PSR Lombardia 2014-2020: supporto ai costi di impianto per forestazione e imboschimento

La regione Lombardia avvia la sua campagna contro il cambiamento climatico con la forestazione per migliorare l’ambiente.

Negli ultimi decenni a livello globale molti argomenti sono stati presi a cuore dagli ambientalisti: la deforestazione dell’Amazonia in Brasile, lo scioglimento dei ghiacciai, il clima che diventa sempre più caldo e i livelli altissimi di smog in molte aree industrializzate del pianeta.
La Regione Lombardia, attraverso la Direzione Generale Agricoltura, ha approvato l’iniziativa relativa all’operazione di supporto ai costi di impianto per forestazione e rimboschimento dal programma di sviluppo rurale, il PSR Lombardia 2014-2020. Questa misura, che deriva da disposizioni richieste dall’Unione Europea, ha l’obiettivo di lottare contro il cambiamento climatico, incrementando la biodiversità migliorando il paesaggio, e riducendo inoltre gli apporti di sostanze chimiche.
Tutto questo avverrà attraverso la realizzazione di produzioni di legno compatibile con condizioni climatiche e ecologiche della pianura padana.

I territori interessati dal PSR Lombardia 2014-2020

Tuttavia gli interventi di forestazione e rimboschimento in questione non possono essere effettuati su tutto il territorio della regione che pure ha approvato il provvedimento.
I territori interessati dagli interventi indicati dal PSR Lombardia 2014-2020 sono i comuni identificati dall’ISTAT come territori di pianura, ovvero le zone:

  • delle province di Brescia, Mantova, Lodi, Cremona, Pavia e la Città metropolitana di Milano per quanto riguarda la Tipologia A del provvedimento;
  • delle province di Brescia, Cremona, Mantova, Lodi, Pavia e nel territorio della città metropolitana di Milano per la tipologia B.

La tipologia degli interventi ammessi dal PSR Lombardia 2014-2020 sono:

  • Tipologia A: piantagioni legnose a crescita rapida, di specie di derivanti da foreste adatte alle condizioni locali con 8 anni di durata;
  • Tipologia B: piantagioni legnose di ciclo medio lungo, specie derivanti da foreste adatte a condizioni locali con durata di 20 anni.
Leggi anche:  Rottamazione cartelle Equitalia 2017: nasce Equipro per i professionisti

Per effettuare la verifica di coltura dei terreni, il riferimento è quello dichiarato nel fascicolo aziendale presente nel Sistema delle Conoscenze oppure, nel caso questo non ci sia, in base a foto aeree messe a disposizione dalle istituzioni e dagli enti competenti.

La domanda per effettuare l’intervento di forestazione e rimboschimento può essere effettuata solo ed esclusivamente dalle imprese agricole individuali e dalle società agricole di persone che siano qualificate come imprenditore agricolo professionale ai sensi del relativo decreto legislativo.
I soggetti che invece non sono abilitati a presentare domanda per l’intervento descritto sopra sono i soggetti con personalità giuridica di specifico diritto pubblico. Per ogni soggetto richiedente è disponibile la possibilità di presentare un’unica domanda di aiuto.

A livello finanziario l’operazione complessiva relativa all’esecuzione delle disposizioni attuative indicate precedentemente corrisponde a un importo pari a €4.000.000. Se il contributo complessivo delle domande abilitate al finanziamento supera nell’insieme l’importo indicato sopra, la cifra può essere incrementata con una misura che può essere al massimo del 15%, e che tuttavia deve essere motivata in maniera logica e giustificata dal responsabile dell’intera operazione.
Comunque sia in tutti i casi è garantito il complessivo finanziamento relativo all’ultima domanda che è stata ammessa per le operazioni da effettuare.

Le domande di abilitazione al PSR Lombardia 2014-2020 possono essere presentate dalle imprese che ne hanno i requisiti dal 14 ottobre 2016 alle ore 12:00 del 2 dicembre 2016.
La domanda per entrare a far parte dell’operazione deve essere inviata solo ed esclusivamente in maniera telematica alla Regione Lombardia, ponendo in risalto l’indicazione sull’ambito territoriale principale in cui verrà realizzato l’impianto.
La domanda può essere effettuata compilando il modulo informatizzato presente nel sistema informatico della Regione Lombardia nel Settore delle Conoscenze (Portale Sisco).

Leggi anche:  PMI Innovative: tutte le agevolazioni e i requisiti per richiederle

Le imprese interessate possono effettuare l’invio della domanda in maniera diretta o avvalersi solo per le fasi di compilazione e presentazione, dei soggetti seguenti:

  • centri di assistenza agricola;
  • organizzazioni professionali;
  • liberi professionisti.

La domanda deve essere scaricata in PDF, compilata completamente e sottoscritta da uno dei soggetti abilitati indicati sopra.
La stessa domanda infine deve essere firmata in maniera elettronica, tramite dispositivi per firma elettronica o dispositivi per la firma digitale.

La domanda può essere considerata presentata dopo l’avvenuta assegnazione del protocollo generato dalla piattaforma documentale della Regione Lombardia entro la data di scadenza del periodo di domanda. Se sussiste la mancata assegnazione del protocollo, anche a cause estranee alle responsabilità del soggetto richiedente, la domanda è da considerarsi nulla.

Info: Lombardia

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook