ISEE 2019: le novità proposte con la conversione del Decreto Crescita

Presentati degli emendamenti al disegno di legge di conversione del Decreto Crescita, con delle novità più favorevoli ai potenziali beneficiari dell’ISEE 2019.

Cambia ancora l’indicatore della situazione economica equivalente, meglio noto come ISEE. Infatti, con gli emendamenti proposti nel disegno di legge di conversione del Decreto Crescita, si prospettano diverse novità già nell’immediato, sempre che vengano approvate dai due rami del Parlamento.

Innanzitutto facciamo un breve riepilogo su cosa sia l’ISEE e a che cosa serve.

ISEE 2019: cos’è?

L’ISEE è un indicatore, espresso in euro, con il quale viene indicata la situazione economico-patrimoniale dei nuclei familiari. Si tratta di uno strumento attraverso il quale l’INPS o altri enti erogatori di servizi valuta se e in che misura una o più persone appartenenti ad un determinato nucleo familiare hanno diritto ad ottenere un servizio gratuitamente o a condizioni agevolate, oppure se hanno diritto a percepire sussidi, prestazioni assistenziali o agevolazioni, come ad esempio l’esenzione dal pagamento del canone RAI, il diritto al reddito o alla pensione di cittadinanza, il diritto di percepire l’assegno al nucleo familiare o al bonus bebè, ecc….

Il calcolo dell’ISEE tiene conto di diversi parametri, tra cui, principalmente, il reddito dei componenti del nucleo familiare, la situazione patrimoniale e il numero e le caratteristiche dei componenti del nucleo familiare.

Per richiedere l’ISEE occorre presentare all’INPS la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), con la quale il dichiarante comunica le informazioni di natura patrimoniale e personale richieste. Sarà l’INPS a curare l’istruttoria e a procedere al calcolo dell’ISEE, sulla base delle informazioni fornite e di quelle acquisite da altre amministrazioni.

Leggi anche:  Corsi di lingue in Italia per studenti, pubblicato il bando di concorso Inps 2019

Gli emendamenti proposti al Decreto Crescita prevedono modifiche sia all’ISEE che alla DSU. Vediamo quali.

ISEE 2019: cambiano i termini di validità della DSU

Se gli emendamenti verranno approvati, il periodo di validità della DSU, e conseguentemente dell’ISEE, cambierebbe. In base alle nuove norme, una dichiarazione presentata nel 2019 sarebbe valida sino al 15 gennaio 2020, mentre le dichiarazioni presentate nel 2020 resterebbero valide fino al 31 dicembre 2020.

Cadrebbero, invece, i termini approvati a gennaio scorso, con il decreto legge sul reddito di cittadinanza (il D.L. n. 4 del 28 gennaio 2019).

ISEE 2019: c’è la possibilità di aggiornare la DSU

Un’altra novità contenuta negli emendamenti riguarda la possibilità, su richiesta del dichiarante, di aggiornare la DSU nel caso dovessero esserci delle variazioni dei redditi del nucleo familiare, come la perdita di occupazione da uno dei componenti, o la cessazione dell’indennità di disoccupazione, ecc…

Attualmente i redditi che confluiscono nell’ISEE sono quelli relativi al secondo anno precedente alla presentazione della DSU, mentre i patrimoni sono quelli che risultano al 31 dicembre dell’anno che precede la presentazione della domanda.

Mini ISEE corrente: verso un aumento dei beneficiari

Nuove disposizioni, infine, riguardano l’ISEE corrente, uno strumento introdotto di recente che permette di ottenere un valore ISEE quanto più fedele alla reale situazione economica del nucleo familiare del dichiarante.

Come spiegato in un precedente articolo, l’ISEE corrente può essere richiesto a determinate condizioni se un componente del nucleo familiare perde il lavoro.

Con le nuove norme proposte, la possibilità di avvalersene verrebbe estesa anche ai casi di interruzione o sospensioni del percepimento di indennità o di trattamenti previdenziali o assistenziali.

Leggi anche:  Pubblicato il bando INPS per i soggiorni estivi nelle Case del Maestro

Il periodo di validità dell’ISEE corrente sarebbe di 6 mesi e sarebbe operativo con l’approvazione del nuovo modulo sostitutivo della DSU.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy