Fare impresa in aree rurali? Si può con la sottomisura 6.2 del PSR Liguria

Stimolare la nascita di nuove imprese, sia forestali che destinate all’erogazione di servizi alla persona, per alzare l’asticella dell’occupazione e rendere il territorio produttivo. Ecco il nuovo bando firmato dalla Regione Liguria.

Sintesi bando PSR Liguria – Sottomisura 6.2

Area geografica: Liguria

Settore: agricolo

Dotazione finanziaria: 860 mila euro

Obiettivo: diversificare l’offerta e stimolare l’avvio di nuove imprese forestali e imprese di servizi alla persona

Beneficiari: persone fisiche, imprese agricole e a conduzione familiare

Spese ammissibili: non specificate

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 marzo 2019

Approfondimento Bando

Dalla diversificazione dell’offerta alla creazione di nuove imprese per far crescere l’asticella dell’occupazione. Questo il fil rouge della sottomisura 6.2 del PSR Liguria, che vuole sostenere l’avvio di nuove imprese forestali nelle aree rurali della Regione e nuove attività che offrono servizi alla persona. Non solo aziende agricole, appunto, il territorio deve essere in grado di mettere in campo risorse diversificate.

Chi può partecipare alla sottomisura 6.2 del PSR Liguria?

Per quanto riguarda l’avvio di nuove realtà imprenditoriali nel settore forestale, possono partecipare al bando:

  • persone fisiche;
  • micro e piccole imprese, anche agricole.

Per la seconda categoria, invece, cioè per l’avvio di servizi destinati a bambini, anziani e persone non autosufficienti, i destinatari della sottomisura sono:

  • imprese agricole;
  • imprese agricole a conduzione familiare.

Per ricevere il contributo economico, dunque, i destinatari devono avviare un’attività nel campo forestale con un codice ATECO A02 o nel settore servizi alla persona con il codice ATECO Q88.

Leggi anche:  Programma apistico regionale: la Sardegna approva nuovi finanziamenti a sostegno dell’apicoltura

Il bando precisa però che l’avvio delle due attività deve essere fatto per la prima volta, vincolo che coincide con la creazione della partita Iva. In sostanza, nei 10 anni precedenti alla presentazione della domanda, i richiedenti non devono aver avuto un’impresa che abbia svolto la stessa tipologia di attività richiesta dal bando.

Ma non solo. Per l’avvio di attività sotto forma di società, quindi non in forma individuale, il bando sottolinea i seguenti requisiti:

  • l’imprenditore che avvia una società di persone deve avere almeno il 50% della quota totale oppure riportare nell’atto costitutivo la sua piena gestione ordinaria e straordinaria della società;
  • per le società in accomandita semplice, la persona che avvia la società deve essere socio accomandatario e anche in questo caso godere di pieni poteri decisionali e gestionali;
  • gli stessi poteri decisionali e gestionali devono essere affidati alla persona che avvia l’impresa sotto forma di società di capitali.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il bando stabilisce un importo di sostegno base, che viene incrementato nei seguenti casi:

  • quando la zona in cui viene avviata l’attività presenta degli svantaggi economici e sociali;
  • quando l’avvio di imprese forestali richiede sforzi e organizzazione maggiore rispetto a una normale attività.

In sostanza, il sostegno equivale a 18 mila euro, che viene incrementato per le aziende che risiedono in zone svantaggiate secondo alcune linee-guide, cioè:

  • 4 mila euro in più per le aree di seconda fascia;
  • 6 mila euro in più per quelle di terza fascia;
  • 8 mila euro in più per quelle di quarta fascia.

Nel caso in cui, invece, il richiedente avvia nuove imprese forestali il contributo è incrementato di 8 mila euro.

Leggi anche:  Contratto di sviluppo 2018: procedure più rapide per le agevolazioni

Come partecipare alla sottomisura 6.2 del PSR Liguria?

Per aderire al bando e ottenere i contributi economici, i richiedenti devono inoltrare la loro domanda esclusivamente per via telematica, accedendo al Sistema Informativo Agricolo Nazionale, indicando non soltanto tutte le informazioni richieste ma anche un indirizzo di posta elettronica certificata PEC, pena l’esclusione dallo stesso bando. C’è tempo fino al 15 marzo 2019.

Scarica il bando della sottomisura 6.2 del PSR Liguria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy