Bando Innodriver Lombardia: finanziamenti a favore della tecnologia e dei brevetti

Continua il programma a favore degli investimenti, della crescita e dell’occupazione, arriva un nuovo bando grazie ai finanziamenti del POR FESR della Regione Lombardia

Il settore tecnologico rappresenta negli ultimi anni il motore di crescita di molte tecnologie occidentali. Negli ultimi venti anni siamo passati da una “società moderna” ad una società che potremmo definire “digitale”. La nostra vita si basa sull’utilizzo di prodotti ad alto contenuto tecnologico e smartphone, computer, tablet, sono alla portata di tutti, anche dei più piccoli. Basta una semplice connessione internet ed è possibile fare shopping on line, prenotare una vacanza, avere notizie dal mondo abbattendo qualsiasi tipo di barriera sia fisica che culturale.

Sviluppare la tecnologia e brevettare sempre nuove idee è il lavoro del futuro, e molti lo hanno già capito. È ad esempio il caso della Regione Lombardia che, nell’ambito del POR FESR, ha indetto il bando Innodriver 2017 per sostenere le micro, piccole e medie imprese che operano nell’acquisizione e sviluppo di mezzi avanzati di innovazione di tecnologia e nei processi che permettono l’ottenimento di brevetti. Cerchiamo di capire meglio in cosa consiste.

Chi può partecipare al bando Innodriver?

Possono partecipare al bando le imprese che hanno i seguenti requisiti:

  • essere micro, piccole o medie imprese regolarmente iscritte presso la Camera di Commercio;
  • avere la sede in un qualsiasi comune lombardo;
  • non avere amministratori o rappresentanti legali che siano stati mai coinvolti in procedimento o reati di stampo mafioso;
  • essere in esercizio, quindi non in condizioni di fallimento, liquidazione ed affini;
  • essere in regola con gli adempimenti contributivi, anche in materia di tutela dell’ambiente e sicurezza del lavoro;
  • non essere beneficiarie di altri aiuti pubblici per lo stesso progetto.
Leggi anche:  Bando Ict Emilia Romagna: contributi a fondo perduto per i professionisti che investono nelle nuove tecnologie

Le imprese devono possedere queste caratteristiche in sede di presentazione della domanda e mantenerli fino alla data di erogazione del contributo. Inoltre, è espresso compito dei beneficiari assicurarsi che gli interventi vengano realizzati come da documentazione presentata, rispettando la tempistica dichiarata.

Cosa prevede il bando Innodriver?

La dotazione finanziaria complessiva è pari a 11 milioni di euro, da dividere in tre misure diverse:

Misura A: finanzia progetti di innovazione di prodotto e di produzione che abbiano come elemento principale la collaborazione tra piccole e medie attività e i centri di ricerca. La somma a disposizione è pari a 7,4 milioni di euro da suddividere tra le imprese beneficiarie. Si tratta di un contributo a fondo perduto, in quota fissa, concessa a fronte di un investimento minimo di 40 mila euro.

Misura B: è un contributo a fondo perduto per supportare i progetti di quelle imprese eccellenti che hanno partecipato al programma europeo Horizon 2020 (Ricerca e sviluppo innovativo), hanno avuto esito positivo, ma non sono riuscite ad accedere al finanziamento a causa dell’esaurimento delle risorse europee. Il capitale a disposizione è pari a 600 mila euro, e l’agevolazione consiste in un contributo forfettario di 30 mila euro.

Misura C: anche in questo caso si tratta di un contributo a fondo perduto, pari al 50 per cento degli investimenti sostenuti che hanno ad oggetto l’ottenimento di uno o più brevetti europei o internazionali che riguardano un’invenzione di tipo industriale, una nuova varietà vegetale, la topologia di semiconduttori, disegno o modelli ornamentali. Un aiuto che si quantifica in 3 milioni di euro come valore complessivo, con un contributo del 50 per cento delle spese ammissibili, e nello specifico:

1 brevetto:

  • contributo alla MPMI: massimo 6 mila euro a fronte di un investimento minimo di 2 mila euro;
  • contributo Startup: massimo 7,2 mila euro a fronte di un investimento minimo di 2 mila euro.
Leggi anche:  Mepa: come funziona e quali sono i vantaggi per le imprese

2 o più brevetti:

  • contributo alla MPMI: massimo 12 mila euro a fronte di un investimento minimo di 4 mila euro;
  • contributo Startup: massimo 14,4 mila euro a fronte di un investimento minimo di 4 mila euro.

I progetti presentati devono inoltre: essere realizzati in Lombardia, documentare e motivare dettagliatamente tutte le spese ammissibili, riguardare l’area di specializzazione tecnologica identificata dalla Regione, essere realizzati entro 240 giorni per la misura A, 365 giorni per B e C dalla data di concessione dei contributi.

Ogni azienda può presentare una sola richiesta di contributo per singola misura, fino ad un massimo di tre richieste per l’intero bando.

Come si partecipa al bando Innodriver?

Le domande di partecipazione devono essere presentate in forma telematica attraverso il sistema SIAGE. Non sono ammesse domande di tipo cartaceo. I tempi di presentazione sono diversi a seconda della misura prescelta:

Misura A: dal 12 al 31 luglio 2017. Qualora le risorse non venissero esaurite potrebbe essere aperto un secondo scaglione dal 10 al 31 gennaio 2018;
Misura B: dal 20 luglio al 31 ottobre 2017;
Misura C: dal 20 luglio al 28 settembre 2017.

Alla domanda di partecipazione vanno inoltre allegati;

  • indicazioni generali dell’azienda;
  • informazioni sulle dimensioni, fatturato e numero di dipendenti;
  • domanda di partecipazione firmata elettronicamente;
  • dichiarazione De Minimis firmata;
  • scheda tecnica del progetto, relativi costi e preventivi;
  • dimostrazione della regolarità della posizione contributiva;
  • nel caso della misura B il progetto presentato nel bando Horizon 2020.

Le graduatorie saranno rese disponibili sul sito della Regione. Si precisa che la Regione si riserva la possibilità di svolgere controlli sull’andamento degli interventi presso le sedi delle beneficiarie.

Leggi anche:  Sostegno a progetti strategici italiani

Affiancarsi a professionisti è sempre una scelta giusta per evitare di incorrere in errori di presentazione, anche perché si tratta di innovazione ed il processo evolutivo ed inventivo non perde tempo e non aspetta nessuno. L’innovazione è sempre in crescita e bandi di questo tipo permettono all’Italia di non restare indietro e di essere presente, con soddisfazione, sullo scenario mondiale.

Approfondisci il Bando Innodriver del POR FESR

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook