La Regione Lombardia lancia il bando Call Hub Ricerca e Innovazione

Il potenziamento degli ecosistemi della ricerca e dell’innovazione, è il focus del nuovo bando indetto dalla Regione Lombardia, che punta ad incentivare forme di collaborazione tra centri di ricerca, università, imprese e amministrazioni pubbliche.

Sintesi bando POR FESR Lombardia Azione I.1.b.1.3.

Area geografica: Lombardia

Settore: ricerca e innovazione

Dotazione finanziaria: 70 milioni di euro

Obiettivo: sostenere la realizzazione di progetti strategici di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale per il potenziamento della capacità competitiva e attrattiva della Regione

Beneficiari: partenariati di imprese e organismi di ricerca e diffusione della conoscenza

Spese ammissibili: personale, macchinari e attrezzature, immobili, brevetti

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 28 marzo 2019

Approfondimento Bando

Le parole d’ordine dell’Azione I.1.b.1.3  “Sostegno alle attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi”, recentemente diramata dalla Regione Lombardia, sono ricerca e innovazione. Con il presente bando, infatti, la Regione si fa promotrice della realizzazione di iniziative strategiche che tendono a facilitare le relazioni tra Università, imprese, centri di ricerca e cittadini, nonché a promuovere – con proiezione internazionale – la diffusione di hub territoriali della conoscenza, della ricerca e della innovazione.

Chi sono i beneficiari del bando Call Hub Ricerca e Innovazione?

Il bando è rivolto a partenariati di imprese (GI, MPMI anche a partecipazione pubblica) e organismi di ricerca e diffusione della conoscenza pubblici e privati, comprese Università, istituti di ricerca e IRCCS.

Leggi anche:  Contributi in arrivo per il settore turistico, online il bando ricettività della Regione Molise

In particolare, possono presentare domanda partenariati, costituiti attraverso uno specifico Accordo di partenariato, composti da un minimo di 3 soggetti e fino ad un massimo di 8 soggetti. All’interno del partenariato deve essere presente almeno una PMI e almeno un organismo di ricerca. Inoltre, i componenti del partenariato devono essere tra loro autonomi.

Ciascun membro del partenariato deve possedere i seguenti requisiti:

  • avere una sede operativa attiva in Lombardia o dichiarare di volerne costituire una entro e non oltre la sottoscrizione dell’Accordo per la ricerca;
  • essere autonomo rispetto agli altri partner secondo quanto previsto dal Reg. UE 651/2014;
  • essere regolarmente costituito, attivo e iscritto presso il Registro delle Imprese. Se l’impresa non è residente in Italia, deve essere costituita secondo le norme del diritto civile e commerciale vigenti nello Stato di residenza dell’Unione Europea e iscritta nel relativo Registro delle Imprese;
  • non rientrare nella definizione di impresa in difficoltà secondo quanto previsto dal Reg. UE 651/2014;
  • non operare nei settori esclusi dall’art. 1 par. 3 del Reg. UE 651/2014.

Ulteriori requisiti, rispetto a quelli già sopra indicati, sono previsti per gli Organismi di Ricerca partecipanti al partenariato, per la conoscenza dei quali si rinvia al bando.

Quali sono le spese ammissibili per il bando Call Hub Ricerca e Innovazione?

Sono ammissibili a contributo le sottostanti categorie di spesa, le quali devono essere indicate nel Piano finanziario:

  • spese di personale;
  • costi per macchinari e attrezzature;
  • immobili, ma solo se fabbricati;
  • costi concernenti la ricerca contrattuale, conoscenze e brevetti;
  • spese generali.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dalla data in cui prende avvio il progetto e non oltre la data prevista per la sua conclusione. Le spese dovranno inoltre essere quietanzate (con documento giustificativo del pagamento) entro 90 giorni dalla data di chiusura del progetto.

Leggi anche:  Come aprire una start-up: requisiti e procedure

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto. L’investimento complessivo del progetto deve essere pari ad almeno 5 milioni di euro. Per ciascun progetto, potrà essere erogato un contributo massimo pari a 5 milioni di euro.

Nello specifico, il contributo massimo concedibile per gli investimenti in Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale ammonta al:

  • 60% della spesa sostenuta per le micro e piccole imprese;
  • 50% della spesa sostenuta per le medie imprese;
  • 40% della spesa sostenuta per le grandi imprese;
  • 40% della spesa sostenuta per gli Organismi di Ricerca.

Come partecipare al bando Call Hub Ricerca e Innovazione?

Per richiedere l’agevolazione, la domanda di partecipazione potrà essere presentata solo attraverso la procedura di invio telematico, accedendo alla piattaforma “Bandi Online” a partire dal 15 gennaio 2019 sino al 28 marzo 2019.

Scarica il bando dell’Azione I.1.b.1.3 del POR FESR Lombardia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy