Bonus 80 euro 2018: nuovi requisiti per il “Bonus Renzi”

Adeguate le soglie di reddito per avere diritto al Bonus da 80 euro per il 2018, per evitare penalizzazioni ai dipendenti pubblici per effetto del nuovo contratto collettivo.

Cambiano per il 2018 i requisiti per ottenere il Bonus da 80 euro, conosciuto anche come Bonus Renzi, il beneficio fiscale che permette ai cittadini che rientrano in determinate fasce di reddito di ottenere uno sconto fino ad un massimo di 80 euro al mese dal pagamento dell’IRPEF. In sostanza, il lavoratore beneficiario si troverà con massimo 80 euro in più in busta paga.

A causa del rinnovo del contratto collettivo dei dipendenti pubblici, che ha previsto degli aumenti di stipendio, si è reso necessario anche rivedere, con la Legge di Bilancio 2018, i requisiti di reddito per poter ottenere il Bonus, in modo da non escludere coloro che per effetto di questo aumento sarebbero usciti dalle fasce di reddito beneficiarie.

Vediamo più nel dettaglio che cosa è successo.

Come funziona il Bonus 80 euro 2018?

Innanzitutto premettiamo che fino al 2017, per poter beneficiare del Bonus pieno, cioè da 80 euro al mese (960 euro all’anno), era necessario rientrare in una fascia di reddito compresa tra un minimo di 8,174 mila euro ad un massimo di 24 mila euro. La seconda fascia andava da 24 mila a 26 mila euro e prevedeva una riduzione graduale all’aumentare del reddito, fino ad azzerarsi del tutto al superamento dei 26 mila euro.

Leggi anche:  Bonus telefono e Internet 2019: le agevolazioni per i nuclei familiari in difficoltà

Con gli aumenti previsti dal nuovo contratto collettivo di lavoro dei dipendenti pubblici, molti cittadini avrebbero rischiato di vedere ridotto o annullato il proprio Bonus.

Per evitare questi effetti distorti è intervenuto il Governo, che ha inserito un emendamento alla Legge di Bilancio 2018, aumentando i limiti di reddito per poter percepire questo beneficio fiscale.

Conseguentemente percepiranno 80 euro al mese coloro che hanno un reddito annuo compreso tra 8,174 mila euro a 24,600 mila euro, mentre rientreranno nella seconda fascia (quella che prevede una riduzione proporzionale all’aumentare del reddito) le persone che percepiscono un reddito annuo compreso da 24,600 e 26,600 mila euro.

Queste nuove soglie di reddito valgono non solo per i dipendenti pubblici, ma anche per i lavoratori del settore privato.

Si prevede che con questa operazione potrebbe aumentare anche il numero dei beneficiari, includendo nel Bonus persone che fino all’anno scorso non ne avevano diritto.

Quali categorie beneficiano del Bonus 80 euro 2018?

Sono diverse le categorie di soggetti che possono beneficiare di questa agevolazione fiscale e nello specifico:

  • lavoratori dipendenti e assimilati, anche a tempo determinato;
  • lavoratori socialmente utili;
  • lavoratori a progetto;
  • soci di cooperative;
  • titolari di indennità di mobilità, di cassa integrazione o di indennità di disoccupazione “NASPI”;
  • coloro che percepiscono un assegno per formazione professionale o borse di studio;
  • percettori di remunerazioni sacerdotali.

Bonus 80 euro 2018: come viene erogato?

Le modalità con cui viene erogato il Bonus non sono cambiate. I lavoratori dipendenti otterranno la somma spettante direttamente in busta paga, essendo il datore di lavoro a provvedere in base alle informazioni sul reddito.

Se si ritiene di essere in diritto di percepire il Bonus e questo non viene riconosciuto in busta paga, oppure la somma erogata non sembra coincidere con quella che dovrebbe spettare, conviene chiedere l’aiuto di un consulente per verificare la sussistenza dei requisiti del diritto e calcolare la somma spettante.

Leggi anche:  Quattordicesima 2019: a chi spetta e a quanto ammonta

Per quei lavoratori che, invece, non hanno un sostituto di imposta che effettua le ritenute IRPEF sul proprio reddito, il Bonus potrà essere recuperato con la presentazione della dichiarazione IRPEF (tramite Modello Unico o 730).

Nel caso si abbiano ulteriori dubbi sul Bonus da 80 euro, si suggerisce di consultare un consulente.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy