POR FESR Toscana Industria 4.0: arrivano contributi per investire nell’innovazione manifatturiera

Buone notizie per le micro, piccole e medie imprese della regione. In arrivo finanziamenti destinati a migliorare l’innovazione delle aziende

 

 

Sintesi del bando sostegno all’acquisizione di servizi audit 4.0

Area geografica: Toscana

Settore: industria

Dotazione finanziaria: 1,5 milioni di euro

Obiettivo: realizzazione di progetti di investimento in attività di innovazione delle piccole e medie imprese

Beneficiari: imprese, reti di imprese con personalità giuridica, consorzi

Spese ammissibili: servizi finalizzati alla diagnosi della situazione competitiva di un’impresa

Tipo di finanziamento: contributi in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: esaurimento risorse

Approfondimento Bando

La Regione Toscana, in linea con l’azione 1.1.2 del POR FESR 2014 – 2020 ha pubblicato un bando per il sostegno all’acquisizione di servizi di audit 4.0 con l’intento di agevolare la realizzazione di progetti di investimento in attività di innovazione delle piccole e medie imprese in linea con la strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana (RIS3); nello specifico saranno finanziati progetti legati a ICT e Fotonica, Fabbrica Intelligente, Chimica e nanotecnologia.

Chi può partecipare agli incentivi del Por FESR Toscana Industria 4.0?

Possono aderire al presente bando:

  • micro e PMI, compresi i liberi professionisti, in forma singola o associata (ATS, ATI, Rete-Contratto);
  • reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Consorzi, società consortili.

Le imprese devono essere iscritte alla CCIAA competente per territorio ed esercitare un’attività manifatturiera con codice ATECO ISTAT 2007 tra quelli identificati nell’allegato.

 

Quali sono le spese ammissibili del Por FESR Toscana Industria 4.0?

Sono ammissibili le spese per servizi di Audit ossia consulenze in materia di innovazione per l’implementazione del paradigma Industria 4.0. I servizi devono riferirsi alla sede legale dell’impresa. Nel caso in cui questi vengano acquisiti da impresa con sede legale ubicata fuori dal territorio regionale, ma unità locale sul territorio, sono ammissibili in quota parte in modo proporzionale agli addetti per unità locale. Contratti e costi sono ammissibili se stipulati, fatturati e pagati dal giorno successivo alla data di presentazione della richiesta. L’erogazione del finanziamento avverrà attraverso voucher.

Massimali di spesa e intensità dell’aiuto

L’aiuto sarà erogato sotto forma di voucher secondo i seguenti importi:

  • microimpresa: agevolazione del 60% investimento minimo di 5 mila euro e massimo 7,5 mila euro
  • piccola impresa: agevolazione del 50%, investimento minimo di 5 mila euro e massimo 12,5 mila euro
  • media impresa: agevolazione del 40%, investimento minimo di 5 mila euro e massimo 20 mila euro.

il progetto deve essere completato entro 6 mesi dalla data della concessione dell’agevolazione.

 

Come partecipare al bando del Por FESR Toscana Industria 4.0?

Per partecipare al bando, le aziende interessate devono presentare le loro domande esclusivamente on line attraverso il sito di Sviluppo Toscana, previo rilascio delle credenziali di accesso al sistema informativo. Le domande potranno essere presentate in via continuativa fino ad esaurimento delle risorse.

Scarica il bando per il sostegno all’acquisizione di servizi audit 4.0

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy