PSR della Regione Toscana: arrivano 7 milioni di euro per il rimboschimento delle aree periurbane

AGGIORNAMENTO 01 LUGLIO 2017

La Regione Toscana ha disposto una proroga dei termini della presentazione della domanda al 30 luglio 2017. Leggi proroga

Scade il 30 giugno il termine per la presentazione delle domande di aiuto relative al bando attuativo della sottomisura 8.1 “Sostegno alla forestazione/all’imboschimento”.

Nel caso in cui siate proprietari di un appezzamento di terreno in Toscana e non siate proprio portati per l’agricoltura ma vi sembra un peccato lasciarlo incolto ed arido, potete usufruire di un finanziamento che vi permetterà di piantare alberi e piante locali, o addirittura vi permette di ricevere una sorta di “indennizzo” per non aver ricavato nessun reddito agricolo dal terreno.

Il bando in questione è attuativo della sottomisura 8.1 Sostegno alla forestazione/imboschimento” sviluppato nell’ambito del PSR 2014-2020 della Regione Toscana. Obiettivo della sottomisura è pertanto quello di sostenere i costi per la  realizzazione nelle superfici agricole e non agricole delle aree periurbane (cioè di quelle aree intermedie tra città e campagna dove si è costruito senza regole precise ma con un alto potenziale agricolo) di imboschimenti temporanei o permanenti, eseguiti con specie forestali adatte alle condizioni ambientali e climatiche locali oltre che un premio annuale  per ettaro a copertura dei costi di mancato reddito agricolo e dei costi di manutenzione.

A chi si rivolge la sottomisura 8.1 del PSR Toscana?

Il bando si rivolge ai proprietari, gestori di terreni pubblici e privati, o soggetti gestori che amministrano gli usi civici, nonché loro consorzi. Nel caso dei terreni demaniali il sostegno può essere concesso solo se l’organismo di gestione di tali terreni è un privato o un Comune, singoli o associati.

Leggi anche:  Tutte le informazioni sul bando apicoltura della Regione Umbria

Per essere ammessi al finanziamento i soggetti devono soddisfare specifici requisiti:

  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi;
  • non essere stato condannato con sentenza passata in giudicato;
  • non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo;
  • non essere considerate imprese in difficoltà;
  • non aver ottenuto altri finanziamenti simili.

Di cosa tratta la sottomisura 8.1 del PSR Toscana?

Sono finanziabili:

  • imboschimento temporaneo a rapido accrescimento con turno compreso tra gli 8 e i 20 anni su terreni agricoli o non agricoli;
  • imboschimento temporaneo a ciclo medio lungo su terreni agricoli o non agricoli;
  • impianto di nuovi boschi permanenti su terreni agricoli o non agricoli.

Gli investimenti, per poter essere oggetto dell’aiuto, devono ricadere nel territorio toscano, essere cantierabili se si tratta di opere ed interventi che sono soggetti a permesso di costruire o a VIA (Valutazione di Impatto Ambientale), essere conformi alla legislazione dell’Unione e dello Stato membro interessato in materia di tutela ambientale ed essere effettuati su una superfice pari o superiore a 0,5 ettari.

La dotazione finanziaria totale è di 7 milioni di euro.

A seconda della tipologia d’intervento e/o del beneficiario possono essere concessi i seguenti aiuti:

  • contributo in conto capitale ai costi di impianto, pari al 100% dei costi ammissibili;
  • premio annuale per ettaro di superficie interessata dall’impianto, a copertura dei costi di mancato reddito agricolo e dei costi di manutenzione, inclusa la ripulitura precoce e tardiva, per un periodo massimo di 12 anni.

Come fare per partecipare alla sottomisura 8.1 del PSR Toscana?

La domanda di aiuto può essere presentata dal 10 giugno 2017 fino al 30 giugno 2017 impiegando esclusivamente, mediante procedura informatizzata, la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell’Anagrafe Regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA.

Leggi anche:  Al via il bando coltiviamo agricoltura sociale 2017: due borse di studio per progetti destinati a far cresce se stessi e gli altri

Il nostro consiglio, se non volete perdere l’opportunità di destinare una porzione di territorio pressoché inutilizzata ad un uso sostenibile attraverso il rimboschimento, è quello di affidarvi ad un professionista per farvi affiancare nell’espletamento di tutte le pratiche burocratiche connesse al bando.

Fonte: Bando sottomisura 8.1

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook