Master nella regione Basilicata: sostegno alla frequenza per i giovani laureati

2 milioni di euro i fondi destinati coprire l’iscrizione a master non universitari in Italia e all’estero.

La fase economica attuale, come noto, è caratterizzata da un mercato del lavoro gravato da condizioni che ne rendono sempre più difficile l’accesso da parte dei giovani. E, se in passato, la conquista della Laurea ha costituito un titolo sufficiente per ottenere un posto di lavoro, oggi la situazione è notevolmente mutata; ci si confronta infatti con un quadro decisamente complesso, in cui da un lato si deve constatare l’abbassamento delle competenze mediamente richieste per ricoprire le posizioni offerte dal mercato del lavoro e dall’altro, dalla necessità di acquisire competenze specifiche per accedere invece a ruoli e posizioni superiori.

La Regione Basilicata, quindi, partendo da questa situazione, punta a sostenere coloro che si iscriveranno e frequenteranno master non universitari, con un contributo fino a 10 mila euro grazie allo stanziamento di un fondo totale di 2 milioni di euro.

Chi può accedere al contributo per i master della Regione Basilicata?

Possono accedere:

  • laureati inoccupati al momento della presentazione della domanda;
  • iscritti ad un master avviato dal 1° febbraio 2016 e che non sia ancora concluso al momento dell’invio della domanda o che verrà avviato entro il 30 aprile 2017.

Requisito essenziale è il possesso della residenza in Basilicata al momento dell’iscrizione e per tutta la durata del master; è possibile anche rientrare fra i residenti all’estero di origine lucana. Rimangono invece esclusi dalla possibilità di poter accedere al bando coloro che siano stati già beneficiari per l’iscrizione ad un altro master universitario o non universitario, o abbiano ricevuto contributi relativi a bandi di offerte formative regionali o comunitari, così come i beneficiari anche solo parziali di contributi pubblici, finalizzati a coprire i costi di iscrizione al master per cui si richiede il contributo.

Leggi anche:  Leasing Prima casa: un’opportunità per le giovani coppie

Restano esclusi dal contributo i corsi di specializzazione:

  • rientranti nel sistema di educazione continua in medicina;
  • con durata superiore al biennio e finalizzati al conseguimento della formazione obbligatoria richiesta per l’iscrizione ad Albi professionali;
  • i master svoltisi tra il 1° febbraio 2016 e il 30 aprile 2017 il cui titolo finale sia stato conseguito prima della presentazione della domanda.

Di cosa tratta il contributo per i master della Regione Basilicata?

Il contributo prevede l’erogazione di un voucher per la copertura parziale o totale dei costi sostenuti per l’iscrizione ad un master. La percentuale rimborsata sarà rapportata all’Isee presentato dal richiedente: si andrà dal 100% del rimborso dei costi di iscrizione per un Isee fino a 40 mila euro e, a scendere, fino al 50% del rimborso per Isee compresi fra 60 mila e 80 mila euro; le percentuali sono relative ad un costo massimo di iscrizione al Master di 10 mila euro.

Il titolo dovrà essere conseguito entro il 31 gennaio 2018 e la documentazione necessaria per ottenere il rimborso esibita entro il 28 febbraio 2018.
Il bando inoltre, al fine di consentire la frequenza di master che si terranno in una sede diversa dal luogo di residenza, prevede un rimborso forfettario delle spese di soggiorno, che verrà rapportato agli effettivi giorni di frequenza. Inoltre è previsto un rimborso forfetario per le spese di viaggio sostenute per la frequenza di master tenuti all’estero entro 2.500 euro.

È necessario che i master siano tenuti da enti che abbiano nel campo della formazione la loro principale attività e operino in Regione da almeno tre anni con accreditamento presso il sistema regionale. La durata dei corsi non potrà essere inferiore alle 900 ore di lezione e l’Ente organizzatore dovrà garantire – oltre ad un direttore scientifico di comprovata esperienza – un corpo docenti specializzati nelle materie oggetto di insegnamento. I master, inoltre, dovranno prevedere un meccanismo selettivo per l’accesso e dovranno assicurare la presenza di tutor in un numero proporzionale agli iscritti (comunque non inferiore ad un quinto dei partecipanti).

Leggi anche:  Ticket Welfare: ecco di cosa si tratta

Come fare ad accedere ai contributi per i master della Regione Basilicata?

Le domande devono essere presentate entro il 31 marzo 2017 attraverso il modulo di dichiarazione unica, reperibile sul sito della Regione. Nel caso in cui il richiedente scelga di partecipare ad un master con data di inizio a partire dal 30 aprile, sarà tenuto a presentare la sua domanda entro il 30 aprile 2017 indicando la data di avvio del master.
L’alta formazione rappresenta oggi uno dei percorsi privilegiati per la propria riqualificazione professionale o per la valorizzazione delle competenze di cui si è già in possesso. Conseguire un master può fare la differenza per un primo inserimento nel mercato del lavoro o, per chi ne è stato invece escluso, per il reinserimento.

Questa possibilità, offerta dalla Regione Basilicata, rappresenta un incentivo che solleva dal sostenere i costi di un master, spesso uno dei principali ostacoli alla loro frequenza per gran parte dei potenziali partecipanti, soprattutto per chi non percepisce un reddito stabile; se sei interessato consulta uno specialista e invia subito la domanda.

Fonte: Regione Basilicata

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook