Bando Fermenti: contributi per progetti e iniziative sociali, culturali e ambientali

Un’opportunità per giovani tra 18 e 35 anni che, in gruppo o tramite associazioni temporanee di scopo, che si cimentano in progetti e iniziative in ambito sociale, culturale e ambientale.

È stato pubblicato il Bando Fermenti, una misura pensata per i giovani di età compresa tra 18 e 35 anni, con l’obiettivo di sostenere progetti e iniziative a livello sociale, culturale e ambientale.

La misura sarà gestita dal Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale in collaborazione con il Dipartimento per le pari opportunità.

Gli ambiti di intervento sono quelli relativi alla promozione dell’uguaglianza per tutti i generi, l’inclusione e la partecipazione, la formazione e la cultura, gli spazi, l’ambiente, il territorio, l’autonomia, il welfare, il benessere e la salute. Ma l’obiettivo è anche quello di favorire la nascita di nuove opportunità per l’inclusione sociale, economica e democratica per i giovani, e lo sviluppo dei territori che offrono minori opportunità.

Per sostenere questi progetti e iniziative, sono previste delle agevolazioni in forma di contributo, dell’ammontare compreso tra 30 mila e 100 mila euro per i progetti presentati da un gruppo informale, e tra 100 mila e 450 mila per quelli proposti da una ATS (Associazione Temporanea di Scopo).

Le risorse finanziarie messe a disposizione per questo Bando ammontano complessivamente a 16 milioni di euro.

Coloro che intendono partecipare potranno contare anche sul supporto tecnico allo sviluppo dei progetti, attraverso un incubatore di impresa sociale.

Chi può partecipare al Bando Fermenti?

Il Bando è destinato ai “gruppi informali”, costituiti da un minimo di 3 ad un massimo di 5 persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni, e alle “Associazioni temporanee di scopo” tra enti del Terzo settore, così qualificati secondo la normativa in vigore, costituiti da massimo di tre enti (incluso il Capofila), il cui consiglio direttivo sia costituito per la maggioranza da persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Leggi anche:  Lazio, contributi in arrivo per la digitalizzazione delle imprese

Ciascun componente del gruppo informale deve avere la cittadinanza italiana oppure deve avere la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, ma essere regolarmente residenti in Italia, o ancora deve avere la cittadinanza di uno Stato non facente parte dell’Unione Europea, ma disporre di un regolare permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo in Italia.

Come partecipare al Bando Fermenti

Per partecipare al Bando occorre presentare un’apposita domanda con la descrizione del progetto e gli specifici allegati debitamente compilati, da inviare entro il 3 giugno 2019 esclusivamente tramite PEC all’indirizzo [email protected]pec.governo.it

Una volta chiusi i termini, le domande pervenute saranno valutate da una Commissione appositamente composta, la quale a lavori ultimati predisporrà la graduatoria preliminare, che verrà poi pubblicata sul portale del Servizio Civile nazionale.

I partecipanti che hanno ottenuto l’ammissione della loro proposta, a questo punto dovranno inviare la richiesta di finanziamento, completa del progetto esecutivo e di tutti gli allegati previsti dal bando, sempre attraverso PEC indirizzata all’indirizzo [email protected]pec.governo.it, entro 60 giorni dalla data della pubblicazione della graduatoria.

Dopo la chiusura di questa seconda fase verrà predisposta e pubblicata la graduatoria definitiva. Saranno finanziate le domande collocate in posizione utile fino ad esaurimento della dotazione finanziaria.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy