Programma apistico regionale: la Sardegna approva nuovi finanziamenti a sostegno dell’apicoltura

Con l’obiettivo di incrementare l’efficacia della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura, grazie anche al ricorso a tecniche migliori, la Regione ha deliberato la concessione di finanziamenti agli apicoltori.

Sintesi bando apicoltura Regione Sardegna

Area geografica: Sardegna

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: € 191.297,32

Obiettivo: sostenere gli apicoltori nell’adozione di tecniche e beni idonei a migliorare l’efficacia della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura

Beneficiari: apicoltori e produttori apistici

Spese ammissibili: acquisto di beni strumentali

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 30 novembre 2018

Approfondimento Bando

Il nuovo intervento approvato dalla Regione Sardegna concede finanziamenti all’apicoltura, con il preciso intento di rivitalizzare un settore da sempre fiorente nell’economia sarda, anche grazie alle favorevoli condizioni climatiche dell’isola. Proprio per tale ragione, il nuovo bando lancia una serie di contributi finalizzati a migliorare gli standard qualitativi della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura, favorire un’efficace azione di prevenzione e lotta delle patologie dell’alveare, nonché stimolare l’esercizio del nomadismo finanziando l’acquisto di arnie. Sono questi alcuni tra i più importanti obiettivi che intende mettere a segno la Regione.

Chi sono i beneficiari dei finanziamenti sull’apicoltura della Regione Sardegna?

Il presente bando è rivolto ad apicoltori e produttori apistici, singoli e associati, in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in regola con la registrazione nella Banca Dati Apistica (BDA) prevista dal decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali di concerto con il Ministro delle politiche Agricole, Alimentari e Forestali del 4 dicembre 2009 contenente disposizioni sull’anagrafe apistica nazionale;
  • avere una partita IVA ed essere iscritti alla Camera di Commercio in qualità di imprenditore agricolo;
  • possedere almeno 15 alveari regolarmente denunciati;
  • essere in regola con la normativa igienico-sanitaria prevista per i locali in cui avviene la lavorazione dei prodotti dell’alveare, sia per le lavorazioni effettuate in proprio che per quelle affidate a terzi.
Leggi anche:  POR FESR Umbria Azione 3.4.1: contributi alle imprese sugli investimenti per macchinari, impianti e beni tangibili

Quali sono le spese ammissibili del programma apistico regionale?

Le spese ammissibili al bando sono strettamente connesse alla specifica tipologia di misura cui accede il beneficiario. Nello specifico:

    1. Assistenza tecnica agli apicoltori e alle organizzazioni di apicoltori: sussidi didattici, abbonamenti schede ed opuscoli informativi ecc.;
    2. Lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare, in particolare la varroasi: acquisto di attrezzature varie e farmaci veterinari idonei, sterilizzazione delle arnie;
    3. Razionalizzazione della transumanza: acquisto arnie;
    4. Provvedimenti a sostegno dei laboratori di analisi dei prodotti dell’apicoltura al fine di aiutare gli apicoltori a commercializzare e valorizzare i loro prodotti: spese per le analisi qualitative dei prodotti dell’apicoltura;
    5. Misure di sostegno del ripopolamento del patrimonio apistico dell’Unione: acquisto di sciami, nuclei, famiglie, pacchi d’api e api regine.

I beni acquistati devono essere nuovi di fabbrica e privi di vincoli e ipoteche.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Per ogni azienda apistica è ammesso un contributo massimo pari a 7,5 mila euro, che viene elevato a 15 mila euro nel caso in cui la domanda di aiuto sia stata presentata in forma associata, ovverosia da parte di cooperative e loro consorzi, o organizzazioni di produttori del settore apicoltura.

Come ricevere i finanziamenti per l’apicoltura della Regione Sardegna?

La domanda di aiuto può essere presentata soltanto in modalità telematica, inoltrando una propria PEC all’indirizzo [email protected], dopo aver compilato l’apposito modulo. Per richiedere il finanziamento, c’è tempo sino al 30 novembre 2018.

Consulta il bando apicoltura della Regione Sardegna.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy