Liquidazione tfr colf e badanti: regole e calcoli

Il rapporto di lavoro può cessare per libera volontà del lavoratore domestico o del datore di lavoro. In entrambi i casi alle colf e badanti va pagato il TFR, cioè il cosiddetto trattamento di fine rapporto.

Oggi l’aiuto di colf e badanti nelle famiglie italiane è in continuo sviluppo, così come i diritti e le tutele riguardanti la loro posizione lavorativa, dal momento dell’assunzione, al pagamento dei contributi previdenziali fino al licenziamento.

Il servizio di comunicazione della cessazione del rapporto di lavoro è rivolto ai datori di lavoro, in caso di licenziamento, e ai lavoratori domestici in caso di dimissioni.

In quali casi viene riconosciuto la liquidazione del TFR per colf e badanti?

I casi in cui viene riconosciuta la liquidazione del TFR sono scadenza del contratto, dimissioni, licenziamento, per volontà reciproca delle parti. In particolare nel caso di cessazione dell’attività il TFR viene pagato anche se il rapporto di lavoro cessa durante il periodo di prova, sempre se detta prova sia durata almeno 15 giorni.

Il TFR ammonta a una mensilità ad ogni anno di lavoro, regola che vale per tutti i dipendenti.

Ad esempio, un rapporto di lavoro durato tre anni impone una liquidazione pari al triplo del normale assegno mensile. Se la durata del rapporto è stata di 10 anni, il TFR ammonta a 10 mensilità.

Quindi alla fine dell’anno viene accantonata la quota annua di retribuzione del TFR, dividendo per 13,5, la somma di tutti gli elementi corrisposti in forma costante durante l’anno, compresa la tredicesima e l’eventuale indennità di vitto e alloggio (quest’ultimo in caso di lavoratori conviventi). A partire dal 2 anno di lavoro, le quote di TFR accantonate al 31 dicembre dell’anno precedente, devono essere rivalutate secondo la somma dei due seguenti coefficienti:

  • coefficiente annuale fisso: pari a 1,5% su base annua;
  • coefficiente variabile: pari al 75% dell’aumento del costo della vita accertato dall’ISTAT;

La somma del TFR accantonato e rivalutato, più l’accantonamento del TFR dell’anno in corso, dovrà essere rivalutato l’anno successivo, secondo i tassi ISTAT in vigore, e così via, rivalutando il complessivo delle somme ogni anno. Quindi il TFR totale, da versare al lavoratore, sarà pari alla somma dell’accantonamento relativo all’ultimo anno di lavoro, fino al momento della cessazione del rapporto di lavoro o del mese in cui si interrompe il rapporto e dell’accantonamento complessivo, relativo agli anni precedenti, rivalutato fino al mese di cessazione del rapporto di lavoro.

È buona norma, anche se non obbligatorio, consegnare al lavoratore, un prospetto contenente le modalità di calcolo del trattamento di fine rapporto, determinato secondo le regole previste dal contratto collettivo di categoria. La ricevuta del TFR deve essere prodotta in duplice copia: una per il lavoratore, firmata dal datore di lavoro, l’altra per il datore di lavoro firmata dal lavoratore.

La quota del TFR annuale, non viene versata di volta in volta, ma accantonata dal datore e riportata nel Cud del dipendente (Certificazione Unica dei Redditi) di modo che possa essere verificata in ogni momento dell’interessato. Solo alla fine del rapporto di lavoro, il datore versa alla badante le quote sino ad allora “messe da parte”, compreso quelle relative all’ultimo anno.

È possibile richiedere l’anticipo della liquidazione del TFR?

Il Contratto collettivo nazionale prevede la possibilità, per la badante, di chiedere un anticipo del TFR. L’anticipo potrà essere per non più di una volta all’anno e nella misura del 70% di quanto maturato.

La tutela di colf e badanti, in materia di licenziamento, è più debole rispetto alla tutela spettante alla generalità dei lavoratori dipendenti, in quanto la prestazione lavorativa è svolta nei confronti di privati, famiglie o piccole comunità, non di imprese o professionisti. In ogni caso è sempre meglio chiedere l’assistenza a un Caf o a un consulente del lavoro, per evitare di sbagliare nei calcoli e trovarsi a gestire una contestazione.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativaPolicy e privacy