Benessere degli animali, pubblicata la misura 14 del PSR Umbria

Contributi agli allevatori che vogliono introdurre buone pratiche di allevamento per migliorare la qualità di vita degli animali e dunque incrementare anche la competitività dei prodotti destinati al mercato.

Sintesi bando PSR Umbria – Misura 14

Area geografica: Umbria

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 5 milioni di euro

Obiettivo: generare benessere agli animali di allevamento e dunque incrementare la qualità dei prodotti destinati al mercato

Beneficiari: allevatori

Spese ammissibili: non specificate

Tipo di finanziamento: premio annuale Unità di Bovino Adulto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 15 maggio 2019

Approfondimento Bando

Dalla giusta alimentazione passando per una corretta illuminazione, facilità nell’accesso al cibo e all’acqua e offerta di un’adeguata libertà di movimento. Restituire, insomma, dignità agli animali di allevamento e migliorare dunque la qualità dei prodotti. Questi gli obiettivi della Regione, che con la misura 14 del PSR Umbria 2014-2020 mette a disposizione dei contributi destinati agli allevatori del territorio.

In sostanza, gli stessi allevatori devono impegnarsi a modificare il loro piano aziendale e apportare sostanziali migliorie nella loro pratica di allevamento per raggiungere le finalità del bando. In particolare, tre sono le azioni comprese nella misura 14: la prima (14.1.1) destinata alle aziende che introducono il sistema di allevamento all’aperto per la specie suina; la seconda (14.1.2) rivolta invece agli allevatori di bovini da carne che passano dal sistema di allevamento intensivo a quello di allevamento all’aperto con libertà di pascolamento degli animali e svezzamento naturale dei vitelli; la terza (14.1.3) vuole indirizzare le aziende a introdurre e soprattutto a mettere a pieno regime pratiche gestionali, sanitarie e tecniche che contribuiscono a generare benessere agli animali.

Leggi anche:  Finanziamenti a fondo perduto in Sicilia: attivata l’operazione 4.4.d a favore dell’agricoltura

Chi può accedere alla misura 14 del PSR Umbria?

Possono partecipare al bando gli agricoltori che hanno la qualifica di agricoltore attivo, svolgono attività di allevamento e possiedono delle stalle nelle zone colpite dal sisma del 2016. In particolare, le aree sono: Arrone (TR); Cascia (PG); Cerreto di Spoleto (PG); Ferentillo (TR); Montefranco (TR); Monteleone di Spoleto (PG); Norcia (PG); Poggiodomo (PG); Polino (TR); Preci (PG); Sant’Anatolia di Narco (PG); Scheggino (PG); Sellano (PG); Vallo di Nera (PG) e Spoleto.

Ma non solo, le stalle devono avere il codice identificativo attribuito dai Servizi Veterinari registrato dalla Banca Dati Nazionale dell’Anagrafe Zootecnica (BDN); gli allevatori devono inoltre mantenere aggiornati i registri di stalla e il fascicolo nella Banca Dati di riferimento, a seconda appunto della specie di animale allevata.

Per essere ammessi al contributo il bando prevede che si rispettino alcuni requisiti, in particolare gli allevatori devono:

  • essere iscritti alla Camera di Commercio con il Codice ATECO agricolo di riferimento;
  • possedere la partita Iva;
  • mantenere per almeno 5 anni i requisiti previsti dalla misura.

Quali gli interventi ammissibili dalla misura 14 del PSR Umbria?

Come abbiamo già anticipato, la misura prevede tre diversi ambiti di intervento. Ecco nella fattispecie maggiori dettagli per accedere.

  • INTERVENTO 14.1.1 – Sistema di allevamento di suini all’aperto: per accedere a questa tipologia di intervento, i richiedenti devono rispettare specifiche condizioni, cioè:
    • devono garantire, per ogni singola fase dell’allevamento, per le scrofe 1600 mq/capo e per i suini in accrescimento e/o ingrasso 600 mq/capo per le aziende con superficie ricadente nelle Zone Vulnerabili da Nitrati (ZVN), mentre per tutte le altre zone del territorio regionale per le scrofe 500 mq/capo e per i suini in accrescimento e/o ingrasso 300 mq/capo;
    • fornire un numero adeguato di mangiatoie per l’alimentazione degli animali;
    • impegnarsi a garantire un numero adeguato di punti di abbeverata pari ad almeno un abbeveratoio a tazza ogni 15 suinetti o suini o 10 scrofe.
  • INTERVENTO 14.1.2 – Sistema di allevamento bovino linea vacca – vitello: per questo secondo ambito di intervento, possono accedere al contributo gli agricoltori che si impegnano a rispettare le seguenti condizioni:
    • garantire che l’alimentazione dei vitelli avvenga attraverso l’allattamento naturale e con libertà di pascolamento;
    • offrire agli animali un adeguato spazio libero, che sia di 5 mila mq di superficie foraggiera aziendale libera per ogni vacca e vitello e 4 mq/vitello per i ricoveri;
    • garantire il pascolo delle mandrie per tutto il periodo necessario, maggio- settembre per le zone montane e maggio-ottobre per le altre aree.
  • INTERVENTO 14.1.3 – Benessere degli animali per le filiere: bovina da latte, bovina da carne, ovicaprina ed equina: per questo terzo ambito di intervento, possono presentare la domanda di sostegno i conduttori di allevamenti riguardanti di bovini e bufalini da carne, bovini e bufalini da latte, ovicaprini e equini. Gli obiettivi riguardano la formazione del personale impiegato, l’attenzione per gli aspetti sanitari, la struttura dove si svolgono le attività di allevamento e la corretta alimentazione da fornire agli animali.
Leggi anche:  La Sicilia offre voucher formativi grazie al Progetto Giovani 4.0

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Per quanto riguarda l’intervento 14.1.1 l’aiuto concesso è calcolato sulla base delle UBA (Unità Bestiame Adulto); l’importo ammonta a 318,00 euro UBA l’anno (le UBA ammesse al sostegno non possono essere inoltre aumentante durante il periodo vincolato dei cinque anni).

Per l’intervento 14.1.2, l’importo concesso è pari a 126,00 euro l’UBA l’anno.

Per l’intervento 14.1.3, invece, l’importo varia sulla base dei punteggi ricevuti tenendo conto degli obiettivi della misura e degli impegni assunti da ciascun allevatore.

Come presentare la domanda per accedere alla misura 14 del PSR Umbria?

Le domande di sostegno possono essere presentate soltanto online, accedendo alla procedura informatica messa a disposizione da AGEA nel portale SIAN. Il termine ultimo per accedere alla misura è il 15 maggio 2019.

Scarica il bando della misura 14 del PSR Umbria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy