PSR Calabria Misura 6: in arrivo 4 milioni di euro a sostegno della diversificazione delle imprese agricole del territorio

L’obiettivo del finanziamento è potenziare la redditività e la competitività delle imprese agricole sostenendo lo sviluppo di attività legate ad agricoltura sociale, fattorie didattiche, agriturismi, piccoli impianti di trasformazione e spazi aziendali.

Al giorno d’oggi è ormai impensabile poter ottenere reddito e valore economico da una singola attività economica: non si può pensare di coltivare solo pomodori e diventare ricchi, o perlomeno vivere dignitosamente. Bisogna diversificare, bisogna aprire la mente e sviluppare nuove idee, (alla coltivazione di pomodori si potrebbe aggiungere, ad esempio, la produzione di pomodori secchi), così da migliorare la redditività globale dell’azienda e la relativa competitività.

Proprio dalla necessità di incrementare il potere economico delle imprese, nello specifico di quelle agricole, è stato emanato il bando attuativo dell’intervento 6.4.1. “Sostegno ad interventi di diversificazione e multifunzionalità delle imprese agricole”.

Vediamo i punti più importanti del bando.

A chi si rivolge la misura 6 del PSR Calabria?

Il bando si rivolge alle aziende agricole del territorio calabrese che, per poter concorrere all’ottenimento del beneficio, devono possedere i requisiti che indichiamo di seguito:

  • essere ubicati in area C o D;
  • prevedere investimenti che interessino beni immobili di pertinenza dell’attività agricola;
  • avere regolare iscrizione al Registro delle imprese della Camera di Commercio – sezione speciale agricola;
  • per le imprese agricole costituite nella forma di società di capitali, avere come forma esclusiva di esercizio l’attività agricola;
  • per gli agriturismi in attività al momento della presentazione della domanda di sostegno, dimostrazione del possesso nell’anno precedente di un volume di affari, derivante esclusivamente dall’attività agrituristica, non inferiore a 5 mila euro;
  • non risultare “in difficoltà”;
  • non avere un finanziamento europeo in pendenza (per il quale non è ancora stato pagato il saldo).
Leggi anche:  PSR Sardegna Sottomisura 16.4: in arrivo finanziamenti per lo sviluppo delle filiere corte

Le imprese dovranno altresì redigere un “business plan” esplicativo del piano degli investimenti, organico e funzionale che sarà poi allegato alla domanda di finanziamento.

Di cosa tratta la misura 6 del PSR Calabria?

Per questo bando è stato previsto un finanziamento di 4 milioni di euro.

La strada per raggiungere l’obiettivo definito dal bando è lo sviluppo della multifunzionalità delle aziende agricole attraverso un ampliamento della gamma di servizi e prodotti offerti dall’azienda, attraverso il sostenimento e lo sviluppo di attività legate all’agricoltura sociale e alle fattorie didattiche, alla creazione di piccoli impianti di trasformazione e spazi aziendali per la vendita di prodotti aziendali non compresi nell’allegato I del Trattato (a prescindere dall’input, quali ad esempio: prodotti per la cura del corpo, compost, resine, coloranti naturali, prodotti forestali, ecc.) nonché alla realizzazione di agriturismi anche in risposta al miglioramento dell’offerta turistica e alla crescente domanda di nuovi servizi (turismo eco-sostenibile, enogastronomico, sportivo, esperienziale, benessere e cura del corpo, ecc.).

Il sostegno è concesso secondo il criterio “de minimis”. Ciascun proponente potrà presentare un progetto di investimento per una spesa non superiore a 400 mila euro ed una intensità di aiuto non superiore al 50%, corrispondente ad un valore massimo di 200 mila euro di contributo pubblico.

Il finanziamento per agriturismi, per piccoli impianti di trasformazione e spazi aziendali, per fattorie sociali e per fattorie didattiche è previsto per progetti di massimo 100 mila euro.

Come fare per partecipare alla misura 6 del PSR Calabria?

Il bando scade il 28 febbraio 2017.

La domanda va compilata e corredata di tutta la documentazione indicata sul bando, esclusivamente on-line attraverso il portale SIAN, e poi spedita via mail all’indirizzo [email protected], per il tramite di un Centro Autorizzato di Assistenza Agricola accreditato dall’OP ARCEA o di un professionista accreditato.

Leggi anche:  PSR Liguria sottomisura 3.1: sostegno agli agricoltori che investono nei regimi di qualità

Essendo esplicitamente richiesto dal bando, il nostro consueto consiglio di avvalervi di un valido professionista per farvi affiancare in tutto l’iter procedurale, diventa superfluo e si riduce in un invito ad affrettarvi a presentare la domanda vista l’imminente scadenza.

Approfondisci la misura 6.4.1 del PSR Calabria.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy