Fondo Creatività Regione Lazio: un input per il rilancio delle attività culturali

Al centro della misura recentemente approvata dalla Regione Lazio, c’è il desiderio di promuovere la nascita e lo sviluppo delle imprese attive nel settore delle attività culturali e creative, cofinanziandone i costi di avvio e di primo investimento.

Sintesi bando Fondo creatività

Area geografica: Lazio

Settore: culturale e creativo

Dotazione finanziaria: 450 mila euro

Obiettivo: sostenere la nascita e lo sviluppo delle imprese attive nel settore delle attività culturali e creative

Beneficiari: imprese e liberi professionisti che operano nel settore culturale e creativo

Spese ammissibili: investimenti immateriali e materiali, costi di finanziamento

Tipo di finanziamento: contributo a fondo perduto

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 12 aprile 2019

Approfondimento Bando

Per la Regione Lazio – e certamente trattasi di pensiero da condividere ed emulare – la strada maestra per il rilancio della nostra nazione, già flagellata da diverse brutture e problematiche, è la cultura. Volendo passare dalla teoria alla pratica, la Regione ha attivato il Fondo Creatività, che prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto in favore di start up e liberi professionisti che orbitano nel mondo della cultura, cofinanziando le spese relative all’avvio dell’attività imprenditoriale, ivi inclusi i costi per l’investimento e le spese di gestione.

Chi sono i beneficiari del Fondo Creatività della Regione Lazio?

Le agevolazioni previste dal presente bando sono riservate a:

  • micro e PMI in forma singola, costituite da meno di 2 anni, inclusi i liberi professionisti titolari di partita Iva da meno di 2 anni, aventi sede operativa nel territorio della Regione Lazio;
  • imprese e i liberi professionisti in possesso di partita Iva che abbiano sede operativa (o che abbiano ulteriori sedi) fuori dalla Regione Lazio al momento della presentazione della domanda, purché intendano attivare una sede nel territorio regionale entro e non oltre 90 giorni dalla concessione del contributo. In tale ipotesi, resta fermo che le spese ammissibili al bando devono riferirsi alla sede operativa nella Regione Lazio;
  • PMI non ancora costituite: in questo caso, l’aspirante impresa, nel caso ottenga il contributo, dovrà costituire l’impresa e procedere con l’iscrizione nel Registro delle Imprese di una Camera di Commercio sita in territorio laziale entro 90 giorni dalla data di comunicazione della concessione del contributo, stabilendo una sede operativa nel territorio della Regione Lazio.
Leggi anche:  Bando Rinnova Veicoli: così la Lombardia intende migliorare la qualità dell’aria

Quali sono le spese ammissibili del Fondo Creatività della Regione Lazio?

Le spese ammissibili sono quelle per investimenti materiali e immateriali, compresi i costi capitalizzati, nonché i costi di funzionamento coerenti con il Progetto di Avviamento, tra i quali, a titolo esemplificativo, possiamo annoverare le seguenti:

  • oneri di costituzione (per le PMI costituende);
  • macchinari, attrezzature (hardware compresi) e altri beni strumentali;
  • oneri per la fornitura di servizi qualificati, come l’iscrizione a portali web e altre organizzazioni che erogano supporto commerciale, tecnologico, legale, finanziario, etc..;
  • infrastrutture di rete e collegamenti;
  • costi per le fidejussioni assicurative e bancarie finalizzate all’ottenimento dell’erogazione a titolo di anticipo;
  • certificazioni di processo e di prodotto;
  • materiali di prova, realizzazione di prototipi e collaudi finali;
  • acquisizione o licenza d’uso di opere dell’ingegno o diritti di proprietà industriale;
  • spese di funzionamento dell’impresa;
  • promozione e pubblicità entro il limite massimo del 30% del totale delle spese ritenute ammissibili in sede di concessione del contributo.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’agevolazione è concessa a titolo di contributo a fondo perduto. In particolare, l’agevolazione è erogata a fronte della presentazione di un Progetto di Avviamento reputato ammissibile, ed è pari all’80% delle relative spese ammesse. Il contributo massimo concedibile ammonta a 30 mila euro per beneficiario.

Detto contributo sarà rideterminato, sempre nella misura dell’80%, in sede di erogazione a saldo in base alle spese effettivamente sostenute, fermo restando che non potrà in nessun caso risultare superiore all’importo concesso.

Come partecipare al Fondo Creatività della Regione Lazio?

Le domande di agevolazione devono pervenire via PEC all’indirizzo [email protected] entro il 12 aprile 2019, compilando l’apposito formulario disponibile nella piattaforma online GeCoWeb.

Per saperne di più, scarica il bando Fondo Creatività della Regione Lazio.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy