Ticket strisce blu scaduto: multa legittima si o no?

Tra i tanti problemi che affliggono i cittadini, sopratutto quelli che vivono o lavorano nei grandi   comuni, oggi tratteremo di quelli relativi alla sosta dei veicoli: in particolare, tratteremo della sosta all’interno delle strisce blu, tentando di fare chiarezza su un argomento alquanto spinoso, oggetto   di varie controversie. Infatti sarà di certo capitato a molti di noi, di parcheggiare l’auto nelle strisce blu, avere regolarmene pagato il ticket per la sosta, e di aver trovato al ritorno la sgradita sorpresa di una multa, per avere sforato l’orario.

Negli ultimi anni diversi dibattiti si sono accesi sia in giurisprudenza che a livello amministrativo, e forti proteste si sono scatenate, rispetto alla legittimità delle multe effettuate per la permanenza di auto nelle strisce blu con il ticket scaduto. Si spera che aiuti a mettere la parola fine su tutto questo polverone, una nota diffusa proprio in questi giorni, con cui il Ministero dei Trasporti, ha reso pubblica la sua posizione in merito alle sanzioni comminate in questa situazione.

Tale nota chiarisce che, ai fini della legittimità delle multe in questione, è necessario che vi sia un regolamento comunale che indichi tutti i casi in cui sia obbligatorio il pagamento del ticket per la sosta sulle strisce blu, e in particolare:

  • in quali fasce orarie;
  • in quali giorni della settimana;
  • per quali categorie di veicoli.

Solo se tali parametri sono stati ben definiti nel provvedimento del Comune, i vigili o gli ausiliari del traffico, potranno elevare la multa da 25 euro agli automobilisti che lasciano l’auto parcheggiata sulle strisce blu con il ticket scaduto. Diversamente, la sanzione è illegittima. Quindi, ammesso che ci si voglia avventurare in un ricorso al giudice di pace, si potrebbe eccepire l’inesistenza del regolamento comunale, onerando l’amministrazione di esibirlo in giudizio; in assenza di tale prova, si vincerebbe il ricorso.

Leggi anche:  Nuova Social card 2017

Fonte: Min. Trasporti e infrastrutture, nota n. 53284/2015

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook