Indennità di maternità: da oggi anche ai lavoratori subordinati

Grazie al Jobs Act, che ora prevede la possibilità di corrispondere un’indennità ai lavoratori subordinati anche in caso di mancato versamento dei contributi da parte del committente, l’INPS eroga l’indennità di maternità e paternità al soggetto in questione.

L’iniziativa riguarda quindi lavoratori e lavoratrici parasubordinati iscritti alla gestione separata. Tuttavia l’indennità di maternità è ammessa solo nei casi di congedo obbligatorio.

L’erogazione di indennità maternità e paternità è anche prevista a favore anche di genitori adottivi o affidatari per il periodo di astensione di 5 mesi.

Destinatari del provvedimento indennità di maternità:

  • lavoratori e lavoratrici iscritti alla gestione separata, non iscritti ad altre forme obbligatorie, hanno diritto all’indennità di maternità anche in mancanza di contributi.

Sono esclusi dall’applicazione di questa norma i liberi professionisti iscritti alla Gestione stessa, in quanto si tratta di lavoratori che sono responsabili dell’adempimento dell’obbligazione contributiva.
I lavoratori e le lavoratrici parasubordinati non sono responsabili dell’obbligazione contributiva, e sono collaboratori e associati in partecipazione.

Vediamo da vicino quali sono i periodi di congedo di maternità e paternità soggetti a indennizzo:

  • È possibile indennizzare in base alla contribuzione dovuta i periodi di congedo di maternità e paternità ricadenti dall’anno 2015 in poi;
  • In basa alla contribuzione dovuta, sono indennizzabili i periodi di congedo di maternità e paternità in data successiva al 25 giugno 2015;
  • Sono indennizzabili i periodi di congedo di maternità e paternità “a cavaliere”, vale a dire in corso di fruizione alla predetta data, anche per la parte di congedo che precede il 25 giugno 2015.
Leggi anche:  Bonus mamma domani: al via il nuovo servizio “Premio Nascita” INPS in versione mobile

Ecco i requisiti per poter usufruire dell’indennizzo di maternità:

  • Le lavoratrici parasubordinate, iscritti alla gestione separata INPS, devono dimostrare di aver versato almeno tre mensilità di contribuzione nei 12 mesi precedenti il periodo di maternità.

L’indennità di maternità viene erogata dall’INPS con le seguenti modalità:

  • bonifico presso l’ufficio postale;
  • accredito su conto corrente bancario o postale.

Info: INPS

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy