PSR Regione Sardegna 2014/2020: finanziamenti diretti alle attività extra-agricole con la sottomisura 6.4.1

La Regione punta a far rifiorire l’economia dell’isola, finanziando il settore agricolo con investimenti diretti a quella multifunzionalità necessaria per andare alla riscoperta del settore extra-agricolo.

La Sardegna concretizza tutte le sue forze a favore della sua lunga storia, ricca di valori legati alle risorse e alle tradizioni, con finanziamenti destinati alle aziende agricole che svolgono attività diretta alla diversificazione e lo sviluppo dell’attività extra-agricole, anche grazie al supporto familiare in qualità di parte imprenditoriale dell’azienda.

L’obiettivo che si pone la Regione con questa sottomisura, è quello di finanziare gli imprenditori agricoli sardi per garantire quel cambiamento necessario a riscoprire volti nuovi dell’azienda agricola, nuove forme redditizie che possano aiutare l’imprenditore a sostenere se stesso.

A chi è rivolta la sottomisura 6.4.1 del PSR Regione Sardegna?

I beneficiari sono gli imprenditori agricoli in possesso dei requisiti di seguito illustrati:

  • iscrizione nel registro delle imprese della C.C.I.A.A.;
  • iscrizione all’anagrafe delle aziende agricole;
  • costituzione del fascicolo aziendale;

Di cosa tratta la sottomisura 6.4.1 del PSR Regione Sardegna?

La Regione mette a disposizione risorse finanziarie pari a 8 milioni di euro.

L’aiuto viene concesso ai beneficiari in conto capitale. Il sostegno è stabilito al 50% della spesa ritenuta ammissibile al finanziamento, che in ogni caso non può superare i 400 mila euro. Il contributo massimo che il beneficiario può ricevere, quindi, è pari a 200 mila euro.

Rientrano tra gli interventi ritenuti ammissibili relativi alle attività agrituristiche compreso l’agricampeggio i seguenti finanziamenti:

  • creazione o sviluppo di aree attrezzate per l’agricampeggio: alloggi in appositi locali aziendali, spazi aperti destinati alla sosta di campeggiatori, roulotte e caravan, somministrazione di alimenti e bevande, organizzazione di degustazioni di prodotti aziendali e territoriali, organizzazione di attività didattiche e culturali finalizzate alla riscoperta del patrimonio enogastronomico, etnoantropologico e artigianale regionale oltre che attività di pratica sportiva, pesca sportiva, escursionismo e attività affini.
  • piccoli impianti aziendali per la trasformazione e/o la vendita di prodotti aziendali non compresi nell’allegato 1 del Trattato;
  • spazi attrezzati per il turismo a cavallo o con gli asini;
  • spazi attrezzati allo svolgimento di attività didattiche e/o sociali in fattoria.
Leggi anche:  Liguria: incentivi agli allevatori, approvato il bando 2016 “Benessere degli animali”

Come fare per partecipare alla sottomisura 6.4.1 del PSR Regione Sardegna?

La domanda potrà essere trasmessa telematicamente utilizzando il modello presente nel portale SIAN dal 14 settembre al 27 ottobre 2017.

Non sono ammissibili le domande di sostegno inviate in forma cartacea, o mancanti della documentazione prevista dal bando. Il consiglio, consultare un professionista esperto nel settore, che vi guidi in tutte le fasi inerenti la partecipazione al sostegno, per non restare impreparati.

Approfondisci la sottomisura 6.4.1 del PSR Regione Sardegna.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook