Rottamazione cartelle Equitalia 2017: nasce Equipro per i professionisti

Ecco Equipro, il servizio online per aiutare i professionisti nella gestione di cartelle, avvisi e scadenze.

Importanti novità da Equitalia, che dopo aver comunicato la rottamazione di oltre 440 mila cartelle esattoriali, ha annunciato la nascita di Equipro: la nuova area riservata all’interno del portale di Equitalia che consente ai professionisti di gestire cartelle, avvisi e scadenze dei clienti.

A chi è rivolto Equipro?

Annunciato con un comunicato stampa del 16 marzo, Equipro si presenta come un importante strumento a disposizione dei professionisti del settore per consentire a quest’ultimi di svolgere direttamente dal proprio pc, smartphone e tablet, tutte le operazioni necessarie per poter gestire al meglio le cartelle esattoriali dei loro clienti, con relativi avvisi, rate e scadenze.

Più di 20 le categorie di professionisti, associazioni e ordini, che possono usufruire di Equipro per svolgere la loro attività e tra questi si annoverano: commercialisti, consulenti del lavoro, avvocati tributaristi e centri di assistenza fiscale (CAF).

Di cosa tratta Equipro?

Una volta effettuato l’accesso all’area riservata del portale di Equitalia, l’intermediario o l’incaricato abilitato ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, può accedere a varie funzioni, come ad esempio:

  • visualizzare on line la posizione debitoria del cliente, facendo riferimento a cartelle esattoriali emesse a partire dal 2000;
  • piani di rateizzazione dei loro clienti;
  • pagare l’importo relativo alle cartelle di pagamento e gli avvisi;
  • richiedere la rateizzazione dei debiti e trasmettere domande di rateizzazione per importi fino a 60 mila euro;
  • sospensione legale della riscossione;
  • trasmissione della dichiarazione necessaria per l’adesione alla definizione agevolata così come stabilito dal D.L. N. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016: ovvero la cosiddetta rottamazione cartelle Equitalia, che consente di pagare l’importo residuo del proprio debito senza dover pagare sanzioni e interessi di mora.
Leggi anche:  Agevolazioni e bonus 2016: ce n'è per tutti

Come funziona Equipro?

Per accedere all’area riservata del portale di Equitalia, l’intermediario deve avere innanzitutto l’abilitazione al servizio Entratel dell’Agenzia delle Entrate e il permesso a poter utilizzare la funzione denominata “servizi on-line Equitalia”.

Inoltre gli intermediari devono necessariamente avere la delega dei loro clienti per l’accesso ai servizi offerti da Equipro e per ottenerla bisogna seguire i tre seguenti passaggi:

  • l’intermediario abilitato deve entrare nell’Area riservata agli intermediari – Equipro con le credenziali di Entratel dell’Agenzia delle Entrate oppure tramite Smart Card (Carta Nazionale dei Servizi), accedere alla sezione “Gestione deleghe” e accettare il regolamento con le “Condizioni generali di adesione” al servizio che ha validità 4 anni;
  • il cliente che vuole dare la delega all’intermediario deve a sua volta entrare nell’Area riservata ai cittadini con le sue credenziali e accedere alla sezione “Delega un intermediario”, accettare le “Condizioni generali di adesione” ai servizi web e scrivere il codice fiscale dell’intermediario abilitato a cui vuole affidare l’incarico. La delega ha validità 2 anni e può essere revocata in qualsiasi momento si voglia;
  • per ultimo l’intermediario abilitato entra nuovamente nella sezione “Gestione deleghe” e accetta la delega.

Per chi invece non ama utilizzare il pc e soprattutto internet, è possibile consegnare la delega all’intermediario abilitato semplicemente recandosi di persona presso la sede di quest’ultimo.

Un servizio importante, quello offerto da Equitalia, che aiuterà a semplificare il lavoro dei professionisti, rendendo più agevole la rottamazione delle cartelle Equitalia e le modalità di pagamento. Se vi arriva una cartella Equitalia, quindi, non dovete più fare lunghe code allo sportello, ma potete usufruire di uno sportello telematico completo e accessibile 24 ore su 24.

Leggi anche:  Tasse: taglio IRES anticipato al 2016 per chi investe al Sud

Fonte: Equitalia

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook