Regione Lombardia, attivato il bando per l’efficientamento energetico delle PMI

Il nuovo bando indetto dalla Regione Lombardia offre un sostegno finanziario alle Piccole e Medie imprese che realizzeranno diagnosi energetiche oppure adotteranno il sistema di gestione dell’energia ISO 50001.

Sintesi bando Efficientamento Energetico Regione Lombardia

Area geografica: Lombardia

Settore: industria

Dotazione finanziaria: € 2.271.132

Obiettivo: incentivare le imprese alla realizzazione di diagnosi energetiche o all’adozione del sistema di gestione dell’energia ISO 50001

Beneficiari: imprese

Spese ammissibili:spese inerenti la realizzazione di diagnosi energetiche o l’adozione del Sistema di Gestione dell’Energia ISO 50001

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

Migliorare l’efficienza energetica degli edifici in cui si svolgono le attività economiche della Regione è la finalità sottesa al nuovo bando diramato dall’amministrazione lombarda. Destinatarie del sostegno finanziario oggetto dell’intervento regionale sono le piccole e medie imprese, le quali potranno accedere a contributi finalizzati a coprire il 50% delle spese necessarie per effettuare diagnosi energetiche o adottare il sistema di gestione dell’energia ISO 50001 in ognuna delle unità operative in cui l’imprenditore esercita la propria attività, e fino ad un massimo di 10 sedi.

Chi sono i destinatari del bando per l’efficientamento energetico?

Il bando è rivolto alle PMI in possesso dei seguenti requisiti:

  • non essere obbligate, secondo quanto previsto dall’ 8 del D. Lgs 102/2014, oppure non essere iscritte nell’elenco annuale istituito dalla Cassa Conguaglio per il settore elettrico ai sensi del decreto ministeriale 5 aprile 2013;
  • avere la sede legale o le sedi operative per le quali viene domandato il contributo, nel territorio della Regione Lombardia;
  • mantenere il requisito sopra indicato anche in sede di pagamento del contributo;
  • essere regolarmente costituite ed iscritte nel registro delle imprese da almeno 2 anni alla data del 30 ottobre 2015;
  • se si tratta di imprese di servizi, essere costituite in forma societaria;
  • avere il pieno godimento dei propri diritti e non essere sottoposte a fallimento né ad altre procedure concorsuali;
  • essere conformi ai criteri indicati dal UE 1407/2013 in relazione ai cosiddetti aiuti “de minimis”;
  • non avere percepito e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, aiuti reputati come illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  • essere in regola con la normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro e infortuni, nonché ambientale, ed essere altresì in regola con gli obblighi contributivi;
  • non essere state destinatarie nei 3 anni che precedono la presentazione della domanda, di provvedimenti di totale revoca delle agevolazioni concesse dal MISE e dal Ministero dell’Ambiente, ad eccezione di quelli scaturenti da rinunce;
  • non essere considerate, a norma dell’ 2 del Reg. UE 651/2014, imprese in difficoltà.
Leggi anche:  PO FEAMP Toscana, nuovo bando per migliorare l’efficienza energetica dei pescherecci

Quali sono le spese ammissibili del bando per l’Efficientamento Energetico?

Sono ammissibili le seguenti spese (debitamente documentate):

    • per la realizzazione di diagnosi energetiche:
      1. prestazione eseguita da uno dei soggetti indicati dall’art. 8, comma 1, del D. Lgs 102/14 oppure da società di servizi energetici, esperti in gestione dell’energia o auditori energetici, certificati da organismi accreditati a norma del D. Lgs 102/14;
    • per i sistemi di gestione conformi alla norma ISO 50001:
      1. prestazioni di consulenza, formazione del personale, acquisto di software e di dispositivi hw per la raccolta, la misurazione e l’analisi dei dati al fine di controllare e migliorare la prestazione;
      2. certificazione di conformità alla norma ISO 50001, rilasciata da un organismo terzo, indipendente e accreditato ai sensi del Regolamento CE 765/2008 o firmatario degli accordi internazionali di mutuo riconoscimento.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il contributo copre il 50% delle spese ammissibili e viene concesso per un massimo di:

  • 5 mila euro per ogni diagnosi energetica;
  • 10 mila euro per ogni adozione di sistema di gestione dell’energia ISO 50001.

Come partecipare al bando per l’Efficientamento Energetico?

La domanda di contributo può essere presentata soltanto on line, accedendo al Sistema Informativo SIAGE a partire dal 28 settembre 2016.

Per maggiori dettagli, consulta il bando Efficientamento Energetico della Regione Lombardia.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy