Ferie, diritto del lavoratore!

Con l’arrivo della bella stagione arrivano le ferie per la maggior parte dei lavoratori. C’è chi le ha già prese, chi le prenderà nei prossimi mesi, chi ne approfitterà per farsi un bel viaggio oltreoceano, chi farà dei mini viaggi rimanendo entro i confini nazionali, cogliendo l’occasione per andare a trovare parenti e amici, e così via. Questo ci dà oggi spunto per cercare di capire quali norme disciplinano questa materia (tanto gradita a tutti noi lavoratori), e chi decide sul come e quando prendere le ferie maturate.

La Costituzione sancisce l’irrinunciabilità delle ferie, e l’effettiva fruizione delle ferie deve addirittura essere imposta al lavoratore. La legge n°66/2003, stabilisce che il lavoratore ha diritto ad un periodo ferie retribuite di almeno quattro settimane, e che tale periodo non può essere sostituito dalla relativa indennità per ferie non godute (a meno che non sia finito il rapporto di lavoro). Il codice civile stabilisce, che il periodo di ferie debba essere goduto per almeno la metà, nell’anno di maturazione e per il residuo nei successivi 18 mesi dalla maturazione. Una circolare del Ministero del Lavoro chiarisce che al lavoratore deve essere garantito un periodo di almeno due settimane, da fruirsi in modo ininterrotto nel corso dell’anno di maturazione, ma solo su richiesta del lavoratore stesso. I contratti collettivi e aziendali possono stabilire condizioni migliorative.

Vale la pena ricordare, che la Corte Costituzionale del corso degli anni ha inoltre stabilito diversi concetti che ormai diamo per scontati, quali ad esempio:

  • le ferie maturano in costanza di rapporto di lavoro, e lo fanno anche nei confronti dei lavoratori assunti in prova, e le stesse devono essere monetizzate in caso di recesso dal rapporto;
  • la malattia insorta durante il periodo di ferie ne interrompe il decorso.
Leggi anche:  Quattordicesima 2019: a chi spetta e a quanto ammonta

Ma è di fondamentale importanza chiarire che il datore di lavoro ha un ruolo fondamentale nell’organizzazione delle ferie dei propri lavoratori, in quanto tenendo conto delle esigenze del lavoratore, è tenuto a consentire la fruizione delle ferie, compatibilmente con le esigenze connesse con la propria organizzazione aziendale, ovvero ha l’ultima parola su quando mandare in ferie i propri dipendenti.

Fonte: Ministero del Lavoro, Circ. n.8, 8\03\2005

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattare l'azienda






[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy