Riconfermato il bonus bebè nel 2018

Anche per i nati nel 2018 verrà riconosciuto il bonus mensile di 80 euro (160 per le famiglie più povere), ma a differenza del passato verrà corrisposto soltanto per 1 anno e non più per 3.

Riconfermato, anche per il 2018, il bonus bebè (altrimenti noto come assegno di natalità): il contributo economico erogato dallo Stato, per mezzo dell’Inps, alle famiglie con basso reddito che registrino una nuova nascita o effettuino un’adozione o affido. Tuttavia se i requisiti di accesso e l’importo dell’assegno sono rimasti invariati rispetto agli anni passati, con la Legge di Bilancio 2018 cambia la durata della prestazione, che non sarà più corrisposta per 36 mensilità (3 anni), ma soltanto per 12.
Dal 2019, oltre la durata, verrà ridotto anche l’ammontare della prestazione, che verrà dimezzato almeno fino al 2020.

Il bonus bebè non deve essere confuso con il bonus nascita, anche conosciuto come bonus mamma domani, ossia, un bonus di 800 euro, riconosciuto una tantum a prescindere dal valore ISEE, che dal 4 maggio 2017 è richiedibile dalle future mamme e dalle mamme che hanno già partorito il bebè. Anche il bonus mamma domani è stato riconfermato nel 2018.

A chi spetta il bonus bebè 2018

Possono richiederlo le famiglie che abbiano un ISEE non superiore a 25 mila euro, ed in particolare le neo mamme, mamme adottive o affidatarie che siano cittadine Italiane, cittadine di uno Stato membro dell’Unione Europea oppure cittadine extracomunitarie munite di regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno, che convivano con il figlio cui fa riferimento la richiesta del contributo.

Alle famiglie con ISEE non superiore a 7 mila euro, spetterà un assegno di 160 euro per 12 mensilità per un totale di 1.920 euro annui. Per le famiglie con reddito ISEE compreso tra 7 e 25 mila euro invece, l’importo dell’assegno mensile sarà pari a 80 euro per un totale di 960 euro annui.

A differenza infatti di quanto previsto fino al 2017, il bonus bebè 2018 spetta solo per il primo anno del bambino.

Come richiedere il bonus bebè

La richiesta deve essere effettuata entro 90 giorni dalla nascita o dall’entrata in famiglia del bambino. La mancata presentazione della domanda entro tale termine comporta che il pagamento del contributo avvenga dalla data in cui è stata trasmessa la domanda e non dalla data di nascita del bambino o del suo ingresso nella famiglia.

La domanda può essere presentata telematicamente sul sito dell’INPS, se si è in possesso del PIN dispositivo (guarda il nostro video tutorial su come richiedere il PIN dispositivo online), oppure telefonando al numero verde Inps 803.164 (06 164.164 per chi chiama da cellulare). È altrimenti possibile rivolgersi all’intermediazione di un Patronato o un Caf.

Moltissime le famiglie che hanno richiesto il bonus bebè, certo non si tratta di un aiuto risolutivo per le famiglie in stato di bisogno, ma è comunque un aiuto che fa comodo ed è sempre bene non rinunciarvi.

Fonte: articolo 141 della Legge di Bilancio 2018.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy