Bando Start up innovative per il Molise

Gli obbiettivi del bando “High tech business” pubblicato dalla Regione Molise, sono diretti alla nascita e sviluppo delle start up innovative allo scopo di supportare lo sviluppo di prodotti, destinato ai processi e servizi a carattere innovativo.

L’innovazione rappresenta la porta del futuro, la Regione Molise ha finanziato circa 2 milioni di euro per non restare impreparata, puntando sulle Start up innovative. Il bando High Tech business, è destinato alle realizzazioni di finanziamenti rivolti alle nuove imprese che investono nell’innovazione tecnologica, per la crescita di beni e servizi di elevato contenuto sia tecnologico che innovativo.

A chi è rivolto il Bando Start Up innovative del Molise?

L’avviso è destinato alle start up innovative di piccola dimensione, in presenza di specifici requisiti, tra cui:

  • essere costituite da non più di 3 anni alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  • avere almeno una sede operativa ubicata sul territorio molisano o si impegnino ad aprirla entro 90 giorni dall’accettazione della domanda di finanziamento;
  • essere iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese;
  • non essere in liquidazione volontaria né sottoposte a procedure concorsuali;
  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente;
  • essere regolarmente iscritte ai fini previdenziali e assistenziali nonché assicurativi, all’ INPS e INAIL.

Possono presentare domanda anche chi intende costituire una start-up innovativa, compresi i cittadini stranieri in possesso del visto start-up, purché l’impresa sia formalmente costituita ed iscritta nella sezione speciale del Registro delle imprese entro 90 giorni dall’accettazione della domanda di finanziamento.

Di cosa tratta il Bando Start Up innovative del Molise?

La Regione non solo mette a disposizione una dotazione finanziaria di circa 2 milioni di euro, ma si riserva la facoltà d’incrementare tale importo con l’utilizzo di altre risorse. Rientrano tra le agevolazioni previste dal bando, le imprese che presentino un piano di impresa coerente con gli ambiti della Smart Specialisation Strategy della Regione: sistema agroalimentare, industrie culturali, turistiche e creative, scienze della vita, innovazione nel sistema ICT, che prevedano sia attività di sviluppo sperimentale che attività d’industrializzazione. I piani d’impresa devono presentare almeno uno dei seguenti requisiti:

  • soluzioni tecniche, organizzative e/o produttive nuove rispetto al mercato di riferimento dell’impresa proponente, anche in chiave di riduzione dell’impatto ambientale;
  • ampliamento del target di utenza del prodotto-servizio offerto, rispetto al bacino attualmente raggiunto dagli altri operatori attivi nel medesimo mercato di riferimento e/o nel medesimo settore;
  • sviluppo e vendita di prodotti-servizi innovativi o migliorativi rispetto ai bisogni dei clienti e/o destinati ad intercettare nuovi bisogni e/o rivolti a innovative combinazioni prodotto-servizio/mercato;
  • modelli di business orientati all’innovazione sociale, anche attraverso l’offerta di prodotti-servizi volti ad intercettare bisogni sociali o ambientali.
Leggi anche:  Casa in legno: una soluzione sostenibile ed economica

La spesa richiesta per la realizzazione dei piani d’impresa non potrà essere inferiore di 20 mila euro, tra le spese per l’attuazione di tali progetti rientrano i seguenti costi:

  • impianti, macchinari e attrezzature tecnologici o tecnico-scientifici, nuovi di fabbrica, funzionali alla realizzazione del progetto;
  • componenti hardware e software;
  • acquisto brevetti e licenze;
  • certificazioni, know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate;
  • progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche;
  • quote di ammortamento di impianti, macchinari e attrezzature tecnologici;
  • canoni di leasing relativi a impianti, macchinari e attrezzature tecnologici, nuovi di fabbrica;
  • affitto dei beni strumentali, affitto di automezzi, costi relativi alla fruizione di servizi di hosting e di housing, costi salariali, costi relativi alle fidejussioni, spese notarili e così via.

Ai beneficiari viene concesso un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ritenute ammissibili, con una percentuale maggiorata del 10%, nel caso di start up innovativa all’atto della domanda incorpori i seguenti requisiti:

  • interamente costituita da persone di età non superiore ai 40 anni;
  • interamente costituita da donne;
  • interamente costituita da persone di età non superiore ai 40 anni e da donne.

Indipendentemente dai requisiti innanzi esposti è previsto un ulteriore contributo del 10%, qualora nella star up vi sia la presenza di almeno un esperto/a ricercatore da non più di 6 anni, impegnato all’estero da almeno un triennio. Resta da precisare, che il contributo massimo è di 100 mila euro, incrementabile a 120 mila euro se in possesso dei requisiti sopra indicati.

Come partecipare al Bando Start Up innovative del Molise?

I beneficiari possono accedere alle agevolazioni attraverso una procedura valutativa con procedimento a sportello, che prevede l’istruttoria delle istanze secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse. Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 31 dicembre 2017, corredate dei piani d’impresa presentati, attraverso una specifica applicazione web. La Regione fa presente che nel caso di esaurimento delle risorse stanziate lo sportello sarà chiuso, salvo diverse disposizioni.

Leggi anche:  POR FESR Sicilia, Azione 3.1.1_02a: contributi alle PMI per la realizzazione di investimenti iniziali

È arrivato il momento di partire, mettersi in moto in qualcosa di nuovo, afferrate al volo l’occasione offerta dalla Regione Molise e orientatevi su una start up innovativa, il consiglio è quello di consultare un professionista esperto nel settore che vi aiuti a preparare e avviare un progetto unico, in modo preciso e dettagliato.

Approfondisci il bando dedicato alle start up innovative del Molise.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook