Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Sottomisura 17.1: un aiuto alle imprese agricole nella gestione dei rischi

Stanziati 30 milioni di euro per imprenditori agricoli e agricoltori attivi assicurati contro i rischi di fitopatie, eventi climatici infestazioni parassitarie.

Sintesi bando Programma di Sviluppo Rurale Nazionale – Sottomisura 17.1

Area geografica: Italia

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 300 milioni di euro

Obiettivo: miglioramento gestione dei rischi in agricoltura

Beneficiari: imprenditori agricoli

Spese ammissibili: pagamento premi assicurativi

Tipo di finanziamento: sovvenzione

Procedura di selezione: non è prevista selezione

Scadenza: 30 giugno 2019

Approfondimento bando

È stato approvato l’Avviso relativo alla Sottomisura 17.1 del Piano di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN) 2014-2020, riguardante l’assicurazione del raccolto, degli animali e delle piante nel settore agricolo.

L’obiettivo principale è quello di sostenere le imprese del settore nel rendere più efficace la gestione dei rischi in agricoltura, come eventi climatici, calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie, riconoscendo delle sovvenzioni a favore delle imprese che stipulano polizze assicurative contro queste eventualità e migliorando al contempo l’offerta degli strumenti assicurativi.

Un’altra finalità della Sottomisura consiste nel ridurre il divario tra le varie aree del Paese e tra i diversi settori nell’utilizzo delle polizze assicurative in agricoltura.

Chi sono i beneficiari della sottomisura 17.1 del Programma di Sviluppo Rurale Nazionale?

Il beneficio è riservato agli imprenditori agricoli con la qualifica di agricoltore attivo iscritti al Registro delle imprese. Questi devono essere titolari di un Fascicolo aziendale da cui risulti in maniera dettagliata il Piano di coltivazione, il quale dovrà essere mantenuto costantemente aggiornato nel corso del tempo e dovrà indicare:

  • le superfici utilizzate per ottenere il prodotto oggetto dell’assicurazione;
  • i titoli di conduzione validi per l’intera durata dell’operazione per la quale si richiede il contributo.
Leggi anche:  Stabilizzazione precari in Friuli Venezia Giulia: online il bando per la lotta al precariato

I requisiti di ammissibilità devono essere posseduti al momento della presentazione della Manifestazione di interesse e mantenuti nel corso dell’intera durata dell’operazione, salvo eccezioni.

Quali sono le spese ammissibili della sottomisura 17.1 del Programma di Sviluppo Rurale Nazionale?

La sovvenzione consiste nel rimborso dei costi riguardanti il pagamento dei premi assicurativi relativi ad una sola polizza stipulata contro una pluralità di rischi. Sono ammessi al beneficio le polizze che prevedono un risarcimento del danno superiore al 30% della produzione media annua dell’agricoltore, o superiore al 20% della produzione media annua per le polizze sottoscritte dal 1 gennaio 2018 (ad esclusione delle polizze sui rischi sull’uva da vino).

Per ogni prodotto assicurativo previsto dalla polizza, l’imprenditore agricolo deve assicurare l’intera superficie coltivata con una determinata coltura in fase produttiva, in un determinato territorio comunale dove l’azienda ha condotto superfici agricole nel corso della campagna assicurativa 2018 (normalmente i contratti devono essere stati sottoscritti entro il 31 maggio 2018, salvo che sia previsto un termine diverso).

Le spese coperte dalla sovvenzione sono quelle sostenute per il pagamento dei premi per l’assicurazione del raccolto e delle piante basata sul PAI (Piano Assicurativo Individuale) contro il rischio di perdite economiche causate da fenomeni atmosferici, fitopatie e infestazioni parassitarie, così come specificato nell’allegato M 17.1-1.

La sottoscrizione delle polizze agevolate è volontaria e può avvenire sia in forma collettiva che in forma individuale. Quelle collettive sono stipulate tra Compagnie assicurative ed Organismi collettivi di difesa (orme le organizzazioni di categoria), cooperative agricole e loro consorzi o altri soggetti giuridici riconosciuti.

In questi casi gli Organismi collettivi sottoscrivono la polizza collettiva per conto degli agricoltori associati.

Leggi anche:  PO FESR Basilicata Azione 3B.3.3.2: alla riscoperta del patrimonio culturale e naturale

Gli agricoltori che aderiscono ad una polizza collettiva possono sottoscrivere uno o più certificati assicurativi a copertura dei rischi sulle proprie produzioni. In ogni caso l’intero ammontare della sovvenzione non può essere utilizzata per coprire costi di gestione o costi di altra natura.

Come fare per partecipare alla sottomisura 17.1 del PSRN?

Prima di richiedere il pagamento, coloro che intendono richiedere la sovvenzione dovranno indirizzare ad AGEA la domanda di sostegno per la concessione del contributo pubblico, la quale dovrà essere compilata secondo il modello definito dall’AGEA.

L’invio della domanda si effettua esclusivamente per via telematica:

  • dal sito internet AGEA, sottoscrivendo l’atto tramite firma digitale o firma elettronica mediante codice OTP, per le aziende agricole che hanno registrato la propria anagrafica sul portale AGEA (utenti qualificati);
  • dal portale SIAN, in modalità assistita, per le aziende agricole che si sono rivolte a un Centro Autorizzato di Assistenza Agricola (CAA) accreditato dall’OP AGEA.

Le domande di sostegno vanno presentate entro il 30 giugno 2019. Tuttavia, considerando che questa data coincide con un giorno non lavorativo (domenica), la scadenza è posticipata al primo giorno lavorativo successivo, ossia il 1° luglio 2019.

Scarica il bando della sottomisura 17.1 del PSRN 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy