Bando agricoltura Sardegna: contributi nel settore forestale

Finanziamenti in conto capitale per associazioni silvicole.

I continui cambiamenti climatici necessitano di interventi di adattamento dei piani forestali, con una rinaturalizzazione di boschi e foreste, che portino innovazione all’interno delle tecniche gestionali. Per questo occorre credere nelle proprie capacità ed unire le forze per ottenere un obiettivo comune. Ad offrire un aiuto agli operatori del settore è la Regione Sardegna attraverso l’intervento 16.8.1 del PSR Sardegna “Sostegno alla stesura dei Piani di Gestione forestale o di Strumenti equivalenti”.

A chi si rivolge il bando agricoltura della regione Sardegna?

Possono partecipare le associazioni, composte da un minimo di 2 silvicoltori, in forma pubblica o privata, che presentano un capofila incaricato di gestire tutti gli adempimenti relativi alla presentazione ed alla gestione della domanda e degli investimenti da effettuare, operanti su tutto il territorio regionale.

Per essere ammessi ai contributi previsti dal bando i soggetti richiedenti devono essere in possesso dei fascicoli aziendali aggiornati, e devono poter dimostrare la piena disponibilità dei terreni, classificati a bosco per una superficie pari ad almeno l’80% del totale ed un’area accorpata pari ad almeno 100 ettari.

Di cosa tratta il bando agricoltura della Regione Sardegna?

La Regione Sardegna stanzia risorse pari a 2,150 milioni di euro per finanziare le operazioni inerenti al miglioramento dei piani gestionali forestali. A tutte le domande deve essere allegato un piano di gestione forestale, della durata minima di 10 anni, con elaborati cartografici, una relazione generale del piano d’investimenti, ed almeno tre preventivi di spesa provenienti da diverse ditte, fornendo una breve relazione della motivazione che ha portato alla scelta di uno dei tre preventivi.

Leggi anche:  Terzo Settore: in arrivo fondi per assistere persone in difficoltà

Le spese considerate ammissibili devono riguardare prevalentemente interventi sui terreni boschivi e forestali, e solo per un importo non superiore al 10% della precedente tipologia di spesa possono riguardare costi sostenuti per costituire l’associazione di forestali o per i processi di partecipazione, in presenza di almeno due partecipanti pubblici all’associazione.

Tutte le spese devono essere tracciabili, ed eseguite tramite conto corrente con mandati di pagamento, bollettini postali, MAV od F24, presentando ricevuta di tutti i pagamenti effettuati, che devono essere successivi alla data di presentazione della domanda di partecipazione all’avviso pubblico.
I finanziamenti sono concessi in conto capitale, per un importo pari al 100% della spesa sostenuta, ed una cifra massima erogabile pari a 40 euro per ogni ettaro di terreno oggetto dell’intervento.

I soggetti beneficiari hanno la facoltà di poter richiedere un anticipo, pari ad una cifra non superiore al 50% dell’importo totale delle spese previste considerate ammissibili. In questo caso è previsto un solo saldo in base all’avanzamento dei lavori, al posto di due, destinati a chi non ha usufruito dell’anticipo, mentre la restante cifra viene erogata a fine lavori.

Tutti i beneficiari privati che intendono usufruire di questa possibilità sono tenuti a presentare una fideiussione bancaria od assicurativa, mentre quelli pubblici devono presentare una garanzia pari al totale dell’importo ricevuto, a favore dell’ente pagatore AGEA.
Per l’erogazione dei finanziamenti si terrà conto della graduatoria stilata tenendo conto dei punteggi acquisiti in base ai criteri di priorità stabiliti, consultabili nell’avviso pubblico pubblicato sul sito della Regione, nell’area dedicata ai bandi pubblici.

Come fare per partecipare al bando agricoltura della Regione Sardegna?

Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema informativo agricolo nazionale (SIAN) entro il 31 luglio 2017.

Leggi anche:  PSR Sicilia sottomisura 6.4.a: pronti i finanziamenti per le attività extra-agricole

Se non si dispone già di credenziali per accedere all’area riservata del sito, occorre registrarsi per ottenere i codici di accesso, dopodiché è possibile procedere con la compilazione del modello di domanda messo a disposizione degli utenti.

Questo e tutti gli allegati dovranno essere firmati con firma digitale attraverso codice OTP (un codice composto da una serie casuale di lettere e numeri che viene trasmesso tramite sms) inviato sul numero di cellulare del beneficiario, che dovrà essere inserito per convalidare il rilascio della domanda da parte del sistema.
Le istanze di partecipazione possono essere presentate da centri di assistenza agricola che hanno ricevuto un mandato scritto da parte del soggetto capofila, incaricato di gestire tutti gli adempimenti relativi al bando. Alla domanda devono essere allegati, tra gli altri documenti:

  • atto costitutivo dell’associazione;
  • cartina dell’area d’intervento in scala 1:10000;
  • delega dell’incarico ricevuto dal soggetto capofila da parte degli altri partecipanti.

Riuscire ad ottenere una gestione sostenibile dei beni forestali è possibile, migliorando i piani gestionali ed offrendo così servizi più efficienti.

Investire è il vero punto di svolta aziendale, che può fare la differenza, per un’impresa forestale sempre efficiente ed altamente produttiva. Informati presso un professionista e verifica se sei in possesso dei requisiti per accedere all’avviso pubblico.

Approfondisci l’intervento 16.8.1 del PSR Sardegna

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook