Nuovo Reddito di Attivazione della Provincia Autonoma di Trento

Piano anti-crisi a sostegno delle famiglie in difficoltà economica. Il nuovo programma di incentivi della Provincia Autonoma di Trento (PAT) è manna dal cielo per i disoccupati con disagio sociale.

La Provincia Autonoma di Trento (PAT) ha dato inizio ad un nuovo reddito di attivazione destinato a sostenere le famiglie che soffrono un forte disagio economico sociale a fronte di un dilagante e elevato livello di disoccupazione. Le prestazioni sono destinate ai soli residenti della Provincia Autonoma di Trento e gli incentivi saranno erogati dall’INPS che attraverso la circolare n. 192 del 20 ottobre 2016 ha fornito tutte le informazioni utili per usufruire del NuovoRA.

Riportiamo di seguito un sintetico vademecum con le principali informazioni.

Soggetti destinatari del nuovo reddito di attivazione

Oltre al requisito di residenza è necessario:

  • essere disoccupato;
  • aver sottoscritto, ai sensi dell’art. 5 comma 4 del Decreto Interministeriale 29 ottobre 2015, il Progetto personalizzato presso il Centro d’Impiego;
  • aver fruito della NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego) per la sua durata massima;
  • essere ancora disoccupato al termine del periodo NASpI;
  • non aver maturato i requisiti per il pensionamento anticipato, di vecchiaia o l’assegno sociale;
  • essere in possesso di una attestazione dell’ISEE con indicatore pari o inferiore agli 8 mila euro;

Il NuovoRA ha una durata massima di 6 mesi e viene distribuito dal giorno successivo della fine dell’erogazione della NASpI.

Modalità di presentazione della domanda

La richiesta di accesso ai benefici del Nuovo reddito di Attivazione deve essere presentata all’INPS mediante piattaforma telematica con assegnazione di protocollo elettronico; questa procedura tende a garantire i requisiti di trasparenza, imparzialità della Pubblica Amministrazione nonché individua il responsabile del procedimento. La domanda deve essere redatta direttamente dal soggetto beneficiario tramite:

  • sito INPS se in possesso del PIN identificativo;
  • patronato;
  • Contact Center Integrato INPS-INAIL.
Leggi anche:  Il Psr Emilia Romagna con la sottomisura 10.01.10 pensa alla natura

La richiesta deve essere presentata non oltre il trentesimo giorno dal termine della NASpI.

Importo della prestazione

L’importo giornaliero delle prestazioni NRA sarà pari al 75% dell’ultima indennità giornaliera NASpI percepita, senza considerare eventuali quote di assegno per il nucleo familiare (ANF). In caso di minori a carico l’importo giornaliero è aumentato in modo proporzionale come da Tabella 1 allegata al Decreto Interministeriale 29 ottobre 2015. Le prestazioni saranno erogate mensilmente moltiplicando l’importo giornaliero per 30 eccetto il mese di febbraio che avrà come moltiplicatore 28 o 29 giorni.

Sospensione, riduzione e decadenza dell’erogazione NRA

Le prestazioni del nuovo reddito di attivazione sono sospese e decadono qualora i requisiti che titolano il beneficiario alla prestazione stessa vengano meno, ossia in caso di assunzione o irregolarità di certificazione ISEE.

Regime fiscale del nuovo reddito di attivazione

La evidente natura assistenziale del nuovo reddito di attivazione lo rende esente dall’imposta sul reddito delle persone fisiche, ai sensi dell’art. 34, comma 3 del D.P.R. del 29 settembre 1973, n. 601.

Il presente vademecum ha l’intento di fornire in modo semplificato gli elementi essenziali per la percezione dei benefici del nuovo reddito di attivazione. Tuttavia si rimanda il lettore a consultare il sito ufficiale della Provincia Autonoma di Trento (PAT) oppure dell’INPS.

Info: Circolare INPS e Allegato 1

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook