Regione Umbria: finanziamenti destinati alla pesca  

Pronti i contributi per lo sviluppo del settore ittico, un mercato in continuo sviluppo.

La Regione Umbria pone un occhio di riguardo al patrimonio ittico e all’attività di pesca, indirizzando finanziamenti non solo a tutela ma per la valorizzazione del settore, promuovendo gli ecosistemi acquatici, puntando sulla sostenibilità delle risorse acquatiche viventi e dell’acquacoltura e considerando tutti gli aspetti ambientali, economici e sociali che interagiscono con la trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

Il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca FEAMP 2014/2020 stabilisce gli interventi mirati nel settore della pesca, allo scopo d’individuare e raggiungere il fine disposto della Politica Comune della Pesca PCP, e cioè valorizzare in primis l’ambiente, l’economia e tutti gli aspetti sociali che interagiscono in questo settore.

A chi sono rivolti i finanziamenti per la pesca della regione Umbria?

I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese (PMI) che esercitano l’attività di pesca professionale e/o acquacoltura in forma singola o associata con codice ATECO 03 e le PMI che esercitano l’attività di lavorazione e conservazione del pesce con codice ATECO 10.2.

Tra i requisiti necessari per accedere al sostegno FEAMP rientrano:

  • iscrizione nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura territorialmente competente con codice attività prevalente ATECO;
  • essere in regola e garantire il rispetto della normativa e le condizioni retributive previste dalla legge;
  • assenza di procedure di concordato preventivo, amministrazione controllata, fallimento, scioglimento o liquidazione, procedimenti per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’articolo art. 6 del Decreto Legislativo n. 159 del 2011.

Resta ben inteso che il beneficiario deve possedere la capacità amministrativa, finanziaria e operativa per garantire le condizioni e gli obblighi stabiliti nel presente bando.

Leggi anche:  Olio d'oliva: secondo bando Ager per progetti scientifici

Di cosa trattano i finanziamenti per la pesca della regione Umbria?

Il presente bando promosso dalla Regione Umbria è finalizzato alla concessione degli aiuti per le imprese ittiche, diretti alla trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura. Le risorse disponibili sono circa 285 mila euro. Possono beneficiare del contributo operazioni avviate dopo il 1 gennaio 2014 ma che non devono essere concluse al momento della presentazione della domanda.

Rientrano tra gli interventi previsti i progetti che:

  • contribuiscono al risparmio energetico o alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, incluso il trattamento dei rifiuti;
  • migliorano i livelli di sicurezza, igiene, salute e condizioni di lavoro;
  • sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano;
  • trasformano i sottoprodotti risultanti dalle attività di trasformazione principali;
  • trasformano i prodotti dell’acquacoltura biologica;
  • introducono prodotti, processi e sistemi di organizzazione nuovi o migliorati.

Le spese ritenute ammissibili riguardano, tra le altre:

  • opere edili, impiantistiche di nuova costruzione e adeguamento di impianti esclusivamente per le opere di straordinaria manutenzione (coibentazione/impianti frigoriferi, ecc.);
  • acquisto di beni mobili, macchinari ed attrezzature, incluso l’acquisto di attrezzatura informatica, compreso il relativo software specifico/specialistico;
  • spese per il miglioramento delle condizioni d’igiene e sanitarie, delle condizioni ambientali, dei sistemi di produzione;
  • investimenti per l’introduzione e l’ammodernamento di impianti di energia rinnovabile, quali pannelli solari, econometri, sistemi di gestione dell’energia e sistemi di monitoraggio;
  • spese generali, spese tecniche, di progettazione e direzione lavori e le spese per la pubblicizzazione dell’investimento (targhe esplicative), spese per consulenza tecnica e finanziaria, etc.

Come presentare la domanda per usufruire dei finanziamenti per la pesca della regione Umbria?

Le domande dovranno essere inviate online direttamente alla Regione Umbria – Servizio “innovazione, promozione, irrigazione, zootecnia e fitosanitario”, utilizzando la PEC: direzioneagricoltura.regione@postacert.umbria.it entro e non oltre il 28 maggio 2017 e devono essere compilate utilizzando il modello dell’allegato 16 del bando.

Leggi anche:  In Molise 6 milioni di euro per il pacchetto giovani con la sottomisura 4.1

È importante ricordare che tutti i documenti allegati alla domanda (scansionati), devono essere firmati e accompagnati dal documento d’identità o allegati con firma digitale e allegati alla PEC in formato pdf.

Il beneficiario è tenuto a creare il fascicolo di domanda e tutta la documentazione in esso contenuta dovrà essere disponibile ai fini dell’istruttoria della pratica.

Concludendo, la Regione Umbria con questo bando punta allo sviluppo del settore ittico sfruttando tutte le potenzialità che il mercato offre. Usufruire di questi finanziamenti rappresenta una grande opportunità per le imprese ittiche. Il consiglio resta quello di avvalersi dell’aiuto di un professionista esperto nel settore, che vi guiderà nella corretta compilazione della domanda e in tutte le fasi successive.

Fonte: Bando Umbria

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook