Voucher Startup: incentivi per le startup innovative 2016

Con il bando Voucher Startup la Regione Sardegna intende finanziare progetti di innovazione di prodotti e servizi offerti dalle micro e piccole imprese che operano da tre anni almeno.

Requisiti per la partecipazione

La Regione Sardegna ha pubblicato un bando per il finanziamento di startup che operano in qualsiasi settore dell’economia e con sede operativa nella regione. Al bando possono partecipare tutte le imprese che rientrano nelle categorie di Micro e Piccole Imprese regolarmente costituite e che abbiano almeno tre anni di vita al momento della presentazione della domanda. La caratteristica principale che sarà tenuta in considerazione in fase di valutazione sarà, a parità di altri elementi, l’innovatività che caratterizza l’ambito di lavoro dell’impresa.
Per poter presentare la domanda, le imprese devono risultare regolarmente iscritte al Registro delle Imprese e, in particolare, nella sezione speciale che riconosce le startup innovative; inoltre, le imprese non devono aver già ricevuto aiuti per lo sviluppo delle startup superiori ai 100 mila euro o aiuti e finanziamenti nello stesso tipo di attività e per la copertura di spese per le quali si presenta la richiesta di finanziamento per il Voucher Startup.
Tutti i requisiti richiesti dal bando possono essere attestati tramite dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Beneficio voucher startup

Il bando Voucher Startup evidenzia, all’articolo 7, i massimali del piano di utilizzo e l’intensità dell’incentivo, che cambiano a seconda del tipo di impresa e del livello di innovatività del progetto per il quale viene richiesto l’aiuto. Il valore del voucher varia quindi, a seconda dei casi, tra un minimo di 15 mila euro a un valore massimo di 100 mila euro. Per quanto riguarda invece l’intensità dell’aiuto, ossia la percentuale in copertura dei costi previsti dal progetto, essa è compresa tra i valori del 60-90%, e anche questa varia a seconda del tipo di impresa e del livello di innovatività del progetto; altri fattori che verranno valutati saranno il grado di rischio e i criteri di pari opportunità e di ricaduta territoriale (sia dal punto di vista ambientale che sociale). Tutti i parametri di valutazione sono riportati nella tabella inglobata nell’articolo 7 del bando.

Leggi anche:  Al via la prima edizione del Digital Startup Contest

Presentazione delle domande e criteri di valutazione

Le domande per la richiesta di incentivi va effettuata solo ed esclusivamente tramite il sistema informatico SIPES, ossia il Sistema Informatico della Regione Autonoma della Sardegna.
La scadenza per la presentazione è fissata al giorno 29 dicembre 2017 alle ore 12.00.
Per poter presentare la domanda, oltre ad essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dal bando, l’impresa richiedente dovrà anche essere titolare di una PEC, regolarmente registrata al Registro delle Imprese, tramite quale effettuare comunicazioni ufficiali; non sono accettati gli indirizzi che riportano l’estensione gov.it. e  il legale rappresentante deve essere in possesso di firma digitale valida, ossia rilasciata da certificatori ufficiali.
La valutazione delle domande avverrà in ordine cronologico di invio telematico: tra tutte le richieste idonee alla partecipazione verrà poi stilata una graduatoria in base alle caratteristiche di merito delle domande stesse prendendo in considerazione una serie di parametri tra cui:

  • qualità e coerenza;
  • innovatività;
  • sostenibilità economico-finanziaria;
  • piano di utilizzo del voucher;
  • effettiva configurazione della startup;
  • capacità tecniche e gestionali dei soggetti coinvolti.

La valutazione sarà effettuata da una Commissione interna coadiuvata, qualora fosse necessario, da esperti del settore. Potrà rendersi necessario un incontro con i vari team proponenti per richiedere ulteriori informazioni relative alla proposta di progetto e per valutare l’eventuale stadio di sviluppo di progetti già avviati per i quali si richiede il finanziamento o per richiedere maggiori dettagli su determinati aspetti non ben definiti nella domanda. Tutti i criteri di valutazione, sono riportati all’interno del bando, all’articolo 10.

Erogazione del contributo e durata dei progetti

L’erogazione del Voucher Startup potrà essere richiesto in due differenti modalità, come da articolo 11 del bando:

  1. rendicontazione con anticipazione;
  2. rendicontazione senza anticipazione.
Leggi anche:  Comunicato A.I.A.C.E. aiuti per il terremoto del 24 agosto 2016

Nel primo caso il contributo sarà saldato con un anticipo del 40%, un’ulteriore tranche del 40% a seguito di verifica dello stato dell’arte del progetto e un saldo finale a conclusione dello stesso.
La durata prevista per l’utilizzo del voucher è di 12 mesi, con possibilità di proroga fino ad un massimo di ulteriori due mesi.

Il bando Voucher Startup rappresenta un’importante possibilità per tutte le Micro e Piccole Imprese che operano nei diversi settori dell’economia sarda e che necessitano di incentivi per terminare progetti innovativi relativi a prodotti o servizi.

Info: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook