Sottomisura 3.2 del PSR Sardegna: aiuti ai produttori che vogliono sponsorizzare i propri prodotti di qualità

Far conoscere ai consumatori la qualità del prodotto è fondamentale ai fini del commercio e la Regione Sardegna vuole aiutare i suoi produttori sostenendo attività di informazione e promozione dei loro prodotti.

L’obiettivo della sottomisura 3.2  “Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” del PSR Sardegna, è quello di fornire un sostegno alle associazioni di produttori per la realizzazione di azioni di informazione e promozione che possono indurre i consumatori ad acquistare i prodotti rientranti in un regime di qualità.

Chi sono i beneficiari della sottomisura 3.2 del PSR Sardegna?

I beneficiari sono associazioni di produttori di cui almeno un operatore che aderisce ad un regime di qualità ammesso:

  1. consorzi di tutela dei prodotti DOP/IGP;
  2. consorzi di tutela dei vini DOP/IGP;
  3. organizzazioni di produttori (OP) e loro associazioni;
  4. consorzi di imprese composti esclusivamente da imprese operanti nel settore della produzione di prodotti agricoli e alimentari;
  5. reti di imprese, sia con soggettività giuridica (Rete – Soggetto) che senza soggettività giuridica iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese, che raggruppano imprese operanti nel settore della produzione di prodotti agricoli e alimentari.

Le reti di impresa non ancora formalmente costituite devono farlo entro 30 giorni dalla data di comunicazione della concessione del sostegno.

Di cosa tratta la sottomisura 3.2 del PSR Sardegna?

La disponibilità finanziaria stanziata per il seguente bando è pari a un milione 500 mila euro. L’obiettivo è diffondere la conoscenza delle produzioni di qualità e alla valorizzazione della loro immagine presso i diversi soggetti del mercato, organizzando e partecipando a fiere, manifestazioni, esposizioni, rassegne ed eventi di importanza nazionale ed internazionale.

Leggi anche:  La Regione Friuli Venezia Giulia contribuisce a dare una nuova linfa al patrimonio rurale regionale

Il sostegno è concesso per le attività di informazione e promozione che rientrano nei regimi di qualità descritti all’interno del bando. Sono ammissibili al sostegno solo i progetti aventi una dimensione compresa tra i 30 mila e i 300 mila euro.

Il sostegno consiste in un contributo in conto capitale, con intensità pari al 70% della spesa ammissibile, e cioè ai costi relativi all’acquisizione di beni e servizi inerenti lo svolgimento delle azioni di informazione e promozione, come di seguito elencati:

  • progettazione, elaborazione tecnica e grafica, ideazione testi, spot, immagini fotografiche e video, traduzione, stampa, riproduzione su supporti cartacei e multimediali, sviluppo e implementazione di siti web, acquisti di spazi pubblicitari e publi-redazionali su media, stampa, internet, cartellonistica e affissione;
  • percorsi di educazione alimentare, degustazioni e giornate eno-gastronomiche territoriali;
  • spese di viaggio, vitto e alloggio dei partecipanti, spese per la logistica e servizi accessori.
  • noleggio mezzi di trasporto, assicurazione, spese per visite in azienda/fattoria didattica, spese per relatori/esperti e testimonial di prodotto oggetto di promozione.

Come fare per partecipare alla sottomisura 3.2 del PSR Sardegna?

Le domande di sostegno si possono presentare fino al 31 dicembre 2017, compilando l’apposito modello presente nel portale SIAN.

La Regione Sardegna con questo bando promuove di valorizzare l’identità del territorio attraverso modalità, azioni e obiettivi finalizzati a coinvolgere associazioni e reti di imprese mettendo a disposizione il loro bagaglio di competenze e conoscenze.

Consultate un professionista che vi guidi nelle fasi di progettazione, sviluppo, coordinamento e monitoraggio del progetto.

Approfondisci la sottomisura 3.2 del PSR Sardegna.