Al via il bando per migliorare l’efficienza energetica delle imprese in Sicilia

Attraverso l’azione 4.2.1 del Por Fesr Sicilia in arrivo finanziamenti alle imprese per ridurre i consumi energetici e i gas climalteranti delle PMI e delle GI isolane.

Sintesi bando POR FESR Sicilia – Azione 4.2.1

Area geografica: Sicilia

Settore: impresa

Dotazione finanziaria: 37 milioni di euro

Obiettivo: riduzione consumi energetici e gas climalteranti delle imprese

Beneficiari: imprese

Spese ammissibili: spese connesse ad interventi da realizzare al fine di ridurre i consumi energetici nei cicli produttivi

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: non specificata

Approfondimento Bando

La Regione ha pubblicato la scheda di preinformazione dell’azione 4.2.1 “Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle micro, piccole, medie e grandi imprese e delle aree produttive compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza” del PO FESR Sicilia 2014-2020. Per far ciò il bando eroga finanziamenti destinati alla realizzazione di impianti produttivi che permettano ai soggetti beneficiari di autoprodursi energia attraverso fonti rinnovabili.

Chi sono i soggetti beneficiari del bando per l’efficienza energetica della Regione Sicilia?

Destinatari sono le PMI e le Grandi Imprese (GI).

Quali sono le spese finanziate dall’azione 4.2.1 del PO FESR Sicilia?

Le spese che possono essere finanziate sono:

  • installazione di trasformatori elettrici al fine di azzerare l’energia reattiva;
  • installazione di motori elettrici a più elevata efficienza;
  • installazione di inverter su motori elettrici, sostituzione di caldaie a tecnologia obsoleta;
  • installazione di inverter su compressori, forme di refrigerazione a minor dispendio energetico, recupero di cascami termici, impianti di generazione combinata di energia elettrica/calore/freddo (cogenerazione/rigenerazione ad alto rendimento di potenza elettrica massima pari a 1 MW), unità di micro-cogenerazione ad alto rendimento, impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili per autoconsumo.
Leggi anche:  Contributi all'innovazione con il bando imprese artigiane della Basilicata

Possono essere finanziate spese anche relative alla riduzione generale dei consumi complessivi e sono agevolati anche gli audit energetici-preordinati agli interventi veri e propri di efficientamento energetico ad esclusione degli audit energetici delle grandi imprese, obbligatori ai sensi della normativa vigente.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Considerando che ogni beneficiario può presentare più domande per singolo intervento, indipendentemente da quante ne vengano presentate, ciascun proponente non potrà ricevere incentivi superiori a 200 mila euro nel caso di piccole e medie imprese e di 1 milione di euro nel caso grandi imprese.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato in ogni caso non deve essere superiore a 3 milioni di euro per le PMI non energivore e di 5 milioni di euro per le PMI energivore e le Grandi Imprese.

Come fare per partecipare al bando per l’efficienza energetica della Sicilia?

La domanda per accedere al bando andrà presentata tramite portale delle Agevolazioni a partire dalle ore 14,00 dal quarantesimo giorno e sino alle ore 24,00 del cinquantesimo giorno dalla pubblicazione dell’Avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione.

Scarica la scheda di preinformazione dell’azione 4.2.1 del PO FESR Sicilia 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy