POR FSE Umbria, la Regione a fianco dei beneficiari del Pacchetto Giovani e Adulti nel 2016/2017: lanciati incentivi per la creazione di progetti imprenditoriali

Al fine di contrastare la disoccupazione di lunga durata e favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, la Regione Umbria concede contributi a coloro che hanno aderito nel biennio 2016/2017 al Pacchetto Giovani e Adulti.

Sintesi bando POR FSE Umbria – Azione 8.1.2

Area geografica: Umbria

Settore: industria

Dotazione finanziaria: 500 milioni di euro

Obiettivo: agevolare l’inserimento nel mondo del lavoro dei soggetti beneficiari del Pacchetto Giovani e Adulti nel 2016/2017

Beneficiari: residenti nella Regione Umbria che hanno aderito nel 2016/2017 al Pacchetto Giovani e Adulti

Spese ammissibili: spese attestanti la realizzazione degli investimenti necessari per l’esecuzione del progetto imprenditoriale

Tipo di finanziamento: finanziamento a tasso zero

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria

Scadenza: 1 luglio 2019

Approfondimento Bando

I cittadini residenti nella Regione Umbria, che nel biennio 2016/2017 hanno svolto tirocini o beneficiato di voucher nell’ambito del Pacchetto Giovani e Adulti, non potranno certo sentirsi abbandonati al proprio destino se dopo la conclusione di tale esperienza nessuna opportunità di lavoro si è concretizzata. Per costoro, la Regione ha previsto la possibilità di accedere a finanziamenti a tasso zero volti a coprire le spese necessarie per dare attuazione ad un nuovo progetto imprenditoriale, così da contrastare la disoccupazione di lunga durata e favorire l’inserimento lavorativo dei più giovani.

Chi sono i beneficiari dell’azione 8.1.2 del POR FSE Umbria?

Possono presentare domanda di finanziamento i seguenti soggetti:

  • imprese individuali in possesso dei seguenti requisiti:
    1. costituzione a partire dal giorno successivo all’assegnazione della misura ad opera del Centro per l’impiego;
    2. costituzione entro 60 giorni dalla data del provvedimento di l’ammissione al bando;
  • società di persone (quali s.n.c. e s.a.s.) se formate esclusivamente da persone fisiche, a condizione che:
    1. siano iscritte nel Registro delle Imprese a partire dal giorno successivo all’assegnazione della misura da parte del Centro per l’impiego;
    2. si costituiscano e iscrivano nel Registro delle Imprese entro 60 giorni dalla data del provvedimento di ammissione al bando;
  • lavoratori autonomi con partita IVA (anche se non iscritti ad albi professionali), associazioni professionali e società tra professionisti costituite in forma di s.a.s. o s.n.c., in possesso dei seguenti requisiti:
    1. avere acquisito la partita IVA e, quando previsto, avere ottenuto l’iscrizione al Registro delle Imprese a partire dal giorno successivo all’assegnazione della misura da parte del Centro per l’impiego;
    2. avere acquisito la partita IVA e, quando previsto, aver ottenuto l’iscrizione al Registro delle Imprese, entro 60 giorni dalla data del provvedimento di ammissione al bando.
Leggi anche:  PSR Basilicata Sottomisura 8.5: contributi agli investimenti nelle aree forestali private

L’imprenditore individuale o la maggioranza dei soci della s.n.c. o s.a.s. che aderiscono al presente bando, devono:

  1. aver partecipato al Pacchetto Giovani A, B, C o del Pacchetto Adulti A, B, C e dopo aver completato il tirocinio o beneficiato dei voucher, non essere stati assunti;
  2. in alternativa al precedente punto, aver avuto assegnato il percorso E del Pacchetto Giovani o il percorso D del Pacchetto Adulti.

I soggetti richiedenti devono inoltre:

  • avere sede operativa nella Regione Umbria;
  • essere PMI;
  • l’imprenditore individuale o i soci o il lavoratore autonomo non devono avere in corso rapporti di lavoro dipendente con la Pubblica Amministrazione.

Quali sono le spese ammissibili per l’azione 8.1.2 del POR FSE Umbria?

Le spese ammissibili possono essere rappresentate esclusivamente da costi correlati all’attività imprenditoriale.

Tali spese devono riferirsi a beni materiali ed immateriali, con un valore netto non inferiore a 100 euro e rientranti tra le seguenti categorie:

  • attrezzature, macchinari, hardware, beni strumentali, arredi funzionali alla realizzazione del progetto;
  • mezzi di trasporto, nei soli casi in cui risultino strumentali allo svolgimento dell’attività imprenditoriale;
  • software funzionali all’attività d’impresa;
  • impianti elettrici, termoidraulici, piccole opere murarie e ristrutturazioni nei limiti del 25% dell’investimento.

Intensità di aiuto e massimali di spesa

L’agevolazione è concessa sotto forma di finanziamento a tasso zero.

L’importo massimo dell’aiuto concedibile non può superare la soglia di 200 mila euro su tre esercizi finanziari (l’esercizio relativo all’anno in cui viene concessa l’agevolazione e i due esercizi precedenti).

Come partecipare all’azione 8.1.2 del POR FSE Umbria?

Le domande possono essere presentate a partire dal 3 dicembre 2018 sino al 1° luglio 2019, utilizzando la modulistica scaricabile dal portale della Regione Umbria, la quale dovrà poi inoltrarsi a mezzo PEC al seguente indirizzo: [email protected]

Leggi anche:  Sostegno agli agricoltori che aderiscono ai regimi di qualità con il PSR Puglia sottomisura 3.1

Scarica il bando dell’azione 8.1.2 del POR FSE Umbria 2014-2020.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy