misura Sovvenzione Globale MOViE UP 2020 è articolata su cinque diverse linee di intervento. La prima si prefigge di realizzare un’analisi accurata per comprendere i fabbisogni degli operatori del settore audiovisivo regionale rispetto all’innovazione e all’internazionalizzazione.

Sulla base di questa analisi si passa, quindi, allo sviluppo e alla realizzazione di attività formative e seminariali per accrescere e aggiornare le competenze degli operatori del settore.

Con la terza linea di intervento si intende promuovere e realizzare azioni finalizzate all’effettivo sviluppo delle competenze degli operatori, con particolare riferimento al potenziamento delle capacità di internazionalizzazione del settore audiovisivo, attraverso esperienze lavorative all’estero, eventi nazionali annuali, missioni di rappresentanza all’estero e di “incoming” e “outgoing”.

Leggi anche:  Promozione Export e Internazionalizzazione Intelligente: torna il bando per le MPMI dell'Emilia Romagna

La quarta linea di intervento consiste nella realizzazione di azioni di supporto e accompagnamento agli operatori, sempre in funzione dell’innovazione e dell’internazionalizzazione del settore, mettendo a disposizione uno sportello informativo e attività accompagnamento, assistenza tecnica e consulenze specialistiche e individuali.

L’ultima linea di intervento riguarda la comunicazione e la sensibilizzazione sulle iniziative avviate e realizzate, con l’obiettivo di promuovere la Sovvenzione Globale MOViE UP 2020 nel suo complesso, le iniziative intraprese, i risultati conseguiti, attraverso l’organizzazione di incontri di informazione e promozione, lo sviluppo di strumenti di informazione e promozione e dando vita ad azioni di sensibilizzazione e informazione del sistema delle imprese.

Movie Up Lazio 2020: i bandi

Come anticipato, sono tre gli avvisi pubblicati. Il primo avviso prevede l’erogazione di voucher di mobilità ad operatori del settore audiovisivo interessati a svolgere esperienze lavorative all’estero presso aziende o istituzioni del settore. Per partecipare occorre essere lavoratori dipendenti, titolari d’impresa, lavoratori autonomi residenti o domiciliati nel Lazio ed in possesso di esperienze professionali coerenti con le finalità dell’avviso. L’importo dei voucher varia da 2 mila 700 euro a 10 mila euro, a seconda del periodo di permanenza e del Paese di destinazione. Le risorse messe a disposizione ammontano complessivamente ad 1 milione 200 mila euro. C’è tempo fino al 31 luglio 2019 per presentare la domanda.

Il secondo avviso è rivolto alle Micro e PMI e sostiene la realizzazione di missioni “outgoing” e “incoming” per favorire la promozione di scambi e “networking” internazionale per gli operatori del settore. Le imprese che intendono partecipare devono essere iscritte al registro della CCIAA, operare nel settore audiovisivo regionale, avere un codice ATECO coerente con il settore di riferimento dell’avviso ed avere sede operativa nel territorio laziale. Con la domanda di partecipazione dovrà essere presentato un progetto che preveda almeno una missione “outgoing” e almeno una missione “incoming”, e che abbia un valore minimo di 20 mila euro, entro un massimo di 100 mila euro. Il contributo massimo erogabile è pari all’80% delle spese ammesse. Le risorse stanziate ammontano a 800 mila euro e le domande possono essere presentate entro il 1° agosto 2019.

Leggi anche:  Bando FABER: un bando per artigiani della Regione Lombardia che agevola gli investimenti produttivi

Il terzo avviso è finalizzato all’aggiornamento e all’accrescimento delle competenze degli operatori audiovisivi attraverso azioni formative e seminari che portino al potenziamento delle capacità di innovazione e internazionalizzazione. Possono partecipare le imprese del settore della Regione Lazio e gli operatori della formazione. Beneficiari dell’intervento sono i lavoratori residenti o domiciliati nel Lazio occupati in imprese di settore con sede operativa nella regione, imprenditori, manager e lavoratori autonomi dotati di esperienza professionale coerente con l’avviso. Ammontano a 1 milione 500 mila euro le risorse messe a disposizione e il termine per presentare le domande scade il 6 agosto 2019.

La presentazione delle domande, per tutti e tre gli avvisi, devono essere presentate per via telematica attraverso il portale della Regione.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy