Fondo europeo per la pesca: finanziamenti per il restiling del settore ittico in Emilia Romagna

L’obiettivo è di migliorare la competitività delle piccole e medie imprese nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

Sintesi Fondo europeo per la pesca – Misura 5.69

Area geografica: Emilia Romagna

Settore: ittico

Dotazione finanziaria: non specificata

Obiettivo: ridurre l’impatto sull’ambiente attraverso l’innovazione delle strutture e dei processi produttivi

Beneficiari: imprese che operano nel settore dell’acquacoltura

Spese ammissibili: acquisto di macchinari e attrezzature, realizzazione di impianti, interventi per il risparmio energetico

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 1 luglio 2019

Approfondimento bando

Il sostegno, identificato nella misura 5.69, rientra nell’ambito dei Fondi Feamp (Fondo Europeo per la pesca e per gli affari marittimi) con l’obiettivo di migliorare la competitività delle micro e piccole imprese nel settore della pesca e dell’acquacoltura.
Più specificamente la finalità della misura è di dare nuova vitalità al comparto ittico, supportando un cambiamento ed una rivalorizzazione radicale. Si punta, infatti, a dare una spinta all’innovazione di prodotto e di processo, favorire il risparmio energetico, ridurre l’impatto ambientale delle lavorazioni, valorizzare e differenziare la qualità del prodotto ittico e migliorare la sicurezza, l’igiene e le condizioni di lavoro.

Chi sono i destinatari del Fondo europeo per la pesca dell’Emilia Romagna?

Destinatari sono le micro e PMI dell’Emilia Romagna, che operano nel settore della trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura. L’attività di trasformazione deve risultare dalla visura camerale e i beneficiari devono essere iscritti alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura.

Leggi anche:  Sì ai regimi di qualità per le aziende agricole: pubblicata la sottomisura 3.1 del PSR Sardegna

Quali sono le spese ammissibili per i finanziamenti del settore ittico dell’Emilia Romagna?

Sono ammissibili solo le spese sostenute dalla pubblicazione dell’Avviso relative ad investimenti organizzati funzionalmente in un progetto per la trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura e per la commercializzazione all’ingrosso dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura trasformati dall’impresa richiedente (ad esclusione di interventi per la commercializzazione, che comprendano l’esposizione per la vendita o la messa in vendita, la vendita, o qualsiasi altro modo di commercializzazione nella comunità). Nel dettaglio sono ammissibili le spese per:

  • acquisto di macchinari e attrezzature;
  • realizzazione di impianti;
  • adeguamento di impianti a tecnologie avanzate;
  • acquisto di generatori ad efficienza energetica;
  • interventi per il risparmio energetico;
  • investimenti per l’introduzione o ammodernamento di impianti ad energia rinnovabile;
  • nuove costruzioni limitatamente all’area del sito produttivo;
  • acquisto di edifici già costruiti, per un importo non superiore al 10% della spesa totale ammessa;
  • acquisto di attrezzature informatiche, compreso il solo software specifico/specialistico, se funzionali agli investimenti proposti;
  • opere murarie e impiantistiche strettamente collegate agli investimenti proposti;
  • acquisto di cassoni coibentati/impianti frigoriferi montati su autoveicoli ovvero di automezzi dotati di coibentazione e gruppo frigorifero non amovibile dalla motrice;
  • spese generali collegate al progetto finanziato, quantificate forfettariamente fino ad una percentuale massima del 10% dell’importo totale delle altre spese ammesse.

Intensità dell’aiuto e massimali di spesa

Il contributo è pari al 50% della spesa ritenuta ammissibile, ed il limite va da un minimo di 100 mila euro ad un massimo di 800 mila euro.

Come accedere al Fondo europeo per la pesca dell’Emilia Romagna?

La domanda di ammissione al contributo deve essere trasmessa entro l’1 luglio 2019 tramite raccomandata A/R a Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca Servizio Attività faunistico-venatorie e pesca oppure all’indirizzo PEC [email protected]

Leggi anche:  PSR Lombardia Misura 10, sottomisura 10.1: presentazione domande di sostegno/pagamento 2019

Approfondisci la misura 5.69 del PO FEAMP dell’Emilia Romagna.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy