Pass Laureati Regione Puglia: voucher per Master in Italia o all’estero

Sono 10 i milioni stanziati dalla Regione Puglia per finanziare coloro che vogliono iscriversi a un master in Italia o all’estero.

Il nostro Paese sta affrontando una crisi che all’apparenza può sembrare esclusivamente di natura economica, ma che in realtà ha radici molto più profonde. Se si va a fondo della questione è facile constatare come il vero problema sia di tipo culturale: capacità di innovare, di produrre e creare infrastrutture, che in passato hanno portato crescita e sviluppo, oggi sembrano essere solo un pallido ricordo. La scelta migliore che si può fare è quella di investire nel futuro: come? Aiutando menti brillanti a formarsi affinché possano contribuire a una nuova rinascita del Paese.
La Regione Puglia ci prova attraverso un bando che mira a realizzare gli obiettivi stabiliti nella SmartPuglia2020 e nell’Agenda Digitale Puglia 2020, ossia sostenere finanziariamente e tecnicamente la crescita e la qualificazione professionale del segmento più scolarizzato della gioventù pugliese valorizzandone le capacità e le potenzialità creative, professionali ed occupazionali.

 A chi sono destinati i pass laureati della Regione Puglia?

Possono richiedere i voucher formativi previsti dal beneficio “pass laureati” tutti coloro che sono nati successivamente alla data del 31/12/1981 e che:

  • siano iscritti nelle liste anagrafiche di uno dei Comuni presenti nel territorio della Regione Puglia da almeno 2 anni;
  • siano in possesso di diploma di laurea vecchio ordinamento, laurea triennale o laurea magistrale;
  • non abbiano già ricevuto, a qualunque titolo, borse di studio post laurea erogate dalla Regione Puglia;
  • abbiano un reddito familiare non superiore a 30 mila euro, individuato esclusivamente sulla base dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) 2017.
Leggi anche:  Bonus idrico 2018: fino al 30% di sconto in bolletta

In cosa consistono i pass laureati delle Regione Puglia?

I pass laureati, sono destinati a rimborsare in toto o in parte le spese di iscrizione per:

  • master post laurea di I o II livello, erogati da Università italiane e straniere, pubbliche e private riconosciute dall’ordinamento nazionale che prevedano il riconoscimento di almeno 60 CFU o 60 ECTS (cioè crediti calcolati con il sistema europeo di trasferimento e accumulo dei crediti);
  • master post laurea accreditati ASFOR o EQUIS o AACSB o riconosciuti da Association of MBAS (AMBA), erogati da Istituti di formazione avanzata sia privati che pubblici con una durata complessiva non inferiore a 1.500 ore.

Qualunque corso si scelga, questo deve concludersi necessariamente entro il 31 marzo 2019 e prevedere il rilascio finale di un attestato.

Sono ritenuti master prioritari ai fini dei pass quelli nei settori: aerospazio, sistema meccanico – meccatronico, sistema della logistica, sistema della nautica da diporto, sistema moda-persona, sistema casa (legno e arredo), settore materiali lapidei, agrifood, settore green economy, settore ict, industria creativa.

Per i pass laureati la Regione Puglia ha stanziato 10 milioni di euro; per ogni master è previsto un voucher del valore massimo di 7,5 mila euro se si tratta di corsi nazionali o 10 mila per quelli in facoltà estere.

Il valore effettivamente erogato sarà rapportato all’ISEE:

  • ISEE 2017 da 0 a 10 mila euro: riconoscimento del 100% del costo di iscrizione;
  • ISEE 2017 oltre i 10 mila fino a 20 mila euro: riconoscimento del 90% del costo di iscrizione;
  • ISEE 2017 oltre 20 mila fino a 30 mila euro: riconoscimento dell’80% del costo di iscrizione.

Come si presenta la domanda per i pass laureati delle Regione Puglia?

La domanda può essere presentata esclusivamente online attraverso la procedura Pass Laureati messa a disposizione nella Sezione Formazione Professionale.
La procedura si chiuderà il 31 ottobre 2017, a meno che il numero di richieste sia inferiore ai fondi messi a disposizione.

Leggi anche:  Quando registrare una telefonata è legale?

Al termine della procedura verrà rilasciato un “codice di pratica” univoco; successivamente il richiedente dovrà completare la procedura inviando tramite posta certificata (PEC) una mail, con il pdf della domanda e relativi allegati all’indirizzo  passlaureati@pec.rupar.puglia.it.

I documenti da allegare alla domanda sono:

  • autocertificazione riportante la data di conseguimento del diploma di laurea, la votazione conseguita e la durata legale del corso di studi frequentato;
  • autocertificazione attestante residenza e non ottenimento di ulteriori benefici;
  • modello ISEE 2017;
  • autocertificazione attestante il proprio stato di disoccupazione/occupazione e del reddito personale percepito nell’anno corrente;
  • copia del documento di identità;
  • brochure ufficiale (o altro documento equivalente) del master scelto;
  • dichiarazione del soggetto erogatore del Master circa la coerenza dello stesso con gli obiettivi della “Smart Specialization Strategy”.

Il consiglio è di leggere bene il bando, scegliere con attenzione un master (visto che una volta scelto non potrà essere cambiato) e correre a presentare la domanda. Un’occasione del genere difficilmente si ripresenterà!

Approfondisci il beneficio Pass Laureati della Regione Puglia.