Finanziamenti Ismea a favore dello sviluppo dell’imprenditoria agricola giovanile

Finanziamenti ISMEA: servizi di credito per lo sviluppo e il potenziamento delle imprese agricole gestite da giovani.

Per lo sviluppo e il consolidamento di nuove aziende agricole e delle attività già esistenti in ambito rurale, i ministeri hanno avviato una serie di misure per promuovere l’imprenditorialità giovanile. Come previsto dall’articolo 14 del Decreto Ministeriale del 18 Gennaio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 39 il 17 febbraio 2016 n. 39, è partita l’erogazione dei finanziamenti Ismea rivolti ai giovani imprenditori che operano in ambito agricolo.

Ismea è l’ente pubblico che attraverso due progetti principali: “Subentro in agricoltura” e “Ampliamento delle aziende agricole”, si rivolge ai neoimprenditori proponendo consulenze e soluzioni economiche con una formula di finanziamenti concordata ed erogata sulla base dei decreti approvati dai ministeri e dalla Commissione Europea.
L’importanza del ricambio generazionale è stata ribadita in diversi studi in ambito comunitario che hanno rilevato la bassa presenza di imprenditori agricoli, sotto ai 40 anni di età, limite entro il quale la Commissione Europea identifica il giovane agricoltore.
Le indagini condotte hanno confermato che le problematiche del subentro in scala familiare e del turnover troppo lento sono legate a cause comuni a tutti i paesi dell’Unione Europea; analizzando le micro, piccole e medie imprese agricole, è emerso che nel triennio 2010 – 2013 il numero delle aziende agricole gestite da imprenditori al di sotto dei 40 anni è diminuita del 29%.
Di fronte a questo scenario è nata preponderante l’esigenza, in ambito comunitario, di promuovere l’insediamento dei giovani nel settore agricolo, con obiettivi strategici a livello nazionale e regionale.
L’ente promuove una nuova programmazione di sviluppo rurale, per far fronte all’abbandono delle proprietà e promuovere l’ammodernamento gestionale delle aziende agricole attraverso finanziamenti a tasso zero, sotto forma di garanzia creditizia, e studiando strategie per fornire consulenze rivolte alle imprese volte a ottimizzare la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli, con l’obiettivo di diversificare e aumentare il reddito.

Leggi anche:  Garanzia Giovani: in Abruzzo nuovi tirocini in arrivo

I finanziamenti Ismea

I finanziamenti Ismea che riguardano i due progetti, sostanzialmente si pongono i seguenti obiettivi:

  • promuove l’ingaggio dei giovani a gestire le aziende agricole, quindi a sostegno dell’insediamento dei neoagricoltori;
  • potenziare lo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese agricole, a favore dell’ammodernamento e della sostenibilità delle attività in agricoltura.

Beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese agricole che, in forma di ditta individuale o di società, possono richiedere mutui a tasso zero, della durata di 15 anni, per progetti di investimento non superiori a 1 milione e 500 mila euro.
Entrambi i progetti, a favore degli operatori del settore agricolo, sono rivolti alle imprese con le seguenti caratteristiche:

  • esercitano esclusivamente l’attività agricola;
  • sono gestite da giovani di età compresa tra i 18 ed i 40 anni non ancora compiuti, alla data di spedizione della domanda;
  • sono costituite per oltre la metà numerica da soci in età compresa tra i 18 e i 40 non ancora compiuti, subentrati da non più di sei mesi dalla data di presentazione della domanda;
  • hanno sede sul territorio nazionale;
  • sono economicamente e finanziariamente sane.

Le domande di ammissione all’istruttoria dei progetti finanziabili devono perseguire obiettivi di potenziamento del rendimento e della sostenibilità delle aziende agricole. Rientrano nel piano di ammissione ai progetti di finanziamento le spese sostenute per il miglioramento delle condizioni di igiene degli ambienti, la qualità dei terreni e del benessere degli animali, il potenziamento delle infrastrutture connesse allo sviluppo, l’acquisto e l’installazione di attrezzature e delle opere che permettono di ridurre di almeno il 25 % il consumo di acqua ed energia; sono inoltre ammessi i costi per l’assistenza tecnica di istruzione e formazione degli operatori, l’organizzazione dei servizi della gestione aziendale, la partecipazione a fiere e concorsi in ambito nazionale e comunitario.
Non sono finanziabili le spese di acquisto di materie prime quali: animali, piante annuali e il loro impianto, la produzione di prodotti di sostituzione e derivazione del latte, compresa l’installazione di impianti di irrigazione.

Leggi anche:  PSR Veneto misura 4.1.1: finanziamenti per migliorare la produzione agricola

Le domande correttamente compilate saranno accettate fino ad esaurimento delle risorse finanziarie.
Le informazioni per la partecipazione ai due progetti sono a disposizione sul sito Ismea.

Info: Decreto 18 gennaio 2016

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook