Promozione dei prodotti agricoli piemontesi con l’operazione 3.2.1 del PSR

Attivato il bando 3.2.1 “Informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità”
 
 
 
 

Sintesi del bando PSR Piemonte 3.2.1

Area geografica: Piemonte

Settore: agricoltura

Dotazione finanziaria: 4.912.642 milioni di euro complessivi

Obiettivo: sostegno ad attività di informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità svolte nel mercato interno della UE

Beneficiari: associazioni di produttori

Spese ammissibili: attività di informazione e promozione

Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: diverse

Approfondimento Bando

L’Operazione 3.2.1 “Informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità” si compone di due bandi: il bando A relativo alle azioni di informazione e promozione da svolgere durante importanti fiere e manifestazioni nazionali o internazionali e il bando B per le azioni di informazione e promozione dei prodotti agricoli e agroalimentari di qualità svolte da associazioni di produttori. Entrambi hanno lo scopo di aiutare gli agricoltori a fare pubblicità ai propri prodotti di qualità in modo di aumentarne i guadagni e la competitività sul mercato.

Chi può partecipare all’operazione 3.2.1 del PSR Piemonte?

Possono partecipare ad entrambi i bandi le associazioni di produttori che partecipano ai regimi di qualità attraverso l’operazione 3.1.1 costituiti nelle seguenti forme:

  • organizzazioni di produttori e loro associazioni;
  • organizzazioni interprofessionali;
  • gruppi costituiti principalmente da produttori o trasformatori che trattano lo stesso prodotto, compresi i consorzi di tutela delle DOP, IGP e STG;
  • gruppi di produttori di vini, compresi i consorzi di tutela riconosciuti ai sensi della normativa nazionale;
  • associazioni di produttori biologici e loro raggruppamenti;
  • associazioni di produttori agricoli;
  • cooperative agricole e loro consorzi;
  • reti di imprese, gruppi o aggregazioni costituite in associazioni di imprese o consorzi o Associazioni Temporanee di Impresa (ATI) o Associazioni Temporanee di scopo (ATS)
Leggi anche:  Nuovi contributi per le aziende vitivinicole con i bandi sulla ristrutturazione dei vigneti campagna 2019

Quali sono le spese ammissibili dell’operazione 3.2.1 del PSR Piemonte?

All’interno del bando A è presente l’elenco delle fiere per cui possono essere richiesti i contributi (punto 8.3 del bando).

Per quanto riguarda il bando B, invece, sono ammissibili le seguenti spese per:

  • fiere e manifestazioni di carattere internazionale, nazionale, regionale o locale, ritenute oggettivamente interessanti; sono escluse le manifestazioni fieristiche oggetto del Bando A;
  • attività di informazione e promozione dei prodotti di qualità da svolgersi sul territorio UE, compresi educational tour o azioni di incoming;
  • realizzazione di seminari tecnici, degustazioni guidate, incontri B2B, realizzazione di convegni e workshop nonché la predisposizione di materiale promo-pubblicitario, informativo, divulgativo e di iniziative promo-pubblicitarie;
  • azioni promozionali rivolte al circuito HORECA o presso punti vendita, compreso i materiali pubblicitari;
  • iniziative di accoglienza e promozione correlati ai temi del paesaggio agrario e in particolare quello di Langhe Roero e Monferrato riconosciuti dall’UNESCO e altre iniziative collaterali da svolgere presso e in collaborazione con soggetti come le Enoteche regionali e altre sedi istituzionali.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

Per entrambi i bandi verrà concesso un aiuto pari al 70% delle spese di promozione e informazione, e del 50% per le azioni pubblicitarie.

Per quanto riguarda il bando B ci sono delle spese minime e massime da rispettare, e nello specifico:

  • minimo 50 mila euro per beneficiario, ad eccezione del comparto biologico per cui l’importo minimo di contributo ammissibile è pari a 30 mila euro;
  • massimo 230 mila euro per beneficiario nel caso di progetti di valorizzazione presentati da Consorzi di tutela dop/igp associati tra loro o da Consorzi di tutela doc/docg associati tra loro, anche in modo non esclusivo, che riguardano tutte le produzioni rappresentate e almeno due regimi di qualità relativi a produzioni di comparti produttivi diversi;
  • massimo 200 mila euro per beneficiario nel caso di progetti di valorizzazione che riguardano almeno due regimi di qualità;
  • massimo 100 mila euro di contributo per beneficiario nel caso di progetti di valorizzazione che riguardano un solo regime di qualità e un solo comparto produttivo.
Leggi anche:  In Veneto contributi alle aziende vitivinicole per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti

Come fare per partecipare all’operazione 3.2.1 del PSR Piemonte?

Per poter fare richiesta di contributo è necessario innanzitutto effettuare le domande di preiscrizione per entrambi i bandi. Di seguito le diverse scadenze per ogni bando:

Bando A

  • domanda di preiscrizione: fino al 20 aprile 2018
  • domanda di sostegno: dal 2 maggio al 28 maggio 2018

Bando B

  • domanda di preiscrizione: fino al 12 aprile 2018
  • domanda di sostegno: dal 16 aprile al 3 maggio 2018

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy