Giovani talenti: Nuove opportunità di lavoro

Il Governo stanzia un fondo a favore dell’orientamento formativo al lavoro di giovani talenti tra i 15 ed i 28 anni per offrire loro nuove occasioni di impiego.

Con uno stanziamento di 2 milioni di euro il governo punta a dare una mano alla nuova generazione in cerca di occupazione aiutando enti ed organizzazioni a promuovere azioni mirate al sostegno, all’inserimento occupazionale e all’auto imprenditorialità di giovani talenti. Le risorse sono destinate ai giovani tra i 15 ed i 28 anni, con la finalità di favorire lo sviluppo di nuove opportunità di lavoro autonome o dipendenti.

A chi è rivolto?

Il bando è indirizzato ad enti ed organizzazioni del Terzo settore singoli o associati in ATS (Associazione Temporanea di Scopo), con un numero massimo di tre componenti, che intendono promuovere interventi di orientamento e formazione giovanile.

In queste categorie di richiedenti rientrano:

  • associazioni di promozione sociale;
  • cooperative sociali;
  • organizzazioni di volontariato;
  • fondazioni;
  • enti ecclesiastici, morali ed associazioni con attività e finalità istituzionali compatibili con gli obiettivi di questo avviso pubblico.

Di cosa si tratta?

Per accedere alla richiesta dei finanziamenti previsti da questo avviso pubblico i richiedenti devono aver realizzato durante gli ultimi tre anni attività riconducibili a quelle previste dal bando per un importo complessivo pari ad almeno il doppio del finanziamento richiesto.
Tutte le proposte progettuali devono illustrare le attività progettuali specificando:

  • gli obiettivi da raggiungere;
  • i risultati attesi;
  • le modalità di realizzazione del progetto sotto il profilo tecnico, metodologico ed organizzativo;
  • le regioni in cui si svolgeranno le attività previste nel progetto;
  • la durata del progetto, che non deve essere superiore a 24 mesi;
  • il numero dei destinatari del progetto.
Leggi anche:  Incentivi start-up innovative: un bando per sviluppare l’economia

Ogni richiesta di cofinanziamento deve rientrare in un importo tra i 100 ed i 150 mila euro.

Le spese ammissibili al finanziamento statale sono indicate nell’apposito modello allegato alla domanda di finanziamento e possono riguardare, tra le altre cose:

  • spese per il personale, il cui importo massimo finanziabile è fissato nel 70% della cifra totale richiesta indicata nel progetto;
  • spese per servizi e forniture da acquisire. Questi costi devono indicare il tipo di spesa da sostenere con i relativi importi; in questo caso l’importo massimo finanziabile è fissato nel 25% del totale richiesto nel progetto;
  • spese da sostenere per viaggi e soggiorni. Per queste voci si deve indicare la motivazione del viaggio ed il luogo di destinazione e l’importo massimo finanziabile non può essere superiore al 5% della cifra totale richiesta indicata nel progetto;
  • spese generali: tutte le spese da sostenere per il pagamento delle utenze, per la gestione ordinaria dei locali in cui si svolge il progetto e per i materiali di consumo. L’importo massimo finanziabile è il 15% della spesa totale indicata nel progetto.

Tutte le spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione del progetto e devono essere identificabili attraverso fatture dettagliate.

Come fare?

Per presentare i progetti è necessario registrarsi con la propria casella di posta elettronica certificata sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale. Una volta ottenute le credenziali di accesso si procede con la compilazione della domanda di partecipazione, della proposta progettuale e del piano finanziario. La domanda che è stata generata dal sistema deve essere salvata e firmata digitalmente dal soggetto proponente.
A partire dal 1 dicembre 2016 è possibile inoltrare i progetti relativi all’inserimento lavorativo di giovani talenti all’indirizzo di posta elettronica certificata ″dgioventuescn@pec.governo.it ″, indicando il codice identificativo dell’Avviso, la denominazione del soggetto proponente e il codice identificativo della proposta progettuale inviata che è stato generato dal sistema. Il termine ultimo di presentazione dei progetti è fissato alle ore 18 del 1 febbraio 2017.

Leggi anche:  Arriva il bando Microcredito Donna

Questa iniziativa del governo nasce per aiutare i giovani ad avere nuove opportunità di lavoro, cercando di contrastare, in questo modo, la sempre maggiore percentuale di disoccupazione della nuova generazione.

Info: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook