Investimenti ambientali, arrivano gli sgravi fiscali per le PMI

Le aziende green che effettueranno degli investimenti ambientali potranno ottenere sgravi fiscali dal primo settembre 2016.

La protezione e tutela dell’ambiente risulta essere un argomento di grandissimo interesse sul suolo italiano.
Protagoniste saranno le piccole e medie imprese italiane, che potranno accedere agli sgravi previsti dal Governo mediante la legge formulata il ventitré dicembre del 2000.
Ecco in cosa consistono questi sgravi e come ottenerli.

Investimenti ambientali: proteggere l’ambiente conviene

Le piccole e medie imprese potranno finalmente ottenere degli sgravi fiscali grazie ai tantissimi investimenti che, le stesse, hanno effettuato per poter rendere moderni i loro impianti i quali devono essere in grado di tutelare l’ambiente stesso.
L’argomento ecologico sta quindi molto a cuore al paese italiano visto che, a partire dal primo settembre, tutti i tipi di investimenti effettuati in questo ambito potranno essere oggetto di uno sgravo fiscale che permetterà, alle aziende piccole e medie, di poter ottenere diverse agevolazioni importanti.
Ma vediamo, nel dettaglio, tutto quello che riguarda questa domanda che possiede, come oggetto, le agevolazioni fiscali.

Sgravi fiscali: cosa si intende per agevolazioni di questo settore

Le agevolazioni per le imprese, che effettuano degli investimenti per ridurre il loro impatto ambientale del loro settore, possono essere ottenute da tutte le piccole o medie aziende che hanno appunto effettuato degli acquisti utili per poter raggiungere tale scopo.
Macchinari, lavori di miglioramento dell’impresa stessa e tantissimi altri tipi di intervento saranno oggetto delle suddette agevolazioni, che permetteranno alle imprese di poter investire ulteriormente nel suddetto settore.
Bisogna però mettere in risalto un dato molto importante: i fondi che sono destinati a tale settore non vengono presi in considerazione e non verranno calcolati per ottenere delle agevolazioni fiscali previste da questa legge.
Le piccole e medie imprese devono effettivamente dimostrare di aver effettuato il suddetto tipo di investimento, in maniera tale che, gli sgravi fiscali, possano essere ottenuti.
Bisogna anche parlare dell’altro elemento che viene escluso dalle suddette agevolazioni, il quale riguarda tutti quei lavori che devono essere effettuati per poter rendere l’impresa a norma di legge.
Questo significa quindi che, le aziende che si trovano obbligate ad effettuare tali lavorazioni, non potranno inserire queste particolari spese nel bilancio e queste non verranno prese in considerazione per ricevere le agevolazioni.

Leggi anche:  PSR Misura 13.1: un'azione per sostenere le zone montane

Come procedere per poter ottenere le agevolazioni

Per poter ottenere le agevolazioni per le imprese, le varie tipologie di lavorazioni devono essere inserite nel bilancio: questa fase deve quindi essere effettuata con molta attenzione, in maniera tale che si possa escludere ogni tipo di lavoro che viene appunto escluso dal conteggio.
Ogni singola lavorazione a norma, che permette di ottenere queste agevolazioni, deve essere documentata in maniera chiara e completa, riportando i vari tipi di dettagli che riguardano appunto tale tipologia di spesa, senza escluderne nemmeno una.
Una volta che si effettua l’investimento, ed esso viene documentato, sarà compito delle piccole e medie imprese, protagoniste del suddetto tipo di investimento, inviare la comunicazione dell’avvenuto al Ministero dello Sviluppo Economico ed al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.
Inoltre è importante cercare di mettere in risalto come, ogni tipologia di spesa, deve essere documentata ed inviata entro trenta giorni dall’avvenuto investimento.
Se scade questo lasso di tempo, le agevolazioni per le imprese non potranno essere ottenute, in quanto il loro periodo di validità, che permetterà loro di rientrare nel suddetto tipo di calcolo che permette di poter ottenere gli sgravi fiscali stessi.

Come inviare le domande

Le piccole e medie imprese dovranno svolgere una piccola operazione per poter ottenere queste particolari agevolazioni.
Bisognerà infatti recarsi sul sito web diAgevolazioni Ambientali, che permette appunto di poter effettuare la richiesta degli sgravi.
Per poter ottenere le agevolazioni per le imprese, il titolare deve inserire l’importo degli investimenti effettuati per ridurre l’impatto ambientale: esse devono essere necessariamente antecedenti alla data ventisei giugno 2012 in quanto, tutte le spese effettuate dopo questo lasso di tempo, non verranno conteggiate.
La domanda, potrà essere inviata a partire dal 1 settembre 2016.
Una volta che tutti i campi sono compilati in maniera corretta, bisognerà prima generare la domanda, che dovrà essere stampata e firmata, e poi procedere all’invio telematico della suddetta.

Leggi anche:  Bando agricoltura biologica: la Lombardia stanzia fondi per gli incentivi

Info: Agevolazioni Ambientali

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook