Pacchetto Giovani: essere agricoltori in Friuli Venezia Giulia conviene

Finanziati interventi a favore dei giovani agricoltori per favorire nuovi insediamenti aziendali nel territorio regionale.

Ci sono luoghi dove il rapporto dell’uomo con la terra affonda le sue radici nei secoli. Il Friuli Venezia Giulia è ricco di posti come questi dove oggi il testimone retto dalle precedenti generazioni è pronto per essere trasmesso nelle mani dei giovani.
Nell’ambito del pacchetto giovani, la Regione ha promosso un bando volto a favorire il ricambio generazionale nella gestione delle aziende agricole con un occhio di riguardo ai giovani agricoltori in attività. Vediamone nel dettaglio il funzionamento: dai soggetti beneficiari alle scadenze previste.

A chi è rivolto il Pacchetto Giovani?

I potenziali beneficiari sono giovani agricoltori con un’età compresa fra i 18 compiuti e i 41 anni non compiuti, in possesso di requisiti professionali e formativi in materia agricola. In particolare dovranno attestare la conclusione di un ciclo di studi, superiore o universitario in materia agraria, veterinaria, forestale, naturalistico-ambientale; dovranno inoltre aver acquisito conoscenze relative alla gestione di un’impresa agraria e al rispetto delle norme in materia ambientale, certificabili attraverso il superamento di una prova finale al termine di un corso regionale di almeno 150 ore.
Se i giovani agricoltori non sono in possesso di questi requisiti, dovranno conseguirli entro 30 mesi dalla concessione del contributo ovvero entro il termine di realizzazione del Progetto aziendale, nel caso in cui lo stesso abbia durata inferiore ai 2 anni e mezzo.
Devono essere insediati come capi azienda per la prima volta, il che equivale a ricoprire ruoli di controllo e gestione dell’azienda o ad esserne l’amministratore con funzioni di controllo, nel caso di aziende costituite in forma societaria. Le aziende agricole nelle quali si insediano i giovani agricoltori, definite come piccola impresa o microimpresa, devono essere iscritte alla Camera di Commercio con codici di attività riconducibili al settore agroalimentare e avere, inoltre, minimi produttivi che a seconda della tipologia aziendale, vanno da un minimo di 10 mila euro ad un massimo di 200 mila euro.

Leggi anche:  Imprenditoria femminile: 2 milioni di euro per lo sviluppo di progetti innovativi

Di cosa tratta il Pacchetto Giovani?

Sono poco più di 2,7 milioni di euro le risorse comunitarie destinate al bando; il contributo ha natura forfettaria e la sua concessione è subordinata alla realizzazione del piano aziendale.
Sotto un profilo generale, vengono ammesse le spese:

  1. sostenuto nell’ambito della Regione Friuli Venezia Giulia;
  2. destinate ad un miglioramento dell’azienda in termini di equilibri economici e ambientali;
  3. ad un miglior efficientamento energetico;
  4. ad un innalzamento dei livelli produttivi;
  5. ad una crescita della produzione sotto il profilo della qualità.

L’entità del contributo varia a seconda della zona su cui l’azienda è insediata da un minimo di 20 mila euro a un massimo di 40 mila euro.
Le spese ammissibili sono quelle relative a:

  • acquisto o costruzione di fabbricati destinati alla produzione e alla lavorazione;
  • acquisizione di apparecchiature hardware e applicativi software;
  • strumenti rivolti ad attuare azioni di risparmio energetico;
  • realizzazione di infrastrutture per la raccolta delle acque reflue;
  • azioni per la miglioria dei fondi;
  • acquisto di terreni;
  • pagamento di orari professionali per attività di consulenza e certificazione entro il limite del 5% delle spese ammissibili;
  • acquisto di macchinari;
  • creazione di opere di viabilità inerenti aree di pertinenza aziendale;
  • realizzazione di opere di elettrificazione;
  • azioni per migliorare il benessere degli animali al di sopra degli standard minimi;
  • opere di terrazzamento dei terreni;
  • opere per il contenimento dei livelli di inquinamento acustico.

Restano invece escluse le spese sostenute per opere inerenti abitazioni e relative pertinenze, acquisto di beni e terreni usati già destinatari di benefici economici di natura pubblica, acquisto di diritti di produzione agricola e in generale tutte le spese sostenute che non contribuiscano al miglioramento produttivo e degli standard qualitativi dell’azienda.

Leggi anche:  PSR Toscana sottomisura 4.3.2: ecco come potenziare l'accesso ai terreni agricoli

Come fare per partecipare al Pacchetto Giovani?

Le domande devono essere presentate dal richiedente entro il 31 marzo 2017. I moduli utilizzabili sono quelli forniti dal portale Sian, devono essere compilati in ogni loro parte e inviati all’indirizzo di posta elettronica certificata, indicata dall’Assessorato regionale alle politiche agricole e forestali.
Alla domanda, a pena di esclusione, devono essere allegati tutti i documenti previsti dal bando.

In una regione come il Friuli Venezia Giulia, tradizionalmente e per natura vocata ad una grande produzione agro – alimentare, fare agricoltura significa poter contribuire ad una delle più riconosciute eccellenze del made in İtaly nel mondo. Non è soltanto un lavoro che può dare grandi soddisfazioni ma è l’opportunità di poter rendere la propria attività fonte di prestigio e ricchezza per il proprio territorio. Consulta un professionista e invia la domanda, si tratta di un’occasione non solo di rilancio personale, ma di ricchezza per la propria comunità.

Info: Avviso Pubblico

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook