In arrivo 700 mila euro per finanziamenti ai giovani imprenditori umbri

Il finanziamento è rivolto ad imprese di nuova costituzione di produzione e commercializzazione create da giovani imprenditori di età compresa dai 18 ai 36 anni.

Le parole d’ordine dell’economia del futuro saranno rinnovamento, restyling, ringiovanimento.

Bisogna puntare sui giovani, sulle loro idee fresche ed innovative. Su questo principio si basa la Legge Regionale dell’Umbria n.12/95 e s.m.i. “Agevolazioni per favorire l’occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali”.

Il fine è di agevolare la costituzione e l’avvio di imprese promosse da giovani, volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona, purché derivino dall’esercizio di un’attività imprenditoriale. Ma vediamo i dettagli del bando.

A chi si rivolgono i finanziamenti per i giovani imprenditori?

Possono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni:

  • società commerciali;
  • società cooperative;
  • imprese individuali volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona.

Sono escluse dall’agevolazione e quindi non possono presentare domanda le imprese nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura e le società costituite per l’esercizio di attività professionali, ricomprese in ordini professionali, albi, elenchi o registri speciali.

Le imprese che possono accedere ai finanziamenti per giovani imprenditori devono possedere i seguenti requisiti:

  1. Devono essere giuridicamente costituite e la data di costituzione delle imprese non può essere anteriore di 365 giorni alla data di presentazione della domanda. Quindi le imprese non possono avere più di un anno di vita e la data di costituzione si evince:
    1. per le imprese individuali, dalla data di rilascio della partita IVA;
    2. per le società e per le cooperative, dalla data di iscrizione al Registro delle Imprese.
  2. Devono avere sede legale, amministrativa ed operativa nel territorio della Regione Umbria e devono possedere i seguenti requisiti amministrativi:
    1. i titolari delle imprese individuali devono avere residenza nel territorio della Regione Umbria, un’età compresa tra i 18 e 35 anni e non essere dipendenti pubblici;
    2. per le società, i soci di età compresa fra i 18 e i 35 anni devono:
      1. rappresentare numericamente almeno il 50% del totale dei soci;
      2. essere titolari di quote o di azioni per almeno il 50% del capitale sociale;
      3. avere residenza nel territorio della Regione Umbria;
      4. non essere dipendenti pubblici.

Per le donne che intendono reinserirsi nel mercato del lavoro è previsto un innalzamento del limite massimo di età fino a 40 anni.

Le imprese che presentano domanda non devono avere obblighi di pagamento insoluti nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Che tipo di beneficio offrono i finanziamenti per i giovani imprenditori?

Il valore totale del finanziamento è di 700 mila euro, di cui 420 mila euro sono assegnate alla Provincia di Perugia e 280 mila euro alla Provincia di Terni. Le stesse risorse potranno essere incrementate con ulteriori assegnazioni disposte dalla Giunta Regionale.

Le agevolazioni consistono in contributi in conto esercizio e in misure tese ad agevolare l’investimento. I contributi in conto esercizio sono finalizzati:

  • alla copertura dei costi per la costituzione dell’impresa, fino ad un massimo di mille e 300 euro;
  • alla copertura dei costi sostenuti nel primo anno di attività fino ad un massimo del 50% e comunque per un importo non superiore a 10 mila euro, relativamente a:
    • spese di locazione di immobili strumentali all’attività d’impresa;
    • oneri finanziari derivanti da operazioni di finanziamento a breve termine;
    • acquisizione di servizi di consulenza specialistica.
  • alla copertura dei costi sostenuti per la concessione di garanzie sui finanziamenti bancari per un massimo di 7 mila euro.

Le misure tese ad agevolare l’investimento riguardano l’acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti, licenze, marchi, impianti e ristrutturazione di fabbricati (in questo caso le spese potranno essere riconosciute nella percentuale massima del 25%).
Gli investimenti possono essere riconosciuti:

  • con anticipo fino ad un massimo del 75% degli investimenti e comunque per un importo non inferiore a 16 mila euro e non superiore a circa 66 mila euro;
  • o con contributo per l’abbattimento del tasso d’interesse (massimo 5% su finanziamenti bancari a medio e lungo termine) per investimenti compresi tra i 66 mila euro ed i 130 mila euro.

Per essere ammesse le spese dovranno essere sostenute a partire dalla data di costituzione dell’impresa e gli interventi agevolati dovranno concludersi entro il termine di un anno dalla data di pubblicazione sul B.U.R.U. dell’atto di ammissione a finanziamento.

Come e quando può essere presentata la domanda per accedere ai finanziamenti per i giovani imprenditori?

La domanda potrà essere presentata fino al 2 gennaio 2018.

La domanda e il Progetto d’impresa (entrambi debitamente redatti e sottoscritti secondo l’apposita modulistica) dovranno essere presentati a mano o inviati tramite raccomandata a/r, oppure tramite P.E.C.

Essendo questo finanziamento rivolto a dei giovani che per certi versi possono ancora non essere perfettamente in grado di barcamenarsi nei districati sentieri della burocrazia italiana, il consiglio è di farvi affiancare da un valido professionista per l’espletamento di tutta la burocrazia.

Approfondisci la Legge Regionale 12/95 sui finanziamenti ai giovani imprenditori.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy