Al via i finanziamenti a favore dello sport per i disabili

Un contributo per prevenire e combattere l’emarginazione attraverso l’attività fisica

Ludwig Guttman, neurologo e dirigente sportivo, fu il primo a capire l’importanza dello sport per persone con disabilità motorie e cominciò ad organizzare allenamenti specifici per i disabili all’interno del centro di riabilitazione nel quale lavorava. Le prime Paralimpiadi furono organizzate nel 1960 e ormai dal 2001 vengono abbinati sistematicamente alle Olimpiadi; oggi l’attività sportiva per disabili è molto diffusa. Sono molte le federazioni e le associazioni che organizzano gare e corsi per favorire l’integrazione umana e sportiva degli atleti con disabilità.

La Regione Piemonte in base alla Lr n° 93 del 1995 ha promosso sul finire del 2016 un’iniziativa lodevole e dall’alto profilo sociale; ha infatti attivato dei finanziamenti alle associazioni sportive che favoriscano l’inclusione sociale di persone riconosciute come più vulnerabili, dividendolo in due misure:

  • Misura 1.2 – Progetti a favore dei soggetti con disabilità;
  • Misura 1.3 – Progetti di inclusione sociale.

Qui approfondiremo la prima misura, per quanto riguarda il progetto sull’inclusione sociale vi rimandiamo a questo articolo.

A chi è rivolto?

Per il progetto sulla promozione della pratica sportiva che coinvolga disabili di ogni età, i soggetti che possono presentare la domanda sono:

  • gli enti di promozione sportiva come i comitati territoriali, infra provinciali e regionali;
  • le società sportive dilettantistiche senza scopo di lucro, che siano riconosciute dal Coni e dal Comitato Italiano Paraolimpico (C.i.p.) e affiliate a Fsn, Eps, Dsa e Cip stesso.

Di cosa si tratta?

I requisiti sono soprattutto quelli dell’impostazione del progetto che deve includere la partecipazione di atleti disabili di ogni età. Le attività motorie e agonistiche devono prevedere giochi di squadra che coinvolgano anche atleti normodotati per favorire l’integrazione, l’agonismo, la socializzazione e la collaborazione tra tutti i partecipanti.
In particolare il progetto verrà valutato per:

  • il numero complessivo dei partecipanti, disabili e normodotati;
  • la qualità professionale degli istruttori: ogni professionista dovrà essere munito di diploma Suism o Isef, oppure qualifiche, brevetti e attestati rilasciati da enti sportivi riconosciuti come Eps;
  • la presenza di professionisti quali operatori sociali, psicologi, educatori, fisioterapisti, ecc;
  • la durata dei progetti deve essere minimo di 6 mesi (ma sono preferibili progetti che possono ripetersi negli anni e che diventino continuativi nel tempo);
  • l’indicazione dei partecipanti suddivisi in fasce di età: partecipanti fino a 17 anni, tra i 18 e i 40 anni e più di 40 anni;
  • coinvolgimento del territorio e delle istituzioni;
  • la qualità del progetto nel suo insieme e il programma di attuazione nel quale dovrà essere anche indicato l’eventuale gioco di squadra tra normodotati e disabili.
Leggi anche:  Incentivi per le Start-Up innovative

La somma totale messa a disposizione è di 500 mila euro, di cui 180 mila euro per i progetti rivolti ai disabili e 320 mila euro per quelli di inclusione sociale.
I progetti saranno finanziabili fino al 70% delle spese sostenute, che dovranno essere debitamente documentate, e il contributo massimo elargito sarà di 6 mila euro.

Come fare?

Entro il 15 febbraio 2017 dovranno essere inviati i progetti esclusivamente all’indirizzo Pec culturaturismosport@cert.regione.piemonte.it. in formato pdf. I moduli per la domanda possono essere scaricati dal sito della Regione Piemonte.

I contributi della Regione Piemonte vogliono portare un aiuto significativo a chi si trova in difficoltà sia per problemi di salute che economici e nella vita di relazione. Ci aspettiamo grandi cambiamenti da questa importante iniziativa rivolta alle fasce più deboli.

Fonte: Bando azioni 1.2 e 1.3

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook