POR FESR Umbria 2014-2020: la Regione sostiene le imprese che investono in ricerca e sviluppo

Con l’obiettivo di migliorare la competitività e l’innovazione del sistema produttivo umbro, la Regione ha stanziato ingenti risorse per il finanziamento di progetti imprenditoriali volti a valorizzare la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale.

Sintesi bando POR FESR Umbria – Azione 1.1.1

Area geografica: Umbria

Settore: imprese

Dotazione finanziaria: 8 milioni di euro

Obiettivo: incrementare le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nella Regione

Beneficiari: imprese extra-agricole

Spese ammissibili: personale dipendente di ricerca, strumentazioni, attrezzature e macchinari, servizi di consulenza, spese generali

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a sportello

Scadenza: 22 gennaio 2019

Approfondimento Bando

Un’azione di stimolo al rilancio dei processi interni connessi alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale avviata con il finanziamento di progetti a valere sul bando Ricerca e Sviluppo 2015. È questo il nocciolo dell’Azione 1.1.1. recentemente diramata dalla Regione Umbria. Al centro dell’intervento riservato alle piccole, medie e grandi imprese del territorio umbro un budget considerevole, pari a 8 milioni di euro, messo a disposizione della imprenditoria locale in funzione di incentivo alla realizzazione di investimenti nel campo della ricerca e sviluppo.

Chi sono i beneficiari dell’azione 1.1.1 del POR FESR Umbria 2014-2020?

Le agevolazioni previste dal presente bando sono riservate alle PMI e alle grandi imprese extra-agricole, così come previste dal Reg. UE 651/2014.

Leggi anche:  Bando “Al Via” della Regione Lombardia: finanziamenti agevolati alle PMI

Le imprese beneficiarie iscritte nel Registro delle Imprese devono possedere il seguente requisito:

  • presenza di almeno una unità produttiva nel territorio regionale, come risultante da visura camerale al momento della presentazione della domanda di contributo.

Le imprese beneficiarie non iscritte nel Registro delle Imprese devono avere il luogo di esercizio dell’attività d’impresa, risultante dal certificato di attribuzione della Partita Iva, nel territorio regionale.

Per i liberi professionisti che esercitano in forma individuale, associata o societaria è richiesto il possesso di partita Iva, nonché l’iscrizione nei relativi albi o ordini professionali.

Inoltre, per tutti i soggetti beneficiari, la sede oggetto d’intervento deve essere attiva ed avere, al momento della domanda di contributo, codice di attività ATECO 2007 tra quelli indicati nell’allegato 1 del bando.

Quali sono le spese ammissibili per l’azione 1.1.1 del POR FESR Umbria 2014-2020?

Sono ammissibili al bando le seguenti tipologie di spesa:

  • spese per personale dipendente di ricerca;
  • costi per strumentazioni, attrezzature e macchinari;
  • servizi di consulenza;
  • materiali direttamente collegati alle attività di ricerca;
  • spese generali di gestione connesse alla realizzazione del progetto.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, calcolato in percentuale sulla base delle spese ritenute ammissibili.

Nello specifico, il contributo coprirà il 60% delle spese ammissibili se l’investimento della micro, piccola e media impresa viene effettuato nella ricerca industriale; se invece ha ad oggetto lo sviluppo sperimentale il contributo coprirà il 35% delle spese ammissibili.

Trattandosi viceversa di grande impresa, il sostegno coprirà il 50% dell’investimento in ricerca industriale ed il 25% dell’investimento in sviluppo sperimentale.
Per le piccole e micro imprese è inoltre prevista una maggiorazione del contributo pari al 10% se il progetto di ricerca e sviluppo prevede una collaborazione con uno o più organismi di ricerca, purché l’organismo di ricerca in questione partecipi ad almeno il 10% dei costi ammissibili ed abbia il diritto di pubblicare i risultati delle proprie ricerche.

Leggi anche:  Contributi in arrivo per gli allevatori della Sardegna grazie alla misura 14 del PSR

L’ammontare minimo della spesa complessiva del progetto non può essere inferiore alla cifra di 130 mila euro e non può superare l’importo di 1,5 milioni di euro.

Come partecipare all’azione 1.1.1 del POR FESR Umbria 2014-2020?

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate telematicamente accedendo al portale della Regione Umbria. Il termine ultimo per fare richiesta di contributo è il 22 gennaio 2019.

Scarica il bando POR FESR Umbria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy