Le agevolazioni fiscali prima casa si riapplicano in caso di nuovo acquisto: ecco le condizioni

Si può beneficiare nuovamente delle agevolazioni prima casa in caso di acquisto di una nuova abitazione, purché entro un anno venga venduta la precedente.

È possibile usufruire nuovamente delle agevolazioni prima casa se si acquista, anche a titolo gratuito, una nuova casa da utilizzare come prima abitazione, ma a certe condizioni.

L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha stabilito che le agevolazioni possono essere reiterate, ossia una persona che ne abbia già beneficiato in occasione dell’acquisto di un immobile ad uso abitativo, può godere nuovamente di questo trattamento fiscale se è in procinto di acquistare una nuova casa, ma deve soddisfare determinati requisiti. Vediamo meglio di cosa si tratta.

L’Agenzia ha risposto ad una domanda di interpello presentata da una persona che in precedenza aveva acquistato tramite agenzia immobiliare una casa a titolo oneroso (cioè pagando il corrispettivo di vendita) e che successivamente aveva ricevuto in donazione (quindi a titolo gratuito) un’abitazione da parte della madre.

A questo punto la persona interessata aveva sentito la necessità di tenere la casa donatale dalla madre e rivendere quella che aveva acquistato in precedenza dalla società immobiliare.

In tale situazione si può beneficiare nuovamente delle agevolazioni fiscali prima casa?

È questo il succo della questione sottoposta all’Agenzia delle Entrate tramite domanda di interpello, la quale, con la Risoluzione n. 86 del 4 luglio 2017, ha accolto positivamente la domanda, ma ha posto dei paletti.

Le agevolazioni prima casa potranno essere nuovamente richieste, ma nel momento in cui viene stipulato l’atto di donazione in proprio favore, il donatario o la donataria dovrà assumere l’impegno formale a vendere entro un anno l’immobile acquistato in precedenza con le agevolazioni fiscali.

Leggi anche:  Nuove imprese in territorio lucano grazie al pacchetto CreOpportunità

Appare chiaro che non si possono avere due case di proprietà usufruendo per entrambe delle agevolazioni prima casa e per questo il Fisco, da un lato permette di avere il trattamento agevolato su una casa acquistata successivamente, ma dall’altro impone al beneficiario di vendere entro un anno il precedente immobile per il quale si era già goduto delle agevolazioni.

L’Agenzia ha precisato, inoltre, che la normativa si applica in generale anche ai casi di successione. Le agevolazioni dovranno essere richieste contestualmente all’atto del trasferimento di proprietà dell’immobile.

Questo importante chiarimento reso dall’Agenzia delle Entrate rappresenta un’ulteriore eccezione alla regola della perdita delle agevolazioni in caso di vendita della prima casa o di donazione dell’immobile effettuata entro i 5 anni.

Approfondisci la Risoluzione 86/2017 dell’Agenzia delle Entrate.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook