Incentivi per l’insediamento dei giovani agricoltori con l’intervento 6.1.1 del PSR Piemonte

Nuovi contributi ai giovani agricoltori che si insediano nelle aziende agricole in qualità di capo d’azienda.

Sintesi bando PSR Piemonte – Intervento 6.1.1

Area geografica: Piemonte

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 1,800 milione di euro

Obiettivo: favorire l’insediamento dei giovani in agricoltura

Beneficiari: agricoltori

Spese ammissibili: spese materiali e immateriali utili alla realizzazione del piano aziendale

Tipo di finanziamento: premio d’insediamento

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 luglio 2019

Approfondimento Bando

La Regione Piemonte ha avviato l’operazione 6.1.1Premio per l’insediamento di giovani agricoltori” allo scopo di favorire l’insediamento di giovani relativo all’anno 2019. Una serie d’incentivi che puntano non solo a rafforzare il ricambio generazionale del settore agricolo, ma anche a garantire quel proseguimento di tradizioni familiari o secolari che meritano di essere aiutate.

A chi è rivolto il bando per l’insediamento di giovani agricoltori del PSR Piemonte?

Il bando è rivolto ai giovani con età compresa tra 18 anni e 40 anni, proprietari di un’azienda agricola da circa 12 mesi con l’apertura regolare della partita IVA in qualità di capo d’azienda. I giovani che richiedono il sostegno della Operazione 6.1.1 non possono presentare domanda per l’operazione 4.1.2.

Il potenziale beneficiario deve risultare essere agricoltore attivo, con specifiche competenze professionali, ed entro la data di conclusione del Piano Aziendale l’attività agricola dovrà essere riconosciuta come attività principale.

Leggi anche:  PSR Lombardia Sottomisura 8.1: un aiuto alla natura da parte della Regione

Quali sono le spese ammissibili per il bando relativo all’insediamento di giovani agricoltori?

Per poter accedere ai contributi previsti dalla Regione, l’azienda agricola deve avere una dimensione economica aziendale minima pari a 15 mila euro di produzione Standard (10 mila euro in zona montana). I beneficiari devono presentare un Piano Aziendale contenente tutte le indicazioni previste per gli investimenti sia materiali per l’ampliamento dell’azienda, sia individuali, tutti definiti nell’allegato B del bando. La realizzazione del Piano Aziendale deve essere messa in pratica non oltre 9 mesi dopo la concessione del Premio, e deve concludersi in tutte le sue fasi entro i 2 anni.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Il premio erogato ai giovani agricoltori viene versato in due rate, di cui la prima del 66% del totale del premio. Il premio di insediamento verrà erogato per i seguenti importi:

  • domanda per insediamento di un solo giovane: 35 mila euro, con la maggiorazione di 10 mila euro se l’insediamento avviene in zona di montagna;
  • domanda per insediamento congiunto di due giovani: 30 mila euro per ciascun giovane, con la maggiorazione di 7 mila euro per ciascun giovane se l’insediamento avviene in zona di montagna;
  • domanda per insediamento congiunto di più di due giovani, fino a un massimo di cinque: 25 mila euro per ciascun giovane, con la maggiorazione di 5 mila euro per ciascun giovane se l’insediamento avviene in zona di montagna.

Come fare per accedere ai contributi per l’insediamento di giovani agricoltori del PSR Piemonte?

Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 15 luglio 2019, corredate di tutti i documenti, utilizzando il sistema informativo agricolo piemontese.

Leggi anche:  Umbria, pubblicata la misura 16 del PSR in favore della creazione di filiere per la trasformazione di biomassa in energia

Scarica il bando dell’operazione 6.1.1 del PSR Piemonte 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy